Formazione 18 Novembre 2014

ECM, confermato l’obbligo dei 150 crediti per il prossimo triennio. Le soluzioni per una formazione di qualità

Intervista ad Andrea Tortorella, amministratore unico di Sanità in-Formazione

Immagine articolo

Anche nel prossimo triennio i professionisti della sanità avranno l’obbligo di aggiornarsi sulla formazione. Più che un obbligo, però, l’Educazione Continua in Medicina è un’opportunità: attraverso provider di alto profilo che si avvalgono di nuove tecnologie, corsi interattivi e sempre aggiornati, per il medico la formazione diventa facile e piacevole, anche a distanza.

Abbiamo intervistato, sul tema, Andrea Tortorella, amministratore unico di Sanità in-Formazione, provider accreditato Age.Na.S. .

Il governo ha appena ribadito l’esigenza dei 150 crediti formativi anche per il prossimo triennio…
Sì, era importante che il governo ricordasse a tutti i professionisti sanitari l’esigenza dell’aggiornamento formativo anche per il triennio 2014 – 2016.

Sanità in-Formazione è un provider di qualità in costante crescita…
Sì, è uno dei principali provider italiani, ed è quello che ha il maggior numero di corsi a disposizione, in continuo aumento: l’obiettivo è variegare il più possibile l’offerta formativa dando a tutti i professionisti la possibilità di aggiornarsi. Per questo motivo abbiamo in cantiere nuovi corsi, aggiornati con le ultime forme didattiche che oggi la tecnologia ci offre, e sempre rispondenti agli standard elevatissimi di cui gode la nostra piattaforma. Penso, ad esempio, al “paziente virtuale”, che annunceremo a breve.

Si tratta di corsi molto interessanti e molto seguiti…
Il nostro primo corso d’inglese dedicato ai professionisti della sanità – tradotto interamente da noi – ha avuto, come ci aspettavamo, un enorme successo: questo ci ha confermato di poter procedere su questa linea per i moduli successivi. Il secondo modulo, infatti – ancora più rispondente alle specifiche esigenze formative dei medici – sarà fruibile tra pochi giorni, ed altri lo saranno nei prossimi mesi. Ma non ci fermiamo qui: il successo del corso d’inglese ci ha spinto ad avviare la produzione di altri corsi in lingua, in spagnolo e francese, tanto per cominciare.

Si avvicina anche il mese di dicembre: pochissime settimane per ottenere i 50 crediti necessari…
Abbiamo notato che le fruizioni dei nostri corsi hanno un’impennata nei mesi di novembre e dicembre, perché prossimi alla scadenza per l’ottenimento dei 50 crediti annui. In questi giorni, infatti, stiamo potenziando le nostre strutture per far fronte all’enorme richiesta prevista per dicembre. Colgo l’occasione, a proposito, per ricordare che i 50 crediti necessari all’esigenza formativa annuale dovranno essere ottenuti entro il 31 dicembre.

Chi vuole informarsi come può farlo?
Chiamando il nostro numero verde 800.135.959: i nostri consulenti sono disponibili nel fornire qualsiasi dettaglio a chi voglia formarsi tramite la nostra piattaforma.

Articoli correlati
Formazione continua, David Sassoli (Pd): «Europa in campo per incentivare e premiare medici in regola con obbligo Ecm»
Il Vice Presidente del Parlamento Ue, in visita alla sede romana del gruppo Consulcesi, si è schierato al fianco dei medici ex specializzandi che ancora aspettano giustizia dallo Stato italiano: «È un diritto che dev’essere riconosciuto, il tema della mediazione giuridica credo che sia l’unico che possa consentire giustizia». Poi sottolinea l’esigenza di avere «un’Europa più forte» ma che sia arricchita dalle «buone pratiche italiane»
Il presidente del Parlamento Ue Antonio Tajani: «Formazione obbligatoria ECM, l’Europa vigila e premia solo chi si aggiorna»
ESCLUSIVA | Il Presidente dell’Europarlamento, in visita a Roma al Gruppo Consulcesi, si è schierato al fianco dei medici che attendono la remunerazione della specializzazione: «Lo Stato deve sempre dare il buon esempio. Non può pretendere che i cittadini paghino le tasse e poi quando lui dev’essere pagatore non fa il suo dovere». Poi parla degli incentivi alla formazione medica ECM, che potrebbe rientrare nel nuovo bilancio comunitario 2021-2027: «Fondi e incentivi per l’aggiornamento di tutte le professioni sanitarie. Si potrebbero favorire nelle carriere coloro che hanno fatto corsi di formazione: questo permetterebbe di applicare i risultati dell’innovazione e della ricerca» | VIDEO INTERVISTA
Blockchain in sanità, la frontiera delle staminali per la ricerca. Totta (Futura Stem Cells): «La catena dei blocchi certifica la conservazione dei campioni»
«La ricerca sta facendo grandi passi avanti, sarebbe opportuno riaprire il dibattito in Italia sulla conservazione autologa solidale con un modello che sta emergendo in Europa e nel resto del mondo» così la dottoressa Pierangela Totta, Direttore Scientifico di Futura Stem Cells, a Sanità Informazione
Come posso controllare i miei crediti?
L’anagrafe dei crediti di ogni professionista sanitario è gestita dal Co.Ge.A.P.S., l’ente preposto alla certificazione dei crediti ECM. È possibile iscriversi all’anagrafe Co.Ge.A.P.S. tramite il portale http://wp.cogeaps.it/ .
Che cos’è la formazione individuale?
Le attività di “formazione individuale” comprendono tutte le attività formative non erogate da provider accreditati ECM, e possono consistere in: attività di ricerca scientifica, tutoraggio individuale, attività di formazione individuale all’estero e autoformazione. Per maggiori dettagli è possibile consultare il Capitolo 3 (Formazione individuale) del Manuale sulla formazione continua del professionista sanitario.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Equivalenza titoli, TAR Lazio accoglie ricorso ANEP. L’avvocato Croce (Consulcesi & Partners): «Risultato apre strada anche alle altre figure»

Questo provvedimento impone l’avvio di iniziative dirette a far sì che si proceda all’individuazione dei criteri e delle modalità per il riconoscimento dell’equivalenza dei titoli conseguiti c...
Lavoro

Massofisioterapisti e fisioterapisti: uguali o diversi? La posizione di Beux (TSRM e PSTRP)

Alessandro Beux (TSRM e PSTRP): «Iscrizione solo per quelli che hanno conseguito titolo prima 1999»
Salute

Ecco la verità sugli integratori: business o vera salute? Facciamo chiarezza con Alessandro Mugelli (Presidente Società Italiana Farmacologia)

Cosa c’è dietro al boom inarrestabile e miliardario degli integratori alimentari? «Con uno stile di vita corretto ed un’alimentazione varia e completa non c’è nessun motivo di usare integrato...