Formazione 23 Dicembre 2019

ECM, Nicola Draoli (Fnopi): «Migliorare la formazione con maggiori investimenti e senza sminuirne l’importanza»

«Gli infermieri hanno difficoltà a formarsi come tutti i professionisti: dai dati provvisori sull’aggiornamento professionale, infatti, non emerge un quadro positivo». L’intervista al responsabile del settore Fnopi Giovani

«Non è una situazione brillante», quella che emerge dai «dati provvisori» relativi al rispetto dell’obbligo formativo da parte degli infermieri. A parlare è Nicola Draoli, consigliere del comitato centrale della Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche Fnopi e responsabile del settore giovani, che evidenzia «le difficoltà degli infermieri a formarsi, proprio come tutti i professionisti sanitari».

A pochi giorni dalla scadenza naturale del triennio formativo e dall’annuncio di riforma del sistema deliberato dalla Commissione Ecm, Draoli sottolinea la necessità di «investire sulla formazione Ecm, cercando di renderla qualitativamente sempre più adeguata». È proprio in questa direzione, infatti, che va la riforma che verrà messa in piedi nel prossimo anno dal Gruppo di lavoro creato dalla Commissione nazionale per la «revisione e la valorizzazione del sistema della formazione continua nel settore salute» finalizzata ad «elevare la qualità degli eventi formativi – si legge in una nota – per migliorare le competenze e le abilità cliniche, tecniche e manageriali degli operatori sanitari, con l’obiettivo di assicurare efficacia, appropriatezza, sicurezza ed efficienza all’assistenza prestata dal Servizio sanitario nazionale».

«L’aggiornamento continuo non può essere assolutamente messo da parte – prosegue Draoli -. Il rischio è quello di sminuirne l’importanza per permettere a tutti i professionisti di formarsi in termini quantitativi. Per raggiungere quel numero di crediti – conclude – si crea una serie di condizioni tali che non la valorizzano».

Articoli correlati
Coronavirus, online il bando della Protezione civile per reclutare 500 infermieri
La task force “Infermieri per COVID” è destinata alle Regioni più in difficoltà. Possono partecipare al bando infermieri dipendenti del Ssn, di strutture non accreditate e liberi professionisti. Mangiacavalli (Fnopi): «Ora serve la grande risposta degli infermieri»
Coronavirus, l’appello di medici e infermieri: «La priorità deve essere chi cura e assiste»
La denuncia della Federazione Nazionale Ordini Professioni Infermieristiche: «C’è chi afferma di voler capire se gli operatori hanno contratto il Covid-19 in ambiente professionale, in ospedale, nei loro studi, oppure nella vita privata. Ma di questi tempi, una vita privata, per loro, non c’è»
Coronavirus, Fnopi: «Infermieri in prima linea. Operano al di là delle loro forze, ma nessuno si è tirato indietro»
«La carenza di professionisti di cui soffre il paese si è fatta sentire nel peggiore dei modi con l’emergenza COVID-19 per la quale solo nell’immediato e nelle zone a maggior rischio servirebbero almeno 5-6000 infermieri in più da subito»
Come posso controllare i miei crediti?
L’anagrafe dei crediti di ogni professionista sanitario è gestita dal Co.Ge.A.P.S., l’ente preposto alla certificazione dei crediti ECM. È possibile iscriversi all’anagrafe Co.Ge.A.P.S. tramite il portale http://wp.cogeaps.it/ .
Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?
La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso materiale cartaceo, può essere somministrato con modalità di verifica diversa da quella on-line. Il Provider, sulla base delle indicazioni formulate dal Comitato scientifico o dal Responsabile scientifico dell’evento, rende […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 marzo, sono 622.450 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 28.794 i decessi e 135.779 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollettino...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...
Salute

«Scovare i positivi casa per casa: così abbiamo sconfitto il virus a Vo’». Il virologo Crisanti racconta il modello veneto

Il professore di Microbiologia e virologia Andrea Crisanti ha coordinato lo studio sugli abitanti di Vo’ Euganeo: «Con il tampone abbiamo identificato fin dall’inizio sia le persone asintomatiche...