Formazione 5 Maggio 2014

Formazione: residenziale o a distanza, l’obiettivo è la qualità

Intervista a Luigi Presenti, presidente dei Chirurghi Ospedalieri Italiani 

Immagine articolo

In un mondo che va sempre più veloce, la sanità è chiamata a stare al passo. Per i medici, infatti, l’esigenza di un aggiornamento non solo costante, ma “in tempo reale”, sta diventando sempre più parte integrante della professione.

Così, accanto alla tradizionale formazione residenziale che da oggi, come sancito dall’Age.na.s., sarà sottoposta a più stringenti controlli, la tecnologia offre la possibilità ai professionisti sanitari di usufruire della formazione a distanza: un innegabile vantaggio in termini di tempo, denaro e qualità. Sul tema abbiamo sentito il dott. Luigi Presenti, presidente ACOI (Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani) che, grazie all’impegno sul campo della sua associazione, ben conosce le dinamiche legate al mondo della Educazione Continua in Medicina.

I controlli sono doverosi perché la formazione è un’attività istituzionale di cui dev’essere garantita la qualità

La formazione aiutata dalle nuove tecnologie, la Formazione a Distanza, è un comparto importante per i medici italiani.

Assolutamente sì, ci siamo resi conto di quanto la formazione sia necessaria non solo per i giovani medici ma anche per i medici già strutturati e attivi da tempo negli ospedali. Come associazione scientifica riteniamo di dover curare questo aspetto: già da alcuni anni, infatti, abbiamo iniziato progetti di formazione a distanza. Per noi è sì necessario sostenere anche la formazione residenziale, che è sempre più complessa  per la scarsità di risorse disponibili; ma la FAD ha il vantaggio di raggiungere tutti i nostri chirurghi associati, che possono così aggiornarsi costantemente sui temi più rilevanti della nostra branca. Ci sono tante FAD disponibili, ma noi vogliamo puntare sulla qualità, tecnica e non tecnica: su quest’ultimo punto, il dossier formativo elaborato dal Ministero e dall’Age.na.s. dedica una parte specifica; noi vogliamo assolvere a questo ruolo formativo curando anche questo aspetto, che ha peraltro caratterizzato la nostra associazione negli ultimi anni.

L’ Age.na.s. di recente si è rifatta il look modificando e migliorando il suo sito, ma soprattutto ha annunciato controlli importanti per verificare la qualità dei provider.

La nostra associazione è provider ormai da molti anni e svolgiamo un’intensa attività formativa attraverso le nostre scuole, i nostri convegni e la stessa FAD che abbiamo iniziato da alcuni anni. I controlli sono doverosi, in quanto la formazione è un’attività istituzionale di cui dev’essere garantita la qualità; e infatti abbiamo voluto, in quest’ambito, mantenere un dialogo con le istituzioni. Ben vengano, quindi, i controlli, per verificare il regolare accreditamento dei provider ma soprattutto per accertarsi che svolgano effettivamente un ruolo formativo e che non siano dei semplici veicoli di informazioni  spesso scadenti. Noi siamo pronti, perché da tempo lavoriamo intensamente sulla qualità della nostra formazione.

Articoli correlati
Carenza medici e formazione ECM, Magi a Codici: «Pronti al confronto e a certificare»
Il presidente Omceo Roma, Antonio Magi risponde alle accuse lanciate dall’associazione Codici riguardo ad un “allarmismo bluff” da parte della categoria dei medici. Dalla carenza di personale all’aggiornamento professionale, la replica dei camici bianchi
Dialisi peritoneale a domicilio, l’Aou Sassari forma i pazienti
Un incontro educativo dedicato ai pazienti che svolgono la dialisi peritoneale a domicilio e ai familiari che ne condividono l’esperienza, mirato ad una migliore conoscenza della malattia renale cronica avanzata e alla gestione del trattamento. È stato questo il tema centrale della riunione organizzata nei giorni scorsi dalla struttura complessa di Nefrologia, Dialisi e Trapianto […]
Carenza medici, per Codici l’allarme è solo un bluff: «Piuttosto verificare aggiornamento professionale»
Altro tema caldo di questi giorni, il presunto attacco subito dai medici sul piano legale. «Si parla di eccessivo clamore dato ai casi di malasanità – dichiara il Segretario Nazionale di Codici Ivano Giacomelli – Peccato, però, che ci si dimentichi di spiegare il perché si arriva a questi numeri»
Nuovo codice deontologico degli infermieri. Mangiacavalli (FNOPI): «Strumento di guida per la professione»
Nel testo un intero articolo è dedicato all’ECM, l’Educazione Continua in Medicina. Barbara Mangiacavalli, presidente della FNOPI: ««Abbiamo anche voluto rimarcare che l’infermiere adempie agli obblighi previsti»
Formazione post-laurea, Minerva (Als): «Non è stata adeguatamente programmata, servono 2090 borse in più»
«Non abbiamo più specializzati e gli ospedali corrono il rischio del crash», spiega il presidente dell'Associazione libero specializzandi. «Ci sono diverse migliaia di medici che vorrebbero entrare in questo percorso ma non riescono, si tratta di quasi 10mila studenti» aggiunge Minerva
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano