Contributi e Opinioni 29 Luglio 2020

Sia riconosciuto e valorizzato il ruolo dei Dirigenti delle Professioni Infermieristiche e Sanitarie

Di Bruno Cavaliere, Presidente S.I.D.M.I

di Bruno Cavaliere, Presidente S.I.D.M.I

lii.mo Dott. Stefano BONACCINI

Presidente Conferenza Stato Regioni e delle Provincie Autonome

e Suo tramite ai Presidenti delle Regioni e delle Provincia Autonome 

lii.mo Dott. Luigi Genesio ICARDI

Coordinatore Commissione Salute Conferenza stato-Regioni e p.c.

lii.ma Dott.ssa Barbara MANGIACAVALLI

Presidente Nazionale FNOPI

 

Oggetto: Riconoscimento e valorizzazione del ruolo e delle funzioni dei Dirigenti delle Professioni Infermieristiche e Sanitarie.

In un momento delicato e difficile come quello vissuto di emergenza Covid-19 è stato fondamentale l’apporto umano e professionale messo in campo dagli Infermieri e dalle altre professioni sanitarie.

La competenza nella presa in carico di nuovi bisogni, la flessibilità nel mettersi a disposizione con immediatezza al di là dei limiti ordinari e l’eticità nel garantire risposte in momenti particolarmente difficili per le persone assistite ed i familiari hanno messo in luce, ancora una volta, i professionisti direttamente coinvolti nell’assistenza diretta ma anche i “registi”, coloro che a livello organizzativo hanno garantito continuità e risposte nuove, efficaci ed efficienti e una costante attenzione alla sicurezza dei colleghi impegnati in prima linea.

Lo hanno fatto con un senso del dovere, non scontato, impegnandosi quotidianamente per giorni e mesi, ininterrottamente, guidati da valori deontologici tipici delle professioni infermieristiche e sanitarie.

Sono stati presenti e parte attiva in rete ed in team multi professionali e interdisciplinari, fortemente integrati nelle unità di crisi a livello regionale e locale affiancando le Direzioni strategiche, Sanitarie e Dipartimentali nella presa di decisioni e nelle scelte di riorganizzazione e definizione di nuovi percorsi. Queste scelte, come si è ampiamente dimostrato, hanno fatto la differenza. Hanno reso le organizzazioni più “resilienti”.

Oggi stanno affrontando la complessa fase 2 di ripartenza delle attività assistenziali e di cura ordinarie delle ASL e degli Ospedali e partecipano attivamente alla definizione dei Piani per affrontare e contenere nuove possibili emergenze preannunciate dalle società scientifiche internazionali. Il loro ruolo è insostituibile e necessario.

Hanno e stanno dimostrato, ancora una volta, la peculiarità della funzione all’interno delle Aziende Sanitarie Locali o Ospedaliere che si connota di una trasversalità unica e necessaria.

La Nostra Società Tecnico Scientifica SIDMI sostiene con forza le azioni messe in campo dalla Nostra rappresentanza istituzionale FNOPI sugli investimenti, oramai ineludibili, sulle professioni Infermieristiche, sugli Infermieri di famiglia e comunità e scolastici. Riteniamo fondamentale che sia da affiancare ad un serio investimento sulle figure di Dirigenza Infermieristica e delle Professioni sanitarie che devono essere presenti ai vari livelli organizzativi e professionali e ritenute valore e risorsa del Sistema.

È stata data chiara evidenza delle capacità di risposta in situazione emergenziale partendo da situazioni organizzative e di “staffing critiche”. La presenza stabile di una Direzione delle professioni Infermieristiche e Sanitarie è in grado di incidere sulla qualità delle cure erogate, sullo sviluppo professionale e sul clima organizzativo, elemento fondamentale per l’affiatamento e l’integrazione dei team di cura.

Si auspica, pertanto, Presidente e Coordinatore l’attenzione Vostra, dei Presidenti delle Regioni e province Autonome e dei Direttori Generali al riconoscimento e valorizzazione delle posizioni e delle funzioni dei Dirigenti delle Professioni Infermieristiche e Sanitarie nella programmazione dei Fabbisogni di personale in relazione ai diversi contesti, complessità e bacini di utenza e l’utilizzo tempestivo nelle varie Regioni d’ Italia, da parte delle Aziende Socio-Sanitarie o Ospedaliere delle graduatorie in essere o la predisposizione di nuove procedure concorsuali laddove non presenti.

L’Italia e il suo Servizio Sanitario Nazionale ha bisogno di Dirigenti delle Professioni Infermieristiche e Sanitarie stabilmente assunti all’interno del sistema sanitario pubblico e privato. Ad oggi i Dirigenti delle Professioni Sanitarie sono circa 400 su tutto il territorio nazionale. Con questi numeri non si garantisce il corretto funzionamento di queste strutture. Oggi vengono prevalentemente ricoperti i ruoli di Direttore o Responsabile delle strutture di Direzione Infermieristica e delle professioni Sanitarie. Questa situazione palesemente insufficiente non è più sostenibile e necessita di urgenti investimenti per almeno altri 3000 posti di dirigente delle professioni infermieristiche e sanitarie da impiegare a più livelli organizzativi gestionali e clinici per garantire continuità ai servizi già istituiti, e l’apertura là dove non è ancora stata attivata nessuna Direzione delle professioni Infermieristiche e sanitarie.

La Società Italiana tecnico scientifica per la Direzione e il Management delle Professioni Infermieristiche si rende fin d’ora disponibile a contribuire allo sviluppo di Linee di indirizzo Nazionali utili a definire e/o consolidare il ruolo di governo delle Direzioni delle professioni Infermieristiche e delle Direzioni delle Professioni Sanitarie (D.P.S.). In particolare, per le D.P.S.  società scientifica intende aprire un confronto ed una proficua collaborazione con le altre professioni sanitarie per integrare e valorizzare il loro contributo all’interno del sistema organizzativo e del processo strategico della Direzione delle Professioni Sanitarie in una logica di integrazione e di multi professionalità nelle risposte socio-sanitarie da garantire ai cittadini. Dovrà essere messa in evidenza la fondamentale alleanza con le professioni mediche e i farmacisti, in un’ottica nuova ed innovativa, unica strada per riformare sostanzialmente il Nostro Servizio Socio Sanitario.

Con l’occasione inviamo i migliori saluti.

 

Il Presidente S.I.D.M.I Dott. Bruno CAVALIERE

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Chi saranno i medici scolastici? Pensionati, giovani, pediatri o stranieri. Le proposte dal mondo della sanità
Se per Cricelli (Simg) la soluzione è richiamare i medici in pensione, Mazzacane (Cisl Medici) punta sui camici grigi. Secondo Magi (Sumai) i pediatri di libera scelta sono l’opzione ideale e Aodi (Amsi) vede un’opportunità per i medici di origine straniera. Mangiacavalli (Fnopi) chiede invece l’istituzione dell’infermiere scolastico
Presidente Casellati incontra Fnopi: «Infermieri fondamentali per diritto alla salute, grazie»
La presidente del Senato ha incontrato i vertici Fnopi, Barbara Mangiacavalli e Tonino Aceti e ascoltato le istanze. Ha assicurato il suo impegno nelle sedi istituzionali per sottolineare il ruolo degli infermieri durante la pandemia e dopo
Covid-19, De Palma (Nursing Up): «Report Inail mette a nudo l’amara realtà. Noi infermieri come soldati allo sbaraglio»
«L’83 per cento dei casi denunciati di avvenuto contagio erano infermieri. Il 63 per cento delle vittime nel mondo sanitario erano infermieri. I dati non lasciano spazio a dubbi» così il presidente del Sindacato Infermieri Italiani
Dati Inail, Regimenti (Lega): «Infermieri più colpiti dal virus, Governo li tuteli»
«Rivolgo un appello accorato al Governo: non dimentichi gli operatori della sanità, che tanto hanno dato nel momento più virulento della pandemia, sacrificando se stessi e la propria famiglia» sottolinea l'eurodeputato della Lega commentando i dati Inail dal 15 al 30 giugno sui contagi dal Covid-19 al lavoro
Covid-19, dalla Federazione Pugilistica ecco i BoxeVoucher per gli infermieri
La FPI offre agli infermieri iscritti all’Albo Fnopi ed ai loro figli 1.000 BoxeVoucher per 3 mesi di allenamento gratuito. È il nostro modo – dichiara il presidente FPI, Vittorio Lai – di rivolgere un energico e affettuoso ‘grazie’ a tutti gli infermieri che non hanno mai smesso di abbassare la guardia»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»