Contributi e Opinioni 29 Gennaio 2020

La guerra a senso unico contro medici e infermieri

Gentile Direttore, auguri al nuovo prefetto di Napoli, dr. Marco Valentini che incontrando i giornalisti durante la conferenza stampa di insediamento ha dichiarato che è al vaglio l’implementazione delle misure di sicurezza sul fenomeno delle aggressioni ai medici e agli altri operatori della sanità. L’indimenticabile Renato Carosone cantava “Vuó’ ‘o cuppetto o vuó’ ‘o spumone? Chello ca costa ‘e cchiù“. […]

di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio

Gentile Direttore,

auguri al nuovo prefetto di Napoli, dr. Marco Valentini che incontrando i giornalisti durante la conferenza stampa di insediamento ha dichiarato che è al vaglio l’implementazione delle misure di sicurezza sul fenomeno delle aggressioni ai medici e agli altri operatori della sanità.

L’indimenticabile Renato Carosone cantava “Vuó’ ‘o cuppetto o vuó’ ‘o spumoneChello ca costa ‘e cchiù“.

Poter scegliere nella vita esercitando il proprio libero arbitrio è importante, quando si può ovviamente. Quando non si può, come nel caso del paziente che pretendeva che il 118 lo portasse in un ospedale a sua scelta, allora c’è il rischio che ne paghi le conseguenze l’autista colpito con una testata.

Solidarietà piena agli operatori sanitari che svolgono il loro lavoro in ambienti difficili che ormai sono territorio oltre le linee del nemico, come si direbbe in corso di eventi bellici. Ed in effetti è una guerra, ma a senso unico, quella che si sta svolgendo in Italia contro i medici e gli infermieri senza alcuna differenza geografica.

Ben venga una incisiva campagna mediatica: a proposito che fine hanno fatto le campagne di comunicazione sociale che una volta venivano fatte da Pubblicità Progresso divenuta una Fondazione che vede tra i soci fondatori i principali network televisivi?

Ben venga un intermezzo, magari tra una canzone e l’altra durante il festival di Sanremo, per comunicare al grande pubblico cosa sta accadendo nella sanità.

Ben venga febbraio se porterà all’approvazione alla Camera del ddl sulle aggressioni con la speranza, minuscola, di non restare congelati a fronte dell’eventuale allungarsi dei tempi.

Ben vengano le iniziative di prevenzione e di repressione, termine magari politicamente non corretto, ma qui sembra che la vera epidemia non sia quella influenzale ma quella aggressiva contro medici ed infermieri che è ancora più contagiosa e non si cura con il paracetamolo ma con il riposo a letto e preferibilmente in una stanzetta illuminata dal sole a scacchi.

Non chiediamo derive autoritarie ma chiediamo che le Autorità intervengano e non ci lascino andare alla deriva trascinati in questo vortice di violenza contro i camici bianchi.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
«Soldi ai medici e ai dirigenti sanitari definiti eroi? Ma quando mai»
di Luciano Cifaldi (segretario della Cisl Medici Lazio) e Benedetto Magliozzi (segretario della Cisl Medici di Roma Capitale/Rieti)
di Luciano Cifaldi (segretario Cisl Medici Lazio) & Benedetto Magliozzi (segretario Cisl Medici Roma/Rieti)
Quando il medico è anche caregiver. Boschero (Cisl Medici): «Le aspettative sono maggiori, rischio burnout»
«I medici genitori di figli disabili o figli di persone anziane con malattie degenerative vengono caricati di responsabilità. I possibili peggioramenti o non miglioramenti del familiare si possono riflettere sulla sua autostima»
di Vanessa Seffer
Covid-19, perché la letalità è così alta in Italia (specialmente per gli anziani)? Intervista all’esperto
Le risposte del dott. Nicola Buonaiuto, specialista ambulatoriale e Geriatria, delegato Cisl Medici Lazio
di Vanessa Seffer
Medici bersagli di studi legali, l’avvocato Spangaro: «Drastico calo della deontologia»
L'avvocato fiduciario di Cisl Medici Lazio: «Ci sono troppi legali e non c'è lavoro per tutti, quindi prendono in giro i malati»
di Vanessa Seffer
Ddl aggressioni, UGL Sanità: «Soddisfatti ma non abbassare la guardia. Occorre rafforzare i controlli»
«Si vigili perché, dopo l’approvazione, venga applicata con il massimo della severità e in ogni occasione. Proteggere gli operatori della sanità è compito imprescindibile delle istituzioni di una Nazione civile» sottolinea Gianluca Giuliano, Segretario UGL Sanità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...