Formazione 11 Luglio 2019 09:37

ECM, lettera FNOMCeO agli Ordini su scadenza triennio formativo. Istituzioni al lavoro, ipotesi premialità

Tante le ipotesi in campo, da un inasprimento delle sanzioni ad un sistema di premialità, che saranno vagliate e valutate dai rappresentanti di categoria e dal Parlamento

ECM, lettera FNOMCeO agli Ordini su scadenza triennio formativo. Istituzioni al lavoro, ipotesi premialità

Si avvicina la fine del triennio formativo ECM. FNOMCeO e Ordini provinciali stanno sollecitando gli iscritti ad adempiere all’obbligo deontologico e di legge, ricordando che entro il 31 dicembre 2019 sarà necessario aver accumulato 150 crediti ECM.

Dopo la lettera inviata nei giorni scorsi dal presidente FNOMCeO Filippo Anelli, gli Ordini si stanno attivando per verificare quanti medici non risultano ancora in regola e le possibili soluzioni per agevolare i camici bianchi in ritardo.

Dal canto suo, il ministro della Salute Giulia Grillo, in occasione della prima riunione della nuova Commissione ECM, ha ipotizzato la creazione di «un sistema per l’aggiornamento professionale caratterizzato da incentivi e premialità per le aziende sanitarie». Tante le ipotesi in campo, quindi – da un inasprimento delle sanzioni ad un sistema di premialità – che saranno vagliate e valutate dai rappresentanti di categoria e dal Parlamento.

Lo stesso presidente della Commissione Sanità del Senato Pierpaolo Sileri non ha infatti escluso un intervento legislativo sul tema. Recentemente, ai nostri microfoni, ha evidenziato la necessità di «trovare metodi nuovi» che semplifichino la formazione dei medici.

LEGGI ANCHE: AGGIORNAMENTO ECM, PARTONO I CONTROLLI. CONSULCESI: «MEDICI PREOCCUPATI, PER LORO ARRIVA NUMERO VERDE»

Più volte, Anelli ha ricordato l’importanza della formazione: «I medici devono aggiornarsi. È una questione importante, perché l’obbligo formativo è previsto dalla Legge e non rispettarlo equivale a passare con il semaforo rosso. È ovvio che chi non adempie rischia una sanzione», ha dichiarato a Sanità Informazione, ipotizzando poco probabile una proroga.

«Ritengo che la maggioranza dei medici romani riuscirà a completare l’aggiornamento – ha detto Antonio Magi, presidente dell’OMCeO di Roma, a margine dell’ultima sessione degli Stati generali della professione medica -. Certo – ha aggiunto – ci sono delle normative da rispettare, e le abbiamo ricordate ai nostri iscritti».

Proprio l’Ordine di Roma ha infatti pubblicato sul proprio sito web un avviso in cui evidenzia che, da gennaio 2020, dovrà verificare il raggiungimento dei crediti formativi dei medici romani. Iniziativa analoga a quella di altri OMCeO, come quelli di Udine e di Campobasso.

«L’azione della FNOMCeO che spinge all’aggiornamento professionale –aggiunge Franco Lavalle, vicepresidente dell’OMCeO Bari – è importantissima perché fa sì che i medici si sentano obbligati moralmente per il rapporto con i pazienti a formarsi».

Anche i pazienti, dal canto loro, esigono medici sempre più formati e aggiornati: «Vogliamo che il medico segua un iter di formazione continua per tutta la sua carriera, come d’altra parte previsto dalla legge – ha detto Anna Lisa Mandorino, vicesegretario di Cittadinanzattiva -. Per il cittadino questo è un interesse prioritario, e sapere se il proprio medico segue il percorso previsto dalla legge in termini di formazione o no è una prerogativa che assolutamente vogliamo si verifichi».

 

Articoli correlati
Formazione ECM, Orlandi (Chimici-Fisici): «Essenziale ma l’offerta formativa è di livello non adeguato. Occorre investire»
La presidente della FNCF sottolinea l’importanza della Formazione: «Non dovrebbe essere vista come un costo ma come un investimento di lungo periodo». E ricorda: «Per gli iscritti non in regola risvolti in ambito di tutela assicurative». Poi chiede «la presenza di un numero adeguato di Provider in grado di offrire dei corsi di alto livello»
di Francesco Torre
Ecm, sanzioni e via l’Iva sui corsi
di Roberto Carlo Rossi Presidente Omceo Milano
di Roberto Carlo Rossi Presidente Omceo Milano
Farmacisti ed ECM, Leopardi (Utifar): «Formazione fondamentale ma servirebbero più controlli»
Il Presidente di Federfarma Lazio e di Utifar spiega a Sanità Informazione il ruolo importantissimo dell’aggiornamento continuo per la professione: «Ancora qualche collega non in regola ma con avvicinarsi della scadenza ci sarà un rush finale»
Ecm, Del Bo (Fnopo): «Formazione determinante, il dovere degli Ordini è verificare aggiornamento degli iscritti»
Il segretario della Federazione degli Ordini delle Ostetriche a Sanità Informazione: «Aggiornarsi, per un professionista, è anche un dovere etico oltre che un obbligo stabilito dalla legge. Il compito dell’Ordine è proprio quello di certificare la qualità del professionista»
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 ottobre, sono 240.692.909 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.898.901 i decessi. Ad oggi, oltre 6,61 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?