Politica 12 Maggio 2015

Caos specializzazioni, Giannini: «Più borse e più programmazione»

Intervista al ministro dell’Istruzione: «Nel bando garantiremo trasparenza per evitare un boom di ricorsi»

Immagine articolo

Perché la storia non si ripeta. E’ quasi un mantra ormai che aleggia tra le fila degli aspiranti specializzandi reduci dal pasticcio delle ultime prove per l’accesso alla formazione specialistica e in attesa del nuovo bando, che, si spera, porterà quella ventata di chiarezza e trasparenza da troppo tempo auspicata.

Intanto, però, una buona notizia, direttamente dalla Commissione Sanità del Senato: lo stanziamento di seimila nuove borse di studio per gli aspiranti specializzandi, annunciato dal ministro Giannini, che Sanità Informazione ha intervistato sul tema: “Un risultato eccezionale – commenta il ministro – ottenuto anche grazie al Ministero dell’Economia e delle Finanze. Nell’arco di due anni abbiamo raddoppiato le chance, per chi si laurea in Medicina, di accedere alla formazione specialistica, previa, naturalmente, una selezione”.

Un impegno, quello del governo, sottolineato anche dal responsabile sanità per il PD, Federico Gelli, che recentemente ai nostri microfoni ha auspicato una migliore programmazione per il futuro, e finanziamenti che garantiscano stabilità al settore. Un intervento che, come dichiara anche il ministro Giannini, non dev’essere sporadico: “Da due anni il Governo sta mostrando una curva ascendente sul tema, a dimostrazione della serietà del percorso intrapreso. Una corretta programmazione – continua Giannini – implica un ripensamento dei criteri di fabbisogno, compito del Ministero della Salute, e successivamente l’intervento del Ministero dell’Istruzione per l’assegnazione dei posti”.

Giovani che protestano, flash mob in tutta Italia, interventi di sindacati e associazioni, tra cui quella di Consulcesi, che proprio nei giorni scorsi, in una lettera aperta al ministro Giannini, non solo sottolinea l’opportunità di un intervento legislativo mirato a risolvere una volta per tutte criticità che caratterizzano ormai da diversi anni i test, ma mette anche a disposizione la propria esperienza legale per verificare che il bando di concorso sia ispirato a criteri di trasparenza e meritocrazia, per evitare un boom di ricorsi. “Il bando innanzitutto aggiornerà e assegnerà il numero di posti. Stiamo inoltre lavorando – rassicura il Ministro – a che venga garantito un corretto espletamento delle prove, di cui si occuperanno le sedi universitarie secondo i regolamenti emanati lo scorso anno. L’appello tuttavia – conclude la Giannini – è anche ai candidati, perché non commettano infrazioni. Ognuno, insomma, si assuma le proprie responsabilità”.

Articoli correlati
Scuole specializzazione, i posti disponibili per il 2020 sono 14.455
Il Mur ha pubblicato il decreto tanto atteso: rispetto allo scorso anno oltre 5mila borse in più. Epifani (Smi): «Aumentate le borse ma anche i candidati al test d'ammissione per le scuole di specializzazione. Non è stato risolto il problema dell’imbuto formativo»
Il Ddl aggressioni è legge. Cosa prevede il testo approvato all’unanimità dal Senato
Sanzioni da 500 a 5mila euro e dai 4 ai 16 anni di reclusione per chi aggredisce gli operatori della sanità. Le reazioni
Commissione Sanità, Boldrini (Pd) eletta vicepresidente: «Mio obiettivo rafforzare SSN e professioni sanitarie»
«Porterò avanti anche gli impegni assunti prima del Covid, dall’inserimento della Fibromialgia nei Lea (Livelli essenziali di assistenza) ai provvedimenti di legge per bambini e adolescenti che soffrono di diabete Mellito di tipo I, cosiddetto infantile» sottolinea l'esponente del Partito democratico
«Misure anti-Covid fino al 31 luglio». Le comunicazioni del ministro Speranza in Parlamento
«Nessuna decisione presa sulla proroga dello stato di emergenza. Verrà coinvolto il Parlamento. Ora non abbassare la guardia, l'Italia ha alle spalle la tempesta ma non è ancora in un porto sicuro»
Ddl Aggressioni, ok da Commissione sanità del Senato: fino a 5mila euro di multa e 16 anni di carcere
Approvazione definitiva ad un passo. Tra le novità, un Osservatorio nazionale sulla sicurezza degli esercenti le professioni sanitarie e socio-sanitarie e una giornata nazionale per sensibilizzare l’opinione pubblica
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 20 ottobre, sono 40.403.537 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.118.293 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 20 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...