Contributi e Opinioni 31 Agosto 2020

«I camici grigi per la medicina scolastica»

di Danilo Mazzacane, Segretario generale Cisl Medici Lombardia

di Danilo Mazzacane, Segretario generale Cisl Medici Lombardia

Mentre si sta approssimando l’inizio dell’anno scolastico, regnano ovunque preoccupazione e confusione circa le misure sanitarie relative all’emergenza Covid da mettere in campo per tutelare studenti, docenti e personale scolastico.

Tuttavia è pur vero che da ogni evento negativo si può trarne insegnamento e stimolo per una ristrutturazione positiva e magari duratura nel tempo.

L’occasione è ghiotta per riproporre la figura del medico scolastico con compiti non solo di sorveglianza sanitaria anti-Covid, ma anche di prevenzione ed educazione sanitaria.

Il ripristino della medicina scolastica pertanto dovrebbe essere previsto e programmato non a termine ed in funzione unicamente emergenziale, ma come anello importante della rete sanitaria territoriale, magari anche collegato al dipartimento di prevenzione, ma comunque con funzione stabile ed efficiente.

In realtà era esistente da 1961 ed è stata alienata negli anni 90.

L’evoluzione del sistema sanitario – sociale ha più volte messo in evidenza la necessità di una figura sanitaria, adeguatamente formata, di riferimento nell’ambito scolastico.

Il medico scolastico avrebbe il compito di insegnare le elementari norme igieniche, alimentari e comportamentali, magari anche in situazioni di emergenza, costituendo una figura “amica” alla quale fare riferimento in prima istanza per ogni necessità, ovviamente in supporto ed in collaborazione con le altre figure mediche del territorio.

Si potrebbe affiancarlo per l’attività di screening a favore degli studenti (oculistico, odontoiatrico, ecc.) per svariate condizioni patologiche ad altre professionalità sanitarie, riducendo l’insorgenza di condizioni dannose per la salute, a loro volta potenzialmente determinanti situazioni di disabilità per il resto della vita.

In un momento di carenza di medici specialisti si potrebbe ricorrere a quei medici che a causa dell’imbuto formativo non hanno avuto e difficilmente potranno acquisire nel breve una specializzazione, che vengono identificati come “camici grigi”.

Questi ultimi sono circa 15 mila in Italia, svolgono diverse mansioni con contratti libero professionali in forma di grave precarietà, con retribuzioni inadeguate ed una posizione previdenziale in prospettiva non rassicurante.

Diversi personaggi politici e rappresentanti di organizzazioni ordinistiche mediche e sindacali hanno ventilato da tempo la bontà dell’iniziativa della realizzazione della figura del medico scolastico, con la creazione di una struttura territoriale di medicina scolastica ben delineata ed in sinergia con le altre esistenti.

La Cisl Medici Lombardia, in sintonia con la Cisl Confederazione Regionale e la Cisl Regionale FP, già prima dell’avvento della riforma sanitaria lombarda aveva inserito il medico e la medicina scolastica tra le proposte per rinnovare il sistema sanitario lombardo.

I recenti eventi avversi, che hanno funestato particolarmente l’esistenza dei cittadini lombardi ed il desiderio di ripartire celermente in serenità e sicurezza, sono sicuramente uno stimolo per cercare di concretizzare i buoni propositi, anche utilizzando in maniera “buona” il debito che andremo a contrarre nel breve con l’Unione Europea.

Articoli correlati
«A scuola anche l’ortottista per intercettare deficit visivo degli studenti»
di Danilo Mazzacane, Segretario Società Scientifica GOAL (Gruppo Oculisti Ambulatoriali Liberi)
di Danilo Mazzacane, Segretario GOAL
Medico scolastico. Sumai: «Utile per garantire sicurezza di alunni e personale»
La grave condizione di epidemia che viviamo ormai da mesi, legata al Sars-Cov 2, sta spingendo a ripensare ruoli e modelli assistenziali. Nel Lazio, la prossima riapertura delle scuole, vedrà il ritorno del medico scolastico. Figura che sta facendo molto discutere tra favorevoli e contrari, tra chi la vive come un’opportunità e chi invece come un problema, un ritorno al passato che no, non può tornare.
Medico scolastico: contrari i pediatri, a favore i MMG. Per FNOPI, nelle scuole dovrebbe esserci l’infermiere di comunità
Biasci (Federazione Italiana Medici Pediatri): «Ci siamo già noi. Valorizziamo pediatria nelle scuole e prevediamo infermieri di comunità come referenti dei Dipartimenti di Prevenzione». Mangiacavalli (FNOPI) sposa la proposta. Scotti (FIMMG): «Medicina generale pronta a fare la propria parte, gli strumenti contrattuali ci sono»
«Serve un cambio di marcia, con la partecipazione di sindacati, società scientifiche e ordini»
di Danilo Mazzacane, segretario generale Cisl Medici Lombardia
di Danilo Mazzacane, segretario generale Cisl Medici Lombardia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 settembre, sono 33.081.725 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 997.777 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 28 settembre: Ad oggi in...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...