Formazione 6 ottobre 2015

«Basta con le comiche, questi esami sono da annullare. Studenti legittimati a fare ricorso e chiedere risarcimenti»

Caos numero chiuso. Intervista ad Andrea Liberati, capogruppo del Movimento 5 Stelle al Consiglio Regionale dell’Umbria

Immagine articolo

Polemiche accese sui recenti test di accesso a medicina e sull’intero sistema del numero chiuso. A gettare benzina sul fuoco, all’avvicinarsi dei risultati definitivi, le innumerevoli irregolarità segnalate che non solo fanno vociferare di un annullamento della prova, ma minano alle fondamenta il criterio stesso di numero chiuso.


Un allarme diffuso in tutta Italia ma che ha preso voce in Umbria. Ce ne parla, ai microfoni di Sanità informazione, Andrea Liberati, capogruppo del Movimento 5 Stelle al Consiglio Regionale dell’Umbria.

«A seguito dei test di accesso a medicina della scorsa settimana a Perugia – attacca Liberati –  siamo stati contattati da studenti che hanno voluto segnalare un’ anomalia: al momento della compilazione della scheda anagrafica in uscita, quindi alla consegna del test, non c’era alcun controllo sulle effettive identità di chi aveva redatto le prove. Gli stessi hanno poi notato tra i partecipanti al test numerose persone certamente non giovani. La percezione è stata di un’ assenza di controlli e verifiche, che del resto non erano neanche imposti dal relativo decreto ministeriale, e dalla presenza di effettivi elementi di manipolazioni del test: la presenza di così tante persone anziane non era giustificabile. Dopodiché – conclude il consigliere M5S – abbiamo ricevuto da diverse Regioni le stesse segnalazioni. E’ un problema serissimo in capo al ministero della Sanità, su cui ci si augura un intervento in tempi rapidi…»

Uno degli effetti collaterali di questa situazione sono i ricorsi: una strada sempre più battuta che permette ai ragazzi di entrare in soprannumero. Questo però va ad ingolfare le facoltà e crea problemi alla professione, dal momento i posti di lavoro sono sempre meno…
«Chi si sente defraudato è in un certo senso obbligato, col supporto di associazioni legittimate in tal senso, ad attivarsi e a pretendere un risarcimento. D’altra parte c’è anche un danno d’immagine all’università italiana tutta, perché la vera vittima di questa truffa e di questi giochetti è il nostro sistema accademico. Su questo occorre una riflessione attenta, per poter cambiare in meglio».

Lei ha ricevuto e continua a ricevere tante segnalazioni, migliaia quelle arrivate su numerochiuso.info . Ci si aspetta un’ondata di ricorsi … Come si risolve il problema?
«Credo che occorra un intervento diretto da parte del ministro e del Governo. Noi del Movimento 5 Stelle possiamo segnalare e denunciare, ma poi sta all’autorità del governo e della maggioranza dover dire basta. Basta con questo squallore, basta con le comiche. Se il nostro Paese vuole sedersi a pieno titolo nel consorzio occidentale deve comportarsi di conseguenza».

Articoli correlati
Contenziosi medici-pazienti, Pierpaolo Sileri (M5S): «Arbitrato salute idea vincente, riduce i costi per il SSN e scoraggia la medicina difensiva»
«In tutto il percorso diagnostico-terapeutico del paziente possono essere commessi errori: dalla diagnosi fino alla terapia. A volte, si tratta di errori indiretti causati dal sistema ospedale che non sono riconducibili alla responsabilità del singolo medico» specifica il presidente della Commissione Sanità del Senato
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Riforma numero chiuso, Guicciardi (FederSpecializzandi): «Modello francese dà troppa discrezionalità ai professori»
Il presidente dell’associazione si dice contrario all’abolizione dell’accesso programmato alle facoltà di Medicina senza l’aumento delle borse di specializzazione. Guicciardi ha dubbi anche sul sistema utilizzato in Francia, con uno sbarramento alla fine del primo anno: «Sorgerebbe il problema della trasparenza e dell’equità. Anche la Francia lo sta rimettendo in discussione»
Numero chiuso a Medicina, Salvini rilancia l’abolizione. E sposa la proposta del rettore Unife Zauli che vuole sperimentare lo stop ai test
Il vicepremier, sui social, sottolinea: «Via il numero chiuso a Medicina: diritto allo studio e al lavoro per tanti ragazzi, diritto alla salute per tanti Italiani. Sono d'accordo!». Il Magnifico Rettore dell’ateneo di Ferrara propone che dal prossimo anno accademico la soglia di sbarramento non sia più il test d'ingresso, ma finire tutti gli esami del primo semestre del primo anno con una media non inferiore al 27
Abolizione Numero Chiuso, Consulcesi: «Alle parole seguano i fatti»
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Bene le parole del vicepremier Salvini, ma e si cambino le regole fin dal prossimo anno accademico»
Medicina difensiva, Rampelli (UIF): «Medico sottoposto a ‘tiro al piccione’. Occorre modificare questo habitat mentale»
«Serve un intervento legislativo per aiutare le strutture sanitarie a districarsi in caso di necessità. Legge Gelli utile ma va completata», così a Sanità Informazione Elisabetta Rampelli, presidente nazionale Unione Italiana Forense
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...