Contributi e Opinioni 1 Agosto 2019

“Soffocamento in età pediatrica, ecco perché serve un Ddl per rendere obbligatori i corsi di disostruzione”

di Enza Giglione, Pediatra AOU Maggiore della Carità di Novara e referente Simedet Piemonte

Il soffocamento causato da corpi estranei causa ancora un numero alto di morti tra i bambini da zero a tre anni. Per questo la dottoressa Enza Giglione, Pediatra presso l’AOU Maggiore della Carità di Novara e referente regionale SIMEDET Piemonte, lancia la proposta che renda obbligatori i corsi di disostruzione pediatrica e delle manovre salvavita nelle scuole. Intanto la Simedet, Società italiana di medicina diagnostica e terapeutica, organizza con Antel il primo corso di formazione per esecutore PBLSD (manovre di primo soccorso, rianimazione e defibrillazione in età pediatrica) con certificazione internazionale ILCOR il 27 settembre, aperto a tutte le Professioni Sanitarie. Ecco l’intervento della dottoressa Giglione:

«Rimane ancora alto il numero di bambini dai zero ai tre anni morti per soffocamento causato da corpi estranei. Non è un caso che la maggior parte degli episodi di ostruzione completa delle vie aeree si verifichi con maggiore frequenza in questa fascia d’età. I bambini, rispetto agli adulti e agli adolescenti, attraverso il gioco e le attività quotidiane, entrano in contatto con diversi oggetti ed alimenti, a ciò si aggiunge una dentizione incompleta (che non permette loro una masticazione adeguata) e spesso anche una deglutizione scoordinata. A causare questi incidenti, inoltre, sono troppo spesso oggetti o alimenti di uso comune per i quali non esistono normative specifiche o precauzioni ad-hoc dal momento che non si tratta di prodotti “indirizzati specificatamente ai bambini”. Stando ai dati (50mila incidenti l’anno solo nell’Unione Europea dei quali l’1% addirittura fatali) si può parlare quindi di una vera e  propria emergenza, sempre più comune anche in età adolescenziale (14 anni) in cui il fattore tempo è decisivo. Dopo 4 minuti circa dell’evento, infatti, possono già verificarsi danni celebrali  reversibili che non potrebbero più esserlo se solo si lasciasse passare  qualche minuto in più. A tutto ciò la soluzione migliore è l’agire tempestivo e in maniera competente attraverso l’uso delle giuste manovre di disostruzione, in grado di aumentare la pressione toracica e di creare una tosse artificiale; ma non solo. Altro elemento fondamentale per la riduzione di questi incidenti è la cosiddetta “supervisione dell’adulto”. Dati recenti dimostrano che in buona parte degli eventi (58%) che si verificano, l’adulto non è presente in “maniera attiva” ovvero non  presta sufficiente attenzione all’attività del bambino, un’altra parte,  invece, non conosce le tecniche da attuare in caso di ostruzione delle  vie aeree. C’è bisogno dunque di attivare un tipo di informazione continua e capillare, che si focalizzi principalmente sulla prevenzione e sulla  divulgazione delle tecniche di disostruzione. È urgente approvare un DDL che renda obbligatori i corsi di disostruzione pediatrica e delle manovre  salvavita nelle nostre scuole, alla stregua di altri Paesi europei nei  quali la partecipazione a tali corsi e la relativa certificazione rappresenta una condizione necessaria per accedere alle graduatorie».

 

Articoli correlati
Tecnici di laboratorio, verso il Congresso ANTEL. La presidente Cabrini: «Al centro ricerca e governance dell’Ordine multiAlbo»
L’evento si svolgerà a settembre in collaborazione Sibioc e Simedet. «Parleremo anche del tema del professionista “esperto” e “specialista”» sottolinea la presidente Alessia Cabrini: «Aspettiamo ultimi decreti attuativi della legge 23 del 2018»
L’ex ministro Beatrice Lorenzin chiude il ciclo di incontri dei “Venerdì degli igienisti dentali”
Tra gli ospiti dell'evento UNID anche Fernando Capuano, presidente della Simedet, l'avvocato Laila Perciballi in rappresentanza del Movimento consumatori e il Presidente dell’Ordine TSRM-PSTRP di Roma e provincia, Claudio Dal Pont
Tromboembolismo venoso, ad Assisi Simedet e Usl Umbria 1 a confronto sul trattamento della patologia
Al centro del covegno i nuovi farmaci e il calcolo del rischio per garantire ai pazienti il miglior trattamento possibile durante la fase di emergenza. Sono stati esaminati anche l’utilizzo corretto dei farmaci anticoagulanti e la gestione adeguata dei pazienti in trattamento
Diritto alla salute, Cisl e Simedet ne parlano a Roma. Papotto (Cisl): «Regionalismo differenziato può aumentare diseguaglianze»
Convegno a Roma per fare il punto sull’articolo 32 della Costituzione. Tra i relatori Filippo Anelli (FNOMCeO) e l’ex ministro Beatrice Lorenzin. Il leader Cisl medici: «Sarà occasione per ribadire che il finanziamento alla sanità è sottostimato. Mancato rinnovo contratto è una vergogna»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone