Contributi e Opinioni 6 Maggio 2022 10:23

Colpa grave la lettura sbagliata di una radiografia

La Cassazione: colpa grave la lettura sbagliata di una radiografia. Una diagnosi errata può infatti provocare danni seri al paziente

di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)

Una diagnosi errata, si sa, può provocare seri danni al paziente. Recentemente la Cassazione ha sottolineato come sia da considerarsi un caso di colpa grave la lettura sbagliata di una radiografia. Cerchiamo di approfondire meglio il tema.

Il fatto

Un medico specialista in radiologia avrebbe colposamente recato danno ad un paziente di pronto soccorso, reduce da un incidente stradale. In particolare, il professionista sanitario non avrebbe visto, in radiografia, una frattura composta dell’avambraccio, dimettendo il sinistrato senza tutore gessato e indicando esclusivamente – come terapia – riposo e ghiaccio. A distanza di meno di un mese, il paziente subiva una scomposizione ossea, che avrebbe portato di lì a breve alla necessità di un intervento chirurgico invasivo.

Le sentenze di merito

I tribunali di primo e secondo grado condannano il medico radiologo, sostenendo espressamente che «[…] il peggioramento della situazione è causa diretta della omessa diagnosi […]». Nello specifico, l’errore medico ha determinato una serie di conseguenze assai spiacevoli per il paziente:

  • il dolore forte conseguente alla scomposizione ossea;
  • la necessità di sottoporsi ad un delicato intervento chirurgico;
  • l’impianto di un chiodo nell’avambraccio,

nonché tutti i fastidi ovviamente connessi. Non soddisfatto dei giudizi di merito, il professionista sanitario decide di ricorrere in Cassazione.

Il ricorso

Due sono, a giudizio del collegio difensivo del medico, i motivi del ricorso. Il primo motivo fa leva sul parere espresso dal consulente della Difesa rispetto alla qualità dell’immagine radiografica. Secondo quanto sostiene il consulente di parte, vi sarebbero stati errori da parte dei sanitari – presumibilmente tecnico-radiologi – nella realizzazione dell’RX. Ciò avrebbe prodotto una immagine radiografica di scarsa qualità, che quindi avrebbe tratto in inganno il medico specialista. Il secondo motivo insiste invece sulla mancata nomina di un perito da parte del Tribunale. A giudizio del ricorrente, una perizia attenta avrebbe potuto evidenziare «[…] il ruolo e la condotta di ciascuno al fine della ricostruzione del nesso causale […]», con ciò intendendo i responsabili materiali della realizzazione della radiografia. La mancata perizia non avrebbe cioè fatto emergere quantomeno eventuali corresponsabilità.

Il grado della colpa

Alla luce di quanto detto, risulta per la parte ricorrente che il grado di colpa non può che essere lieve. «Non si sarebbe tenuto conto che le fratture riportata dalla persona offesa sono rare e caratterizzate da scarsa sintomatologia clinica». Da qui, la richiesta di annullamento della sentenza impugnata per non aver commesso il fatto, «[…] con rinvio alla Corte di appello […] al fine di affrontare compiutamente i temi del nesso di causalità e della colpa omissiva del medesimo […]».

La sentenza della Cassazione

Il ricorso del medico radiologo viene ritenuto infondato. Così ha stabilito la Corte di Cassazione con la sentenza 9701/2022. Nel merito delle tesi della Difesa sul grado di colpa, la Corte precisa che non è possibile parlare – nel caso in questione –  di colpa lieve, «[…] essendosi in presenza di un errore non esecutivo ma diagnostico, consistente nella erronea lettura da parte di specialista radiologo della immagine radiologica, con conseguente mancata individuazione di una rima di frattura che era invece presente e visibile, erronea lettura che si è ritenuto essere stata causata da disattenzione ovvero da imperizia, entrambe espressamente qualificate di livello grave […]».

Considerazioni conclusive

Risulta crediamo piuttosto probabile che il medico radiologo, nella vicenda in questione, si sia mosso nella più totale buona fede. La svista, forse causata da una sfocatura della radiografia e dalla rarità e scarsa sintomatologia del tipo di frattura, ha però portato il professionista ad una condanna per colpa grave. Per questo riteniamo assai importante valutare bene le caratteristiche della propria polizza di responsabilità civile professionale, magari chiedendo una consulenza dettagliata a specialisti del settore dell’intermediazione assicurativa, quali sono i membri del team di Sanitassicura.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Tumori del sangue, creato algoritmo che potrebbe migliorare diagnosi e cure
I ricercatori di Genomics England, dell'Università di Trieste e del Great Ormond Street Hospital for Children dell’NHS Foundation Trust hanno sviluppato un nuovo algoritmo per rendere più accurata l'analisi del sequenziamento completo del genoma, effettuato con tecniche di Whole Genome Sequencing (WGS) in pazienti con tumori del sangue
di V.A.
Inquinamento: la Corte Europea dei diritti dell’Uomo condanna l’Italia
Massimo Tortorella, presidente Consulcesi: “Sentenza storica: da Europa diritto a vivere in un ambiente salubre anche senza danno alla salute. Forti analogie con la nostra azione collettiva Aria Pulita, nn messaggio positivo anche per i 600 mila richiedenti"
Medici di famiglia sull’orlo di una crisi di nervi… Stressati 9 su 10. Pesano Covid, burocrazia e Whatsapp
Il malessere dei medici di famiglia, tra carenza di colleghi, difficoltà a trovare sostituti e una burocrazia sempre più elevata, «è palpabile» e arriva a sfiorare il 90% di professionisti. Lo dicono i sindacati, gli esperti di sanità, gli analisti del settore. E lo dicono i pensionamenti anticipati che crescono
di V.A.
Medici e cittadini contro la deriva del Ssn: manifestazioni il 15 giugno nelle piazze e sciopero in vista
Fermare la deriva verso cui sta andando il nostro Servizio sanitario nazionale, con liste di attesa lunghissime per accedere alle prestazioni, personale medico e infermieristico allo stremo, contratti non rinnovati e risorse insufficienti per far fronte all’invecchiamento progressivo della nostra popolazione e dunque della crescente richiesta di cure per malattie croniche. E’ l’appello che arriva […]
Arriva la “Carta dei Malati Rari Senza Diagnosi”, decalogo sui diritti di oltre 100mila pazienti italiani
Fondazione Hopen Onlus, Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, Orphanet-Italia e Osservatorio Malattie Rare propongono la Carta dei Malati Rari Senza Diagnosi, un decalogo di riferimento sui diritti dei pazienti rari senza diagnosi e sugli impegni richiesti ai decisori politici e alla società tutta affinché siano resi concretamente esigibili
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...