Formazione 5 maggio 2014

Formazione: residenziale o a distanza, l’obiettivo è la qualità

Intervista a Luigi Presenti, presidente dei Chirurghi Ospedalieri Italiani 

Immagine articolo

In un mondo che va sempre più veloce, la sanità è chiamata a stare al passo. Per i medici, infatti, l’esigenza di un aggiornamento non solo costante, ma “in tempo reale”, sta diventando sempre più parte integrante della professione.

Così, accanto alla tradizionale formazione residenziale che da oggi, come sancito dall’Age.na.s., sarà sottoposta a più stringenti controlli, la tecnologia offre la possibilità ai professionisti sanitari di usufruire della formazione a distanza: un innegabile vantaggio in termini di tempo, denaro e qualità. Sul tema abbiamo sentito il dott. Luigi Presenti, presidente ACOI (Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani) che, grazie all’impegno sul campo della sua associazione, ben conosce le dinamiche legate al mondo della Educazione Continua in Medicina.

I controlli sono doverosi perché la formazione è un’attività istituzionale di cui dev’essere garantita la qualità

La formazione aiutata dalle nuove tecnologie, la Formazione a Distanza, è un comparto importante per i medici italiani.

Assolutamente sì, ci siamo resi conto di quanto la formazione sia necessaria non solo per i giovani medici ma anche per i medici già strutturati e attivi da tempo negli ospedali. Come associazione scientifica riteniamo di dover curare questo aspetto: già da alcuni anni, infatti, abbiamo iniziato progetti di formazione a distanza. Per noi è sì necessario sostenere anche la formazione residenziale, che è sempre più complessa  per la scarsità di risorse disponibili; ma la FAD ha il vantaggio di raggiungere tutti i nostri chirurghi associati, che possono così aggiornarsi costantemente sui temi più rilevanti della nostra branca. Ci sono tante FAD disponibili, ma noi vogliamo puntare sulla qualità, tecnica e non tecnica: su quest’ultimo punto, il dossier formativo elaborato dal Ministero e dall’Age.na.s. dedica una parte specifica; noi vogliamo assolvere a questo ruolo formativo curando anche questo aspetto, che ha peraltro caratterizzato la nostra associazione negli ultimi anni.

L’ Age.na.s. di recente si è rifatta il look modificando e migliorando il suo sito, ma soprattutto ha annunciato controlli importanti per verificare la qualità dei provider.

La nostra associazione è provider ormai da molti anni e svolgiamo un’intensa attività formativa attraverso le nostre scuole, i nostri convegni e la stessa FAD che abbiamo iniziato da alcuni anni. I controlli sono doverosi, in quanto la formazione è un’attività istituzionale di cui dev’essere garantita la qualità; e infatti abbiamo voluto, in quest’ambito, mantenere un dialogo con le istituzioni. Ben vengano, quindi, i controlli, per verificare il regolare accreditamento dei provider ma soprattutto per accertarsi che svolgano effettivamente un ruolo formativo e che non siano dei semplici veicoli di informazioni  spesso scadenti. Noi siamo pronti, perché da tempo lavoriamo intensamente sulla qualità della nostra formazione.

Articoli correlati
Formazione continua in Medicina, al via l’Evento nazionale ECM, Bevere (AGENAS): “Introdotte novità determinanti”
Adesione record per l’evento organizzato dalla Commissione Nazionale Formazione Continua con il supporto di AGENAS. Coletto, Presidente AGENAS - «Formazione sempre più vissuta come fattore strategico e insostituibile per essere al passo con una sanità in continua evoluzione». Bevere, Dg AGENAS: «Questa due giorni va a concludere un triennio di innovazione e ammodernamento del settore dell’ECM»
Formazione, nasce il corso ECM residenziale “empatia e burnout”
L’empatia come strumento per la prevenzione del Burnout è il tema del corso residenziale che si svolgerà in una location unica – la Casa del Divin Maestro – ad Ariccia, a pochi chilometri da Roma. Domandarsi la funzione dell’esercizio empatico nell’ambito delle professioni socio-sanitarie è come domandarsi la funzione dei libri all’interno di una biblioteca. Il concetto […]
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
Formazione, Paola Kruger: «Il paziente esperto è un valore aggiunto per il medico, non un contrasto»
«Essere un paziente esperto significa saper interloquire con gli altri stakeholders allo stesso livello e con un linguaggio scientifico che serve per veicolare le istanze da paziente nella maniera più corretta e autorevole» così Paola Kruger, Paziente Esperto EUPATI
Formazione ECM, Bovenga (Cogeaps): «È un dovere deontologico ma è anche requisito fondamentale per concorsi e iscrizione ad albi»
Al Forum Risk Management di Firenze il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie è intervenuto alla sessione organizzata dalla Simedet. A breve la pubblicazione del nuovo Manuale per la formazione dei professionisti sanitari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...