Formazione 11 Luglio 2019

ECM, lettera FNOMCeO agli Ordini su scadenza triennio formativo. Istituzioni al lavoro, ipotesi premialità

Tante le ipotesi in campo, da un inasprimento delle sanzioni ad un sistema di premialità, che saranno vagliate e valutate dai rappresentanti di categoria e dal Parlamento

Immagine articolo

Si avvicina la fine del triennio formativo ECM. FNOMCeO e Ordini provinciali stanno sollecitando gli iscritti ad adempiere all’obbligo deontologico e di legge, ricordando che entro il 31 dicembre 2019 sarà necessario aver accumulato 150 crediti ECM.

Dopo la lettera inviata nei giorni scorsi dal presidente FNOMCeO Filippo Anelli, gli Ordini si stanno attivando per verificare quanti medici non risultano ancora in regola e le possibili soluzioni per agevolare i camici bianchi in ritardo.

Dal canto suo, il ministro della Salute Giulia Grillo, in occasione della prima riunione della nuova Commissione ECM, ha ipotizzato la creazione di «un sistema per l’aggiornamento professionale caratterizzato da incentivi e premialità per le aziende sanitarie». Tante le ipotesi in campo, quindi – da un inasprimento delle sanzioni ad un sistema di premialità – che saranno vagliate e valutate dai rappresentanti di categoria e dal Parlamento.

Lo stesso presidente della Commissione Sanità del Senato Pierpaolo Sileri non ha infatti escluso un intervento legislativo sul tema. Recentemente, ai nostri microfoni, ha evidenziato la necessità di «trovare metodi nuovi» che semplifichino la formazione dei medici.

LEGGI ANCHE: AGGIORNAMENTO ECM, PARTONO I CONTROLLI. CONSULCESI: «MEDICI PREOCCUPATI, PER LORO ARRIVA NUMERO VERDE»

Più volte, Anelli ha ricordato l’importanza della formazione: «I medici devono aggiornarsi. È una questione importante, perché l’obbligo formativo è previsto dalla Legge e non rispettarlo equivale a passare con il semaforo rosso. È ovvio che chi non adempie rischia una sanzione», ha dichiarato a Sanità Informazione, ipotizzando poco probabile una proroga.

«Ritengo che la maggioranza dei medici romani riuscirà a completare l’aggiornamento – ha detto Antonio Magi, presidente dell’OMCeO di Roma, a margine dell’ultima sessione degli Stati generali della professione medica -. Certo – ha aggiunto – ci sono delle normative da rispettare, e le abbiamo ricordate ai nostri iscritti».

Proprio l’Ordine di Roma ha infatti pubblicato sul proprio sito web un avviso in cui evidenzia che, da gennaio 2020, dovrà verificare il raggiungimento dei crediti formativi dei medici romani. Iniziativa analoga a quella di altri OMCeO, come quelli di Udine e di Campobasso.

«L’azione della FNOMCeO che spinge all’aggiornamento professionale –aggiunge Franco Lavalle, vicepresidente dell’OMCeO Bari – è importantissima perché fa sì che i medici si sentano obbligati moralmente per il rapporto con i pazienti a formarsi».

Anche i pazienti, dal canto loro, esigono medici sempre più formati e aggiornati: «Vogliamo che il medico segua un iter di formazione continua per tutta la sua carriera, come d’altra parte previsto dalla legge – ha detto Anna Lisa Mandorino, vicesegretario di Cittadinanzattiva -. Per il cittadino questo è un interesse prioritario, e sapere se il proprio medico segue il percorso previsto dalla legge in termini di formazione o no è una prerogativa che assolutamente vogliamo si verifichi».

 

Articoli correlati
Incontro Bussetti-FNOMCeO, obiettivo superare l’imbuto formativo. Anelli: «Allineare numero borse e numero laureati»
Incontro al Miur tra delegazione FNOMCeO e il ministro dell'Istruzione. «Una delle ipotesi al vaglio potrebbe essere quella di un piano straordinario, da condividere con il Ministro della Salute Giulia Grillo, che prevederà, per i prossimi anni, un canale aggiuntivo di accesso alle scuole, con una quota di contratti riservati a coloro che, già laureati da un certo tempo, non abbiano trovato posto nelle specializzazioni», spiega il presidente FNOMCeO Anelli
Ludopatia: oltre 1,3 milioni di malati, solo 12 mila in cura. Ecco cosa possono fare i medici per guarire i giocatori
Consulcesi Club e il dottor Stefano Lagona, psicologo e psicoterapeuta specializzato nel trattamento delle tossicodipendenze e delle nuove dipendenze, lanciano il corso ECM FAD “Ludopatia: strategie ed interventi per il trattamento”
Aggressioni in corsia, al corso FNOPI-FNOMCeO si insegna la tecnica della de-escalation: disinnescare il conflitto si può
Obiettivo: diminuire la tensione. Dodici lezioni ECM audio e video corsi FAD, specifici e gratuiti, coordinati dal criminologo Massimo Picozzi per dire basta ad ogni forma di violenza
Carenza medici, l’appello di Leoni (FNOMCeO): «Cittadini e professionisti combattano insieme per un SSN adeguato»
Il vicepresidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici: «Cosa stiamo aspettando? I medici italiani scappano all’estero o nel privato e gli stranieri non vogliono più venire a lavorare nel nostro Paese. Dovrebbero essere previsti aumenti stipendiali importanti per riconoscere il disagio professionale di alcune branche»
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
«Basta attacchi ignobili, ora partono gli esposti». Consulcesi contro guida alla denuncia dei medici
Il Presidente Massimo Tortorella all’attacco: «Non più tollerabile che studi legali e avvocati senza scrupoli con il supporto dei media alimentino le tensioni medico-paziente. Subito l’Arbitrato della Salute»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...