Contributi e Opinioni 25 Febbraio 2019

Nanotecnologia e sicurezza alimentare: opportunità e rischi

di Vitantonio Perrone – Vice Presidente SIMeVeP

di Vitantonio Perrone – Vice Presidente SIMeVeP

Quello che passa sotto il termine generico di nanotecnologie è da considerare come la vera innovazione del ventunesimo secolo vista la sua interdisciplinarietà (fisica, chimica, biologia, ingegneria, elettronica) e la possibilità di  applicarle in molti settori produttivi non ultimo quello agroalimentare.

I nanomateriali rientrano nell’ordine di grandezza del milionesimo di millimetro e tali dimensioni determinano la comparsa di nuove proprietà chimiche e fisiche del tutto differenti da quelle presenti nella stessa materia  non nanostrutturata (bulk materials).

Lo sviluppo applicativo dei nanomateriali offre delle opportunità ma al contempo, come per tutte le attività umane, possono configurarsi rischi potenziali associati a specifici aspetti la cui valutazione è ancora da completare vista la grande complessità che richiede approcci del tutto innovativi per quanto concerne le tecniche di laboratorio.

In ambito alimentare lo sviluppo di numerosi nanomateriali ingegnerizzati (enginereed  nanomaterials – ENMs) trova impiego principalmente nell’ambito dei materiali per il packaging (food contacts materials – FCMs) in grado di offrire nuove soluzioni per assicurare migliori condizioni durante il trasporto degli alimenti e aumentarne la shelf-life proteggendoli dalle contaminazioni esterne. Altre applicazioni possono agire direttamente sulla struttura dell’alimento, sull’aggiunta di additivi per aumentare la biodisponibilità di componenti nutrizionali o utilizzare nano-sensori per assicurare la tracciabilità dell’alimento o monitorarne le condizioni durante la sua vita commerciale.

Come detto lo sviluppo dell’impiego dei nanomateriali assieme allo studio dei notevoli vantaggi offerti comporta l’approfondimento di tutti quegli aspetti anche etici, politici e normativi collegati al loro possibile impatto ambientale oltre a quello sulla sicurezza alimentare dato che le loro particolari proprietà determinano grosse difficoltà nel prevedere il loro impatto biologico mentre è giocoforza comprenderle appieno per valutarne adeguatamente il rischio associato al loro impiego diffuso. Tanto è vero che gli alimenti che dovessero contenere ingredienti in dimensione “nano” sono assimilati dalla normativa vigente a pieno titolo tra i “novel food” che per la loro commercializzazione nell’UE necessitano di un iter autorizzativo in cui l’operatore alimentare deve dimostrare con studi condotti al riguardo al consumatore europeo la salubrità dell’alimento.

 

 

Articoli correlati
Aggressioni ai Veterinari Pubblici, condannate due persone. SIVeMP: «Segnale positivo ma c’è ancora tanto da fare»
Condannate a 8 e 9 mesi di reclusione due persone che nel 2015 avevano preso a calci e pugni un veterinario in un piccolo paese del Leccese. Il veterinario era stato aggredito per aver denunciato un illecito conseguente alla vendita fraudolenta di un cavallo sottoposto a sequestro amministrativo. Gli imputati sono stati condannati per lesioni […]
Quando il nostro angelo custode è… il veterinario. Intervista a Gaetano Penocchio FNOVI
Questa figura professionale non si occupa solo della salute dei nostri animali da compagnia, ma analizza e autorizza la distribuzione di tutti gli alimenti di origine animale. L’intervista a Gaetano Penocchio, Presidente Fnovi - Federazione nazionale ordini veterinari italiani
di Arnaldo Iodice e Giovanni Cedrone
Ministro Grillo: a che punto è la notte?
di Aldo Grasselli, Presidente FVM – Federazione Veterinari, medici farmacisti e Dirigenti sanitari
Medici Veterinari Campani “precari da sempre” verso la stabilizzazione definitiva. SIVeMP: “Si chiude un capitolo che dura da più di 15 anni”.
“Finalmente la Regione Campania ha fatto la sua parte sottoscrivendo e avviando le procedure per il completamento orario degli Specialisti Ambulatoriali Veterinari ancora non a tempo pieno, in servizio da anni nelle AA.SS.LL. di Caserta e Salerno. Ringraziamo il Presidente De Luca per aver accolto la nostra proposta; siamo felici di aver raggiunto un risultato […]
Ddl aggressioni, continuano le audizioni in Senato. Sumai: «Asl denuncino d’ufficio». SIVeMP: «Veterinari operino in equipe»
Si studiano le misure per fronteggiare l’ondata di violenze contro gli operatori sanitari. Il segretario Sumai Antonio Magi: «Il più delle volte infatti, il medico aggredito non denuncia per vergogna, per rassegnazione, ma anche per paura». Il Fimeuc (Emrgenza – Urgenza): «Serve formare personale per gestire situazioni»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone