Formazione 6 Ottobre 2015 16:32

«Basta con le comiche, questi esami sono da annullare. Studenti legittimati a fare ricorso e chiedere risarcimenti»

Caos numero chiuso. Intervista ad Andrea Liberati, capogruppo del Movimento 5 Stelle al Consiglio Regionale dell’Umbria

«Basta con le comiche, questi esami sono da annullare. Studenti legittimati a fare ricorso e chiedere risarcimenti»

Polemiche accese sui recenti test di accesso a medicina e sull’intero sistema del numero chiuso. A gettare benzina sul fuoco, all’avvicinarsi dei risultati definitivi, le innumerevoli irregolarità segnalate che non solo fanno vociferare di un annullamento della prova, ma minano alle fondamenta il criterio stesso di numero chiuso.


Un allarme diffuso in tutta Italia ma che ha preso voce in Umbria. Ce ne parla, ai microfoni di Sanità informazione, Andrea Liberati, capogruppo del Movimento 5 Stelle al Consiglio Regionale dell’Umbria.

«A seguito dei test di accesso a medicina della scorsa settimana a Perugia – attacca Liberati –  siamo stati contattati da studenti che hanno voluto segnalare un’ anomalia: al momento della compilazione della scheda anagrafica in uscita, quindi alla consegna del test, non c’era alcun controllo sulle effettive identità di chi aveva redatto le prove. Gli stessi hanno poi notato tra i partecipanti al test numerose persone certamente non giovani. La percezione è stata di un’ assenza di controlli e verifiche, che del resto non erano neanche imposti dal relativo decreto ministeriale, e dalla presenza di effettivi elementi di manipolazioni del test: la presenza di così tante persone anziane non era giustificabile. Dopodiché – conclude il consigliere M5S – abbiamo ricevuto da diverse Regioni le stesse segnalazioni. E’ un problema serissimo in capo al ministero della Sanità, su cui ci si augura un intervento in tempi rapidi…»

Uno degli effetti collaterali di questa situazione sono i ricorsi: una strada sempre più battuta che permette ai ragazzi di entrare in soprannumero. Questo però va ad ingolfare le facoltà e crea problemi alla professione, dal momento i posti di lavoro sono sempre meno…
«Chi si sente defraudato è in un certo senso obbligato, col supporto di associazioni legittimate in tal senso, ad attivarsi e a pretendere un risarcimento. D’altra parte c’è anche un danno d’immagine all’università italiana tutta, perché la vera vittima di questa truffa e di questi giochetti è il nostro sistema accademico. Su questo occorre una riflessione attenta, per poter cambiare in meglio».

Lei ha ricevuto e continua a ricevere tante segnalazioni, migliaia quelle arrivate su numerochiuso.info . Ci si aspetta un’ondata di ricorsi … Come si risolve il problema?
«Credo che occorra un intervento diretto da parte del ministro e del Governo. Noi del Movimento 5 Stelle possiamo segnalare e denunciare, ma poi sta all’autorità del governo e della maggioranza dover dire basta. Basta con questo squallore, basta con le comiche. Se il nostro Paese vuole sedersi a pieno titolo nel consorzio occidentale deve comportarsi di conseguenza».

Articoli correlati
Università: sale ‘ansia da prestazione’ per test ingresso a Medicina, da Consulcesi guida per prepararsi
A causa della pandemia che, almeno in parte, ha compromesso la formazione scolastica, mai come quest'anno gli aspiranti studenti di Medicina sono preoccupati di non essere all'altezza per entrare nella facoltà dei sogni. Per questo Consulcesi offre loro la guida “Come arrivare preparati e in forma al test per Medicina e per le Professioni sanitarie”, con consigli pratici per prepararsi al meglio
«Numero chiuso antistorico, serve biennio comune e selezione poi». La ricetta di Coletto (Lega) per Medicina
L’assessore alla Sanità dell’Umbria, responsabile Salute della Lega, chiede di abolire l’accesso programmato a Medicina: «Mancano cardiologi, anestesisti e infermieri. Il Governo è immobile e non dà soluzioni»
di Francesco Torre
Dal 2023 i candidati avranno 4 possibilità per entrare a Medicina. Parla la ministra Messa
La ministra Messa ha confermato che dal 2023 ogni maturando avrà quattro possibilità per entrare a Medicina. Che novità sul test 2022, invece?
di Gloria Frezza e Viviana Franzellitti
Abolire il numero chiuso a Medicina, lo chiede il sottosegretario Costa
Secondo Costa il numero chiuso a Medicina non è meritocratico e chiede alla ministra Messa di trovare una soluzione con "verifica di obbiettivi di rendimento"
Via ai lavori della «Corte d’Appello» dei sanitari, precedenza ai ricorsi contro le radiazioni
Nel corso della prima riunione della nuova Commissione centrale per gli esercenti le professioni sanitarie, che si è tenuta ieri, sono state stabilite le linee di indirizzo per smaltire le pratiche arretrate: riunioni più frequenti e priorità alle radiazioni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...