Contributi e Opinioni 27 Maggio 2019

Spagna, costringono donna a partorire in ospedale. FNOPO: «Episodio grave, Stato non può entrare nella sfera privata dell’individuo»

del Comitato centrale della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica

«La FNOPO esprime la propria solidarietà alla donna spagnola che è stata costretta ad andare in ospedale per partorire, nonostante avesse già deciso di dare alla luce il proprio bambino in casa», scrivono in una nota le componenti del Comitato centrale della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica.

La vicenda risale al mese di aprile. Da quanto riportano le cronache e le denunce di diversi movimenti per i diritti umani e una campagna di solidarietà e sottoscrizione, la donna, pur avendo già stabilito le modalità del proprio parto con una ostetrica libera professionista, si era recata in ospedale per un monitoraggio gratuito avendo aveva superato la 42 settimana. Alla prospettiva di un cesareo, sebbene non vi fosse alcun rischio né per lei né per il nascituro, si era allontanata col marito per parlarne. Tornata indietro per comunicare la sua decisione aveva trovato chiuso l’accesso, quindi era tornata a casa. Poche ore dopo, però, nella sua abitazione sono arrivati la polizia e un tutore legale, ed è stata costretta ad andare in ospedale, dove è stata accompagnata in un’area dedicata. A causa dello stress, però, la donna non riusciva a entrare in travaglio e si è pertanto dovuto procedere con un taglio cesareo.

«Quanto accaduto in Spagna rappresenta una violenza inaudita sulle donne, sul loro corpo e al loro diritto ad autodeterminarsi – continuano le rappresentanti nazionali della Professione ostetrica -. Sono fatti che allarmano e preoccupano perché provengono da un Paese che non è certamente annoverabile tra quelli in cui vi è una violazione sistematica dei diritti umani. Nel caso denunciato, la signora in gravidanza e costretta a far ritorno in ospedale per il parto si era affidata a una professionista ostetrica che l’avrebbe seguita assistendo il parto presso il proprio domicilio, secondo procedure di sicurezza, avendo l’Ostetrica una formazione adeguata in grado di individuare una deviazione dalla fisiologia alla patologia e indirizzare la donna per il travaglio e il parto in una struttura ospedaliera adeguata. È inaccettabile che sul corpo di una donna, sulle sue scelte in merito alla propria gravidanza possa prevalere la forza di una legge dello Stato. Le leggi devono essere a garanzia sì della salute dei cittadini e delle cittadine, ma non possono prevaricare il loro diritto di scelta di cura. Occorre mettere a disposizioni la miglior presa in carico e assistenza possibili, informare sulla sicurezza medica e la scientificità delle procedure ma non si può decidere al posto di adulti nel pieno possesso delle loro facoltà.

Purtroppo, negli ultimi tempi, si assiste a livello internazionale a un tentativo di ritorno al passato sui diritti acquisiti dalle donne. Le ostetriche saranno insieme alle donne per la difesa dei loro diritti e la loro dignità», concludono le componenti del Comitato centrale FNOPO.

Articoli correlati
Decreto Rilancio, FNOPO: «Buon inizio, ma occorre fare di più»
«Gli emendamenti al Decreto Rilancio, approvati dalla Commissione Bilancio della Camera, rappresentano un buon inizio per sanare le troppe discriminazioni operate dalla politica in era Covid-19 in tutti i provvedimenti finora adottati, e in via di adozione come il Decreto Rilancio, a danno della categoria Ostetrica, al pari di altre professioni sanitarie e sociosanitarie», commentano […]
FNOPO incontra Speranza: «Implementare modelli di ostetrica di famiglia e di comunità»
La Federazione Nazionale degli Ordini della Professione Ostetrica: «L'obiettivo è migliorare la presa in carico delle donne sul territorio e in ospedale»
Fnopo: «Con senatrice Boldrini incontro ricco di spunti. Valorizzare salute donna con ostetrica di famiglia e di comunità»
Rafforzamento della rete di assistenza sul territorio e della medicina di iniziativa e di prossimità a supporto della salute della donna, promozione della figura dell’ostetrica di famiglia e di comunità, contrasto alla denatalità e formazione. Sono stati questi i temi principali discussi nel corso dell’incontro della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione Ostetrica e la […]
Vicario (FNOPO): «Meno ospedalizzazione, più servizi territoriali e continuità assistenziale»
L’epidemia da Coronavirus ha messo in luce le disfunzioni e le falle di uno dei migliori servizi sanitari esistenti al mondo, per il quale però negli ultimi decenni si è investito poco e tagliato molto. L’emergenza COVID-19 ha insegnato, quindi, che è finito il tempo delle attese per rivedere i modelli organizzativi territoriali e ospedalieri, […]
di Maria Vicario, Presidente FNOPO
Giornata internazionale ostetriche, Vicario (FNOPO): «Noi dimenticate dalle Istituzioni nell’emergenza Covid»
La presidente della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica: «Escluse dal bonus baby sitting e dalle indennità previste nel decreto “Cura Italia” per medici e sanitari. Non incluse nemmeno nei provvedimenti “salta-fila” nei supermercati. Eppure, siamo ogni giorno sul campo, esposte ad un alto rischio di contagio Covid»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Coronavirus, il fisico Sestili: «I numeri che abbiamo in Italia sono ancora distanti dalla realtà. Nel mondo contagi in aumento»

Il fondatore della pagina Facebook “Coronavirus – Dati e Analisi Scientifiche”: «Gli italiani hanno fame di notizie, ma servono dati di qualità»
di Tommaso Caldarelli