Formazione 18 novembre 2014

ECM, confermato l’obbligo dei 150 crediti per il prossimo triennio. Le soluzioni per una formazione di qualità

Intervista ad Andrea Tortorella, amministratore unico di Sanità in-Formazione

Immagine articolo

Anche nel prossimo triennio i professionisti della sanità avranno l’obbligo di aggiornarsi sulla formazione. Più che un obbligo, però, l’Educazione Continua in Medicina è un’opportunità: attraverso provider di alto profilo che si avvalgono di nuove tecnologie, corsi interattivi e sempre aggiornati, per il medico la formazione diventa facile e piacevole, anche a distanza.

Abbiamo intervistato, sul tema, Andrea Tortorella, amministratore unico di Sanità in-Formazione, provider accreditato Age.Na.S. .

Il governo ha appena ribadito l’esigenza dei 150 crediti formativi anche per il prossimo triennio…
Sì, era importante che il governo ricordasse a tutti i professionisti sanitari l’esigenza dell’aggiornamento formativo anche per il triennio 2014 – 2016.

Sanità in-Formazione è un provider di qualità in costante crescita…
Sì, è uno dei principali provider italiani, ed è quello che ha il maggior numero di corsi a disposizione, in continuo aumento: l’obiettivo è variegare il più possibile l’offerta formativa dando a tutti i professionisti la possibilità di aggiornarsi. Per questo motivo abbiamo in cantiere nuovi corsi, aggiornati con le ultime forme didattiche che oggi la tecnologia ci offre, e sempre rispondenti agli standard elevatissimi di cui gode la nostra piattaforma. Penso, ad esempio, al “paziente virtuale”, che annunceremo a breve.

Si tratta di corsi molto interessanti e molto seguiti…
Il nostro primo corso d’inglese dedicato ai professionisti della sanità – tradotto interamente da noi – ha avuto, come ci aspettavamo, un enorme successo: questo ci ha confermato di poter procedere su questa linea per i moduli successivi. Il secondo modulo, infatti – ancora più rispondente alle specifiche esigenze formative dei medici – sarà fruibile tra pochi giorni, ed altri lo saranno nei prossimi mesi. Ma non ci fermiamo qui: il successo del corso d’inglese ci ha spinto ad avviare la produzione di altri corsi in lingua, in spagnolo e francese, tanto per cominciare.

Si avvicina anche il mese di dicembre: pochissime settimane per ottenere i 50 crediti necessari…
Abbiamo notato che le fruizioni dei nostri corsi hanno un’impennata nei mesi di novembre e dicembre, perché prossimi alla scadenza per l’ottenimento dei 50 crediti annui. In questi giorni, infatti, stiamo potenziando le nostre strutture per far fronte all’enorme richiesta prevista per dicembre. Colgo l’occasione, a proposito, per ricordare che i 50 crediti necessari all’esigenza formativa annuale dovranno essere ottenuti entro il 31 dicembre.

Chi vuole informarsi come può farlo?
Chiamando il nostro numero verde 800.135.959: i nostri consulenti sono disponibili nel fornire qualsiasi dettaglio a chi voglia formarsi tramite la nostra piattaforma.

Articoli correlati
Agenas, De Lillo presidente ad interim dopo Coletto. L’intervista all’ex senatore: «Formazione chiave per rendere assistenza sanitaria sempre più eccellente»
In attesa della nomina del nuovo presidente, prende le redini dell’Agenzia Nazionale per i servizi sanitari Regionali Stefano De Lillo: «Puntiamo su formazione a distanza per rendere efficace la qualità dei servizi»
di Serena Santi e Giulia Cavalcanti
Quali regole deve adottare il Provider sul luogo di svolgimento di un evento?
La sede dell’evento deve essere conforme alla normativa in materia di sicurezza dei luoghi e deve essere adeguata alla tipologia di attività formativa erogata. Il provider non può organizzare eventi formativi presso sedi, anche estere, rese disponibili da aziende aventi interessi commerciali in ambito sanitario.
Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione
Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in Medicina. Cosa aspettarsi dal 2019, anno chiave che vedrà la fine di due trienni formativi
Rischio clinico, Stella (Agenas): «Per abbatterlo va trasformato il modello formativo dando spazio alla simulazione»
Il componente della Commissione nazionale per la formazione continua: «I professionisti sanitari affrontano sempre più situazioni di alto impegno clinico professionale. Un apprendimento diretto di procedure e metodiche in un ambiente protetto, grazie a manichini e simulatori, consente di ridurre il rischio e aumentare la sicurezza per il paziente»
ECM, tutte le novità. Maccari (CNFC): «Certificato Formazione fondamentale per medico e paziente»
«La volontà primaria di queste modifiche è quella di dare valore a questa certificazione aiutando il professionista a formarsi nella maniera più semplice ed efficace possibile». Così Marco Maccari, segretario della Commissione Nazionale per la Formazione Continua
di Cesare Buquicchio e Giulia Cavalcanti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano