Formazione 12 Maggio 2015

Caos specializzazioni, Giannini: «Più borse e più programmazione»

Intervista al ministro dell’Istruzione: «Nel bando garantiremo trasparenza per evitare un boom di ricorsi»

Immagine articolo

Perché la storia non si ripeta. E’ quasi un mantra ormai che aleggia tra le fila degli aspiranti specializzandi reduci dal pasticcio delle ultime prove per l’accesso alla formazione specialistica e in attesa del nuovo bando, che, si spera, porterà quella ventata di chiarezza e trasparenza da troppo tempo auspicata.

Intanto, però, una buona notizia, direttamente dalla Commissione Sanità del Senato: lo stanziamento di seimila nuove borse di studio per gli aspiranti specializzandi, annunciato dal ministro Giannini, che Sanità Informazione ha intervistato sul tema: “Un risultato eccezionale – commenta il ministro – ottenuto anche grazie al Ministero dell’Economia e delle Finanze. Nell’arco di due anni abbiamo raddoppiato le chance, per chi si laurea in Medicina, di accedere alla formazione specialistica, previa, naturalmente, una selezione”.

Un impegno, quello del governo, sottolineato anche dal responsabile sanità per il PD, Federico Gelli, che recentemente ai nostri microfoni ha auspicato una migliore programmazione per il futuro, e finanziamenti che garantiscano stabilità al settore. Un intervento che, come dichiara anche il ministro Giannini, non dev’essere sporadico: “Da due anni il Governo sta mostrando una curva ascendente sul tema, a dimostrazione della serietà del percorso intrapreso. Una corretta programmazione – continua Giannini – implica un ripensamento dei criteri di fabbisogno, compito del Ministero della Salute, e successivamente l’intervento del Ministero dell’Istruzione per l’assegnazione dei posti”.

Giovani che protestano, flash mob in tutta Italia, interventi di sindacati e associazioni, tra cui quella di Consulcesi, che proprio nei giorni scorsi, in una lettera aperta al ministro Giannini, non solo sottolinea l’opportunità di un intervento legislativo mirato a risolvere una volta per tutte criticità che caratterizzano ormai da diversi anni i test, ma mette anche a disposizione la propria esperienza legale per verificare che il bando di concorso sia ispirato a criteri di trasparenza e meritocrazia, per evitare un boom di ricorsi. “Il bando innanzitutto aggiornerà e assegnerà il numero di posti. Stiamo inoltre lavorando – rassicura il Ministro – a che venga garantito un corretto espletamento delle prove, di cui si occuperanno le sedi universitarie secondo i regolamenti emanati lo scorso anno. L’appello tuttavia – conclude la Giannini – è anche ai candidati, perché non commettano infrazioni. Ognuno, insomma, si assuma le proprie responsabilità”.

Articoli correlati
Commissione Sanità, salta elezione presidente: vertice manca da 92 giorni
Era tutto pronto per l’elezione del presidente della XII Commissione Igiene e Sanità di Palazzo Madama quando è stato deciso il rinvio. Da agosto ad oggi si è riunita solo 12 volte
Manovra 2020, mail bombing dei giovani medici: «Solo 300 le borse di specializzazione in più, non 1200»
Parte da Facebook l’invito al “mail bombing” attraverso l’hashtag #speranzatradita. I Giovani medici per l’Italia “bombardano” gli indirizzi di posta elettronica di ministeri competenti e redazioni di giornali «per salvaguardare il diritto alla formazione dei giovani medici italiani e la salute dei cittadini»
Manovra 2020, luci e ombre del testo: dai Lea al personale. Tutte le voci della sanità…
Intanto, dal testo su cui lavoreranno entrambi i rami del Parlamento emerge quello che, molto probabilmente, sarà l’indirizzo finale della Legge, soprattutto per quel che riguarda la sanità
Bilancio 2020, Cartabellotta (GIMBE): «Personale e Lea i lati oscuri. Altri aspetti positivi»
«Diversi aspetti seducenti nel testo che arriva in Parlamento. Ma è realmente tutto oro quello che luccica?» si domanda la Fondazione Gimbe analizzando punto per punto la Legge di Bilancio. «Tra i grandi assenti ci sono gli investimenti su personale sanitario, nuovi Lea e farmaci innovativi»
Manovra 2020 approda in Aula, confermati gli stanziamenti in Sanità. Detrazioni anche se si usano i contanti
Iniziato in Senato il percorso parlamentare della Legge di Bilancio. Non si fermano le polemiche sulle nuove tasse. Confermato stanziamento di 30 miliardi per l'edilizia sanitaria, abolizione del superticket a decorrere dal 1° settembre 2020
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Diritto

Reperibilità notturna, Palermo (Anaao): «Se succede un “fattaccio” gli avvocati controllano se il medico ha riposato almeno 11 ore»

Il Segretario del sindacato spiega a Sanità Informazione i motivi alla base del ricorso alla Commissione europea: «Rischi enormi per la salute dei pazienti e per il professionista. Speriamo in pronu...