Contributi e Opinioni 3 Febbraio 2021 16:09

«Elogio degli OSS, figura essenziale troppo spesso dimenticata»

di Alessandro Salerno, Operatore socio-sanitario

di Alessandro Salerno, Operatore socio-sanitario

Ormai manca poco meno di un mese al 22 febbraio, data in cui ricorre il ventennio di presenza all’interno del sistema sanitario e assistenziale dell’operatore socio sanitario. Una figura professionale nata sulle ceneri di altre figure del ruolo tecnico e di supporto, quali ad esempio l’OTA o l’OSA.

Dai reparti ospedalieri, fino ad arrivare sul territorio e quindi all’assistenza domiciliare, in questi venti anni l’OSS ormai è diventato funzionale ad ogni contesto: un operatore che diventa il vero protagonista, in particolar modo quando parliamo di case di riposo e residenze sanitarie assistenziali, dove le patologie legate alla senilità e quindi a un importante stato di cronicità ne richiedono maggiormente la presenza al fine di poter sostenere i pazienti in quelle che sono le attività di vita quotidiana.

Anziani, dunque, e persone per lo più in stato di allettamento che grazie agli OSS ritornano a camminare, mangiare e a svolgere quelle funzioni che normalmente in un’altra condizione o in altri momenti della loro vita avrebbero continuato a svolgere autonomamente.

Ma al di là delle strutture residenziali, l’OSS ormai è entrato a pieno titolo nello svariato contesto socio-sanitario: lo ritroviamo non a caso nelle scuole o nei penitenziari. Insomma una figura dinamica, che dal 2001 ad oggi ha dato il suo valido contributo affiancando e collaborando con i vari professionisti del settore. Eppure, nonostante questo, manca a questo professionista la giusta collocazione e il giusto inquadramento.

Non è ancora chiaro ad esempio per quale motivo un operatore che lavora quotidianamente con la malattia resti collocato nel ruolo tecnico. Ed è ancora  più incomprensibile quello che si legge sul sito dell’ISS, dove alla voce operatore socio sanitario c’è scritto “operatore d’interesse sanitario”: una classificazione poco comprensibile che non spiega nulla e non rappresenta per niente una categoria che ha trascorso tutti questi anni ad occuparsi di ammalati all’interno del servizio sanitario nazionale.

Una classificazione che continua a mortificare una categoria che oggi più di ieri si sente fondamentalmente parte integrante del servizio sanitario nazionale, nonostante il sistema organizzativo e gestionale non riesca in alcuna maniera a mettere in atto politiche d’integrazione vere, affinché si raggiunga il miglioramento del servizio stesso ai cittadini.

Non è possibile, infatti, che l’OSS sia formato ancora attraverso corsi professionali affidati alle scuole private e soprattutto non è possibile assistere a questa frammentazione formativa che produce OSS diversi da una regione all’altra. L’operatore socio sanitario è ormai insostituibile per quello che fa quotidianamente, ma deve giungere ad un cambiamento, che può avvenire solo attraverso l’introduzione di nuove metodiche formative tese a garantire l’acquisizione di nuove competenze e quindi ad arrivare a un arricchimento del mansionario, in maniera da poter interagire sempre meglio con gli altri professionisti ormai efficacemente preparati come gli infermieri.

Una luce sembrava essersi accesa nel 2018 attraverso la Legge Lorenzin, che proponendosi il riordino delle professioni sanitarie aveva proposto l’entrata dell’OSS all’interno dell’area socio sanitaria. Ma quella luce fioca si spense totalmente quando successivamente non c’è stata l’intenzione di riconoscere a tale figura nemmeno quella che dovrebbe essere la sua normale collocazione nell’area socio sanitaria. Mi chiedo inoltre che fine abbia fatto quel famoso OSS con “formazione complementare”, per il quale sono stati fatti corsi a pagamento in tutta Italia da Nord a Sud, per conseguire un titolo che non si potrà mai spendere.

Un sopruso continuo dunque nei riguardi di questo professionista, che continua a operare in alcuni contesti in pieno esercizio abusivo di professione, il quale purtroppo continua ad essere ai margini anche in questa triste fase storica della pandemia da Covid-19. Infatti, nonostante sia stato fianco a fianco con medici e infermieri, e lo è tutt’ora, non è stato mai nominato una sola volta. Si è parlato solo degli ufficiali, i soldati semplici restano ignoti come quel milite, di cui si disse, concedendogli la medaglia d’oro: “resistette inflessibile nelle trincee più contese, prodigò il suo coraggio nelle più cruente battaglie e cadde combattendo senz’altro premio sperare che la vittoria e la grandezza della patria”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sanità, Guidolin (M5S): «Scappatoia super Oss, nasconde sfruttamento professionale»
«È di questi giorni la notizia che la Regione Veneto in accordo con le OPI del Veneto, sta dando forma alla figura del super OSS, in sostanza si tratta di un OSS con mansioni infermieristiche. L’operatore sociosanitario, figura centrale nell’assistenza delle persone fragili, naturalmente deve crescere. Da sempre mi spendo per questa figura e ribadisco […]
OSS: in Veneto al via nuovi percorsi di potenziamento professionale. Infermieri: «No a polemiche strumentali»
OPI Veneto: «L’infermiere, sulla base delle valutazioni professionali che gli competono decide se e a chi attribuire l’attività prevista per il raggiungimento degli obiettivi assistenziali»
Infermieri e OSS come lavori usuranti, al Senato la proposta per una svolta storica per le due categorie
Il disegno di legge presentato dalla senatrice M5S Barbara Guidolin consentirebbe a questi lavoratori di anticipare fino a due anni il traguardo pensionistico. Gagliano (FNOPI): «C’è voluta una pandemia così grave per far emergere l’impegno che gli infermieri da sempre pongono nell’assistenza»
di Francesco Torre
Incardinato al Senato il ddl per inserire Oss e infermieri tra i lavori usuranti
Il provvedimento, a prima firma Barbara Guidolin (M5S), è stato incardinato in commissione Lavoro a palazzo Madama
OSS, Guidolin (M5S): «Bene impegno del ministro Orlando, ora inquadrarli tra i lavori gravosi»
«Esprimo soddisfazione per le parole del ministro del Lavoro sulla vicenda degli operatori socio-sanitari. Il Pd e M5S hanno condotto insieme una battaglia a tutela della categoria riuscendo ad ottenere l’inserimento nel ruolo socio-sanitario per questa platea di professionisti. Ora, però, serve un ulteriore sforzo ed inquadrare il lavoro degli Oss nella cornice dei lavori […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 giugno, sono 546.396.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.334.351 i decessi. Ad oggi, oltre 11,73 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali