Contributi e Opinioni 27 Novembre 2018

Fnomceo-Regioni, nasce tavolo di confronto permanente. Anelli: «Così garantiamo tutela del diritto alla salute e difesa SSN»

Nove, sinora, gli argomenti al centro del tavolo: dal ruolo professionale del medico e dell’odontoiatra alla qualità tecnico-professionale, la valorizzazione della funzione sociale, la salvaguardia dei diritti umani e dei princìpi etici dell’esercizio professionale indicati nel codice deontologico

Un momento di confronto stabile tra regioni e Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri per dialogare su alcune tematiche di interessa sanitario. È questa la sostanza di un protocollo d’intesa tra Fnomceo e Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

In rappresentanza delle Regioni – riferisce una nota congiunta – al tavolo parteciperanno il coordinatore della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, Antonio Saitta, e il presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità, Sergio Venturi, per la Fnomceo il presidente, Filippo Anelli, e il segretario, Roberto Monaco.

Nove, sinora, gli argomenti al centro del tavolo: ruolo professionale del medico e dell’odontoiatra con riguardo alle competenze, l’indipendenza, l’autonomia e la responsabilità, la qualità tecnico-professionale, la valorizzazione della funzione sociale, la salvaguardia dei diritti umani e dei princìpi etici dell’esercizio professionale indicati nel codice deontologico, al fine di garantire la tutela della salute individuale e collettiva; fabbisogni del personale medico e programmazione e sviluppo dei sistemi sanitari regionali; promozione della legalità e della trasparenza a tutela dei cittadini e delle istituzioni; verifica di ipotesi per regolamentare le modalità di apertura ed utilizzo degli studi medici ed odontoiatrici. E ancora: elaborazione di iniziative in ordine alla prevenzione del fenomeno della violenza nei confronti degli operatori sanitari; rispetto delle prerogative correlate con lo svolgimento di ruoli, all’interno dei Sistemi Sanitari regionali, delle Province autonome e delle Regioni (incarichi amministrativi di vertice, incarichi politici, partecipazione a Consigli di amministrazione, etc.), non correlati alla cura diretta di pazienti o all’esercizio professionale medico; pianificazione di interventi per migliorare gli standard di sicurezza sul lavoro degli operatori sanitari; definizione di modalità di condivisione delle tematiche del tavolo con tutti gli Ordini professionali delle professioni sanitarie; attività formative.

«Si tratta di uno strumento utile per instaurare un clima nuovo – afferma Venturi – e per migliorare, rafforzandola, la collaborazione fra le istituzioni regionali e i medici. È nostra intenzione – assicura – proseguire su questa strada costruendo percorsi analoghi anche con le altre professioni sanitarie. In questo momento particolarmente difficile per il servizio sanitario – aggiunge Venturi (che è anche coordinatore vicario della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni) – dobbiamo creare la massima sinergia possibile con i protagonisti della sanità pubblica. Del resto il Ssn si fonda sui suoi protagonisti, che sono in primo luogo i medici. Per questo la difesa comune del servizio pubblico è un impegno che le Regioni e Fnomceo intendono perseguire e che, con questo atto, vogliono rafforzare. E per questo – conclude Venturi – ogni passo utile, come il protocollo sottoscritto oggi, rappresenta un contributo importante per la tutela del diritto alla salute e per la difesa dell’universalità del Ssn».

«Si apre oggi una strada nuova – spiega il presidente Fnomceo, Filippo Anelli – Stiamo dando, attraverso questo protocollo, attuazione alla legge n. 3/2018, che ha reso gli Ordini enti sussidiari, intendendo per sussidiarietà il pieno svolgimento del ruolo previsto dalla Legge: la tutela del diritto alla salute dei cittadini attraverso la garanzia del corretto esercizio della professione. Per la prima volta si rende operativa e stabile la collaborazione tra enti esponenziali dei professionisti e Regioni – continua Anelli -. L’auspicio è che questa collaborazione porti a mettere a disposizione dei sistemi sanitari regionali le competenze presenti negli Ordini provinciali, con un ruolo sempre più forte per i tavoli regionali».

Articoli correlati
Processo Panzironi, Magi (OMCeO Roma): «Ecco perché ho denunciato il ‘guru’ di Life 120. Così tuteliamo medici e salute dei cittadini»
Il Presidente dell’Ordine dei Medici di Roma Antonio Magi annuncia che si costituirà parte civile nel processo per esercizio abusivo della professione medica nei confronti di Adriano Panzironi: «Altri Ordini ci seguiranno». Poi sottolinea: «Non serve legge che definisca atto medico, definizione è nota». A marzo la prima udienza
Cronicità, pazienti chiedono “servizi a distanza”: dalla chat con il medico al farmaco a domicilio. L’indagine Fablab
Tra i dati che emergono quelli relativi all’aderenza terapeutica, percepita dai pazienti molto più alta rispetto agli operatori sanitari. I livelli di fiducia sul singolo medicinale sono superiori a quelli per il brand. E i pazienti si fidano più del farmacista e dello specialista che del medico di famiglia...
Covid-19, Cisl Medici Lazio scrive all’Assessore alla sanità Alessio D’Amato
«Medici, infermieri ed operatori sociosanitari sono in prima linea e, come in tutte le emergenze sanitarie, sono queste le categorie di lavoratori maggiormente a rischio proprio perché molto più di altri sono a diretto contatto con i malati e con quanti possono essere in fase asintomatica di incubazione». Così in una nota, Luciano Cifaldi, Segretario […]
Medici nelle scuole: studenti a lezione di salute e di primo soccorso
«Istruzione e salute vanno di pari passo. Grazie a questo protocollo, insieme all’assessorato alla Salute e all’Istruzione, potremo riportare i medici in tutte le scuole primarie e secondarie siciliane che aderiranno all’iniziativa. Educare alla prevenzione significa sviluppare una capacità di comportamento che consente ai più piccoli di adottare e mantenere da adulti stili di vita […]
Professioni sanitarie, Conferenza Regioni approva documento sul riconoscimento delle competenze avanzate
Gli infermieri: «Un passo avanti importante con qualche ombra, che andrà ben declinato a livello locale». E i medici chiedono di poter contribuire
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 febbraio 2020 sono 83.704 i casi di Covid-19 confermati in tutto il mondo. I pazienti guariti e dimessi dagli ospedali sono 36.654 mentre i morti sono 2.859. I CASI IN ITALIA Bollettino delle or...
Diritto

Reperibilità notturna, Palermo (Anaao): «Se succede un “fattaccio” gli avvocati controllano se il medico ha riposato almeno 11 ore»

Il Segretario del sindacato spiega a Sanità Informazione i motivi alla base del ricorso alla Commissione europea: «Rischi enormi per la salute dei pazienti e per il professionista. Speriamo in pronu...