Formazione 11 Luglio 2019 09:37

ECM, lettera FNOMCeO agli Ordini su scadenza triennio formativo. Istituzioni al lavoro, ipotesi premialità

Tante le ipotesi in campo, da un inasprimento delle sanzioni ad un sistema di premialità, che saranno vagliate e valutate dai rappresentanti di categoria e dal Parlamento

ECM, lettera FNOMCeO agli Ordini su scadenza triennio formativo. Istituzioni al lavoro, ipotesi premialità

Si avvicina la fine del triennio formativo ECM. FNOMCeO e Ordini provinciali stanno sollecitando gli iscritti ad adempiere all’obbligo deontologico e di legge, ricordando che entro il 31 dicembre 2019 sarà necessario aver accumulato 150 crediti ECM.

Dopo la lettera inviata nei giorni scorsi dal presidente FNOMCeO Filippo Anelli, gli Ordini si stanno attivando per verificare quanti medici non risultano ancora in regola e le possibili soluzioni per agevolare i camici bianchi in ritardo.

Dal canto suo, il ministro della Salute Giulia Grillo, in occasione della prima riunione della nuova Commissione ECM, ha ipotizzato la creazione di «un sistema per l’aggiornamento professionale caratterizzato da incentivi e premialità per le aziende sanitarie». Tante le ipotesi in campo, quindi – da un inasprimento delle sanzioni ad un sistema di premialità – che saranno vagliate e valutate dai rappresentanti di categoria e dal Parlamento.

Lo stesso presidente della Commissione Sanità del Senato Pierpaolo Sileri non ha infatti escluso un intervento legislativo sul tema. Recentemente, ai nostri microfoni, ha evidenziato la necessità di «trovare metodi nuovi» che semplifichino la formazione dei medici.

LEGGI ANCHE: AGGIORNAMENTO ECM, PARTONO I CONTROLLI. CONSULCESI: «MEDICI PREOCCUPATI, PER LORO ARRIVA NUMERO VERDE»

Più volte, Anelli ha ricordato l’importanza della formazione: «I medici devono aggiornarsi. È una questione importante, perché l’obbligo formativo è previsto dalla Legge e non rispettarlo equivale a passare con il semaforo rosso. È ovvio che chi non adempie rischia una sanzione», ha dichiarato a Sanità Informazione, ipotizzando poco probabile una proroga.

«Ritengo che la maggioranza dei medici romani riuscirà a completare l’aggiornamento – ha detto Antonio Magi, presidente dell’OMCeO di Roma, a margine dell’ultima sessione degli Stati generali della professione medica -. Certo – ha aggiunto – ci sono delle normative da rispettare, e le abbiamo ricordate ai nostri iscritti».

Proprio l’Ordine di Roma ha infatti pubblicato sul proprio sito web un avviso in cui evidenzia che, da gennaio 2020, dovrà verificare il raggiungimento dei crediti formativi dei medici romani. Iniziativa analoga a quella di altri OMCeO, come quelli di Udine e di Campobasso.

«L’azione della FNOMCeO che spinge all’aggiornamento professionale –aggiunge Franco Lavalle, vicepresidente dell’OMCeO Bari – è importantissima perché fa sì che i medici si sentano obbligati moralmente per il rapporto con i pazienti a formarsi».

Anche i pazienti, dal canto loro, esigono medici sempre più formati e aggiornati: «Vogliamo che il medico segua un iter di formazione continua per tutta la sua carriera, come d’altra parte previsto dalla legge – ha detto Anna Lisa Mandorino, vicesegretario di Cittadinanzattiva -. Per il cittadino questo è un interesse prioritario, e sapere se il proprio medico segue il percorso previsto dalla legge in termini di formazione o no è una prerogativa che assolutamente vogliamo si verifichi».

 

Articoli correlati
Aggressioni ai sanitari in aumento, Osservatorio Nazionale: «Potenziare personale e formazione»
Campagne di comunicazione, formazione (ECM e non solo) e strategie di de-escalation sono tra le indicazioni emerse nel rapporto trasmesso al Parlamento. Ad acuire il fenomeno anche la carenza di personale. Lavoro di équipe può essere strumento di dissuasione
8 marzo, FNOMCeO: «Maggioranza medici è donna. Modelli organizzativi ne tengano conto»
Per il presidente Filippo Anelli non è accettabile che il 75% delle assenze per maternità non venga coperto: «Questo significa che ogni gravidanza va irrimediabilmente a pesare sulle spalle dei colleghi che rimangono in servizio»
Giornata personale sanitario, dal Covid-19 all’aviaria: le parole dei protagonisti
Nella cerimonia che si è svolta presso la Pontificia Università San Tommaso D'Aquino anche il monito del vicepresidente CEI Francesco Savino: «Il diritto alla salute negato è una violenza». Dal presidente FNOMCeO Filippo Anelli l’allarme sulla carenza di personale: «Le Case di Comunità rischiano di non aprire»
Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?
La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso materiale cartaceo, può essere somministrato con modalità di verifica diversa da quella on-line. Il Provider, sulla base delle indicazioni formulate dal Comitato scientifico o dal Responsabile scientifico dell’evento, rende […]
Quali criteri deve adottare il Provider in riferimento alla sponsorizzazione commerciale?
Gli eventi possono essere sponsorizzati, mediante apposito contratto, da imprese commerciali operanti anche in ambito sanitario purché ciò non influenzi i contenuti formativi dell’evento. Non è consentito indicare lo sponsor commerciale nell’esposizione dei contenuti formativi, se non indicando il logo dello Sponsor prima dell’inizio e dopo il termine dell’evento. Lo sponsor può essere coinvolto nella […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...