Formazione 6 Ottobre 2015 16:32

«Basta con le comiche, questi esami sono da annullare. Studenti legittimati a fare ricorso e chiedere risarcimenti»

Caos numero chiuso. Intervista ad Andrea Liberati, capogruppo del Movimento 5 Stelle al Consiglio Regionale dell’Umbria

«Basta con le comiche, questi esami sono da annullare. Studenti legittimati a fare ricorso e chiedere risarcimenti»

Polemiche accese sui recenti test di accesso a medicina e sull’intero sistema del numero chiuso. A gettare benzina sul fuoco, all’avvicinarsi dei risultati definitivi, le innumerevoli irregolarità segnalate che non solo fanno vociferare di un annullamento della prova, ma minano alle fondamenta il criterio stesso di numero chiuso.


Un allarme diffuso in tutta Italia ma che ha preso voce in Umbria. Ce ne parla, ai microfoni di Sanità informazione, Andrea Liberati, capogruppo del Movimento 5 Stelle al Consiglio Regionale dell’Umbria.

«A seguito dei test di accesso a medicina della scorsa settimana a Perugia – attacca Liberati –  siamo stati contattati da studenti che hanno voluto segnalare un’ anomalia: al momento della compilazione della scheda anagrafica in uscita, quindi alla consegna del test, non c’era alcun controllo sulle effettive identità di chi aveva redatto le prove. Gli stessi hanno poi notato tra i partecipanti al test numerose persone certamente non giovani. La percezione è stata di un’ assenza di controlli e verifiche, che del resto non erano neanche imposti dal relativo decreto ministeriale, e dalla presenza di effettivi elementi di manipolazioni del test: la presenza di così tante persone anziane non era giustificabile. Dopodiché – conclude il consigliere M5S – abbiamo ricevuto da diverse Regioni le stesse segnalazioni. E’ un problema serissimo in capo al ministero della Sanità, su cui ci si augura un intervento in tempi rapidi…»

Uno degli effetti collaterali di questa situazione sono i ricorsi: una strada sempre più battuta che permette ai ragazzi di entrare in soprannumero. Questo però va ad ingolfare le facoltà e crea problemi alla professione, dal momento i posti di lavoro sono sempre meno…
«Chi si sente defraudato è in un certo senso obbligato, col supporto di associazioni legittimate in tal senso, ad attivarsi e a pretendere un risarcimento. D’altra parte c’è anche un danno d’immagine all’università italiana tutta, perché la vera vittima di questa truffa e di questi giochetti è il nostro sistema accademico. Su questo occorre una riflessione attenta, per poter cambiare in meglio».

Lei ha ricevuto e continua a ricevere tante segnalazioni, migliaia quelle arrivate su numerochiuso.info . Ci si aspetta un’ondata di ricorsi … Come si risolve il problema?
«Credo che occorra un intervento diretto da parte del ministro e del Governo. Noi del Movimento 5 Stelle possiamo segnalare e denunciare, ma poi sta all’autorità del governo e della maggioranza dover dire basta. Basta con questo squallore, basta con le comiche. Se il nostro Paese vuole sedersi a pieno titolo nel consorzio occidentale deve comportarsi di conseguenza».

Articoli correlati
SSN, Camera approva mozioni. Quartini (M5S): «Investire almeno il 10% della spesa sanitaria in prevenzione»
Il capogruppo pentastellato in commissione Affari sociali boccia le politiche sulla sanità del governo Meloni: «Continua definanziamento, almeno 8% del PIL vada a spesa sanitaria». E contesta il numero chiuso a Medicina
Test Medicina, Consulcesi: «Con riforma “doppia” chance per entrare, ma non premia merito»
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Dare agli studenti la possibilità di ripetere il test di ingresso alla facoltà di Medina non è una riforma vera e propria. Il sistema di accesso è sempre lo stesso e non premia i meritevoli. Il ricorso continuerà a rimanere una possibilità concreta per tutti gli aspiranti medici esclusi ingiustamente»
Test Medicina: con ricorso iscrizione con riserva, per esclusi “ultima spiaggia”
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Negli ultimi 20 anni lo strumento del ricorso alla giustizia amministrativa ha permesso a decine di migliaia di studenti, esclusi ai test di selezione alla Facoltà di Medicina, di iscriversi ai corsi, di studiare, di fare gli esami e infine di laurearsi. L'esperienza indica che gli studenti entrati con il ricorso, forse anche perché più motivati, sono tra coloro che possono vantare un ottimo percorso accademico»
Test Medicina: 3 studenti su 4 “bocciati”, ma con il ricorso è possibile rientrare
Una recente sentenza del Consiglio di Stato ha accolto il ricorso di un gruppo di aspiranti medici, esclusi alla selezione iniziale, ammessi alla facoltà di Medicina con riserva. Grazie al sostegno degli avvocati di Consulcesi, ora sono a tutti gli effetti studenti di Medicina e potranno realizzare il sogno di indossare il camice bianco
Pierpaolo Sileri, bilancio di un governo con il sottosegretario alla Salute uscente
Con il sottosegretario alla Salute del governo Draghi Pierpaolo Sileri analizziamo il governo Draghi, quello che verrà e le armi per risolvere la carenza di medici e professionisti sanitari che ancora permane
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...
Salute

Tumore del polmone: per osimertinib e durvalumab ottimi risultati negli studi LAURA e ADRIATIC al Congresso ASCO

Nello studio LAURA osimertinib ha ridotto il rischio di progressione di malattia o di morte dell’84% nel tumore del polmone non a piccole cellule di Stadio III. Nello studio ADRIATIC, invece, du...