Contributi e Opinioni 23 luglio 2018

«È giungla ticket fra le Regioni. In Italia non decollano i farmaci equivalenti»

di Nino Cartabellotta, Presidente Fondazione GIMBE

Un report della Fondazione Gimbe presieduta da Nino Cartabellotta fa il punto sulla mappa dei ticket sanitari nelle varie regioni e studia la compartecipazione dei cittadini alla spesa sanitaria nel 2017.

Il report alza il velo su «una vera e propria giungla dei ticket». E su un paradosso: dei quasi 2,9 miliardi di euro corrisposti dai cittadini nel 2017, oltre 1 mld «è imputabile alla scarsa diffusione dei farmaci equivalenti in Italia». Si tratta infatti della quota sborsata da chi, pur di portarsi a casa un medicinale ‘di marca’, è disposto a pagare la differenza di prezzo fra il ‘griffato’ e la sua versione generica. In altre parole, sul totale ticket «oltre un terzo viene pagato dai cittadini per scelta». Circa 17 euro a testa, con le punte più alte al Centro-Sud.

LEGGI IL REPORT GIMBE TICKET 2017

Il 12 luglio scorso – ricorda la Fondazione Gimbe – mentre la Corte dei Conti pubblicava il Rapporto 2018 sul coordinamento della finanza pubblica, l’Agenzia italiana del farmaco Aifa diffondeva il Rapporto 2017 sull’utilizzo dei medicinali in Italia. E grazie alla disponibilità dei dati definitivi sulla compartecipazione alla spesa dei cittadini nel 2017, l’Osservatorio Gimbe ha realizzato un report per analizzare composizione e differenze regionali della compartecipazione alla spesa. «Introdotta come moderatore dei consumi – osserva Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe – si è progressivamente trasformata in un consistente capitolo di entrate per le Regioni, in un periodo caratterizzato dal definanziamento pubblico del Servizio sanitario nazionale».

«Nel 2017 – riferisce Gimbe – le Regioni hanno incassato per i ticket quasi 2.900 milioni di euro, che corrispondono a una quota pro-capite di 47,6 euro. In particolare, 1.549 mln (25,5 euro pro-capite) sono relativi ai farmaci e 1.336,6 mln (22,1 euro pro-capite) alle prestazioni di specialistica ambulatoriale, incluse quelle di pronto soccorso. L’entità della compartecipazione alla spesa nel periodo 2014-2017 si è mantenuta costante – calcola l’Osservatorio – ma se nel 2014 la spesa per farmaci e quella per prestazioni specialistiche erano sovrapponibili, negli anni successivi si è ridotta la spesa per i ticket sulle prestazioni (-7,7%) ed è aumentata quella per i ticket sui farmaci (+7,9%). Il tutto con «notevoli differenze regionali – sottolinea Cartabellotta – rispetto sia all’importo totale della compartecipazione alla spesa, sia alla ripartizione tra farmaci e prestazioni specialistiche».

Nel dettaglio – indica il rapporto Gimbe – se la quota pro-capite totale per i ticket oscilla da 97,7 euro in Valle d’Aosta a 30,4 in Sardegna, per i farmaci varia da 34,3 euro in Campania a 15,6 in Friuli Venezia Giulia, mentre per le prestazioni specialistiche si va da 66,2 euro in Valle d’Aosta a 8,6 in Sicilia. Ma per Cartabellotta «un dato estremamente interessante emerge dallo ‘spacchettamento’ dei ticket sui farmaci, che include la quota fissa per ricetta e la quota differenziale sul prezzo di riferimento pagata dai cittadini che preferiscono il farmaco di marca rispetto all’equivalente». «Nel periodo 2013-2017 – riporta la Fondazione Gimbe – a fronte di una riduzione della quota fissa da 558 milioni a 498 mln (-11%), la quota differenziale per acquistare il farmaco di marca è aumentata da 878 milioni a 1.050 mln (+20%)». Più precisamente, «dei 1.549 milioni sborsati dai cittadini per il ticket sui farmaci l’anno scorso, meno di un terzo è relativo alla quota fissa per ricetta (498,4 mln, pari a 8,2 euro pro-capite), mentre i rimanenti 1.049,6 milioni (17,3 euro pro-capite) sono imputabili alla scarsa diffusione in Italia dei farmaci equivalenti». Del resto “come documentato dall’Ocse che ci colloca al penultimo posto su 27 Paesi, sia per valore sia per volume del consumo degli equivalenti».

«Rispetto alla quota fissa per ricetta, non prevista da Marche, Sardegna e Friuli Venezia Giulia – continua il Gimbe – il range varia dai 18,3 euro pro-capite della Valle d’Aosta agli 0,5 del Piemonte. La quota differenziale per la scelta del farmaco di marca oscilla invece da 22,9 euro pro-capite nel Lazio a 10,5 euro nella Provincia di Bolzano». Ed è «interessante rilevare – nota la Fondazione – che tutte le regioni sopra la media nazionale sono del Centro-Sud: oltre al già citato Lazio, rispondono all’appello Sicilia (22,1 euro pro-capite), Calabria (21,2 euro) Basilicata (21,2), Campania (20,9), Puglia (20,7), Molise (20,3), Abruzzo (19,5), Umbria (19,5) e Marche (18,2)».

«Durante la scorsa legislatura – ricorda Cartabellotta – non è stata effettuata la revisione dei criteri di compartecipazione alla spesa prevista dall’articolo 8 del Patto per la Salute per evitare uno spostamento verso le strutture private a causa di ticket troppo elevati per la specialistica». Solo «con la legge di Bilancio 2018 – rammenta Gimbe – sono stati stanziati 60 milioni di euro destinati ad avviare una seppur parziale riduzione del superticket per la specialistica ambulatoriale. Tuttavia, lo schema di decreto per il loro riparto non ha ancora acquisito l’intesa della Conferenza Stato-Regioni, e nel frattempo Emilia Romagna, Lombardia e Abruzzo si sono mosse in autonomia per ridurre il superticket».

Articoli correlati
Sanità Regioni, la proposta di Sileri: «Serve commissariamento ‘chirurgico’ solo su aspetti che vanno male». Luca Coletto: «In Patto Salute nuove modalità»
Il Presidente della Commissione Sanità del Senato sottolinea: «Non ha senso commissariare l'intero settore Sanità di una Regione quando ci sono strutture che vanno male e altre che invece funzionano benissimo. Serve un accordo su qualità e meritocrazia». E anche il Sottosegretario alla Salute parla di «verifica straordinaria, che individui le disfunzioni persistenti sulle quali intervenire e soltanto dopo saremo in grado di stabilire l'intensità del commissariamento di cui la regione necessita»
Blockchain, Scaccabarozzi (Farmindustria): «Tecnologia utile anche per farmacovigilanza e ricerca staminali»
Il Presidente degli industriali farmaceutici al convegno in Senato promosso dal presidente della Commissione Sanità Pierpaolo Sileri e da realtà come Consulcesi Tech. «È bene che se ne cominci a parlare, anche se siamo in una fase molto iniziale. Bene anche l’uso per la ricerca come quella sulle cellule staminali», sottolinea a Sanità Informazione
Con autonomia differenziata 21 Sistemi sanitari diversi? Razza (Assessore Salute Sicilia): «Nessun rischio con coordinamento Regioni»
L’assessore alla Salute della Regione governata da Nello Musumeci spiega ai nostri microfoni cosa si aspetta dal Governo dopo il tavolo di trattativa avviato con le Regioni del Nord. «Sud venga messo in condizione di crescere»
Salute, De Poli (Udc): «Serve Piano Marshall per ‘nuova primavera’ sanità italiana»
«Il Servizio Sanitario nazionale ha da poco compiuto i 40 anni. Nonostante i limiti presenti e passati, rimane uno tra i migliori al mondo. C’è un ‘ma’. Oggi dobbiamo chiederci cosa fare per mantenere questo modello sostenibile, considerando la stagione dei tagli in sanità, gli aumenti dei costi dovuti all’invecchiamento della popolazione e all’aumento della […]
Autonomia differenziata, nord avanti ma crescono i dubbi. Luca Zaia (Veneto): «Governo ha ribadito più volte che si farà»
Per la FNOMCeO a rischio «l’uguaglianza dei cittadini nell’accesso al diritto alla salute», ma Zaia e Toti confermano. «Vogliamo trovare accordo ma nessuna soluzione annacquata», annuncia il Presidente della Regione Veneto. «Presenteremo testo al Ministro Stefani con cui chiederemo un’intesa al Governo», spiega invece il Governatore della Liguria
di Arnaldo Iodice e Giovanni Cedrone
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...