Contributi e Opinioni 6 Maggio 2022 10:23

Colpa grave la lettura sbagliata di una radiografia

La Cassazione: colpa grave la lettura sbagliata di una radiografia. Una diagnosi errata può infatti provocare danni seri al paziente

di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)

Una diagnosi errata, si sa, può provocare seri danni al paziente. Recentemente la Cassazione ha sottolineato come sia da considerarsi un caso di colpa grave la lettura sbagliata di una radiografia. Cerchiamo di approfondire meglio il tema.

Il fatto

Un medico specialista in radiologia avrebbe colposamente recato danno ad un paziente di pronto soccorso, reduce da un incidente stradale. In particolare, il professionista sanitario non avrebbe visto, in radiografia, una frattura composta dell’avambraccio, dimettendo il sinistrato senza tutore gessato e indicando esclusivamente – come terapia – riposo e ghiaccio. A distanza di meno di un mese, il paziente subiva una scomposizione ossea, che avrebbe portato di lì a breve alla necessità di un intervento chirurgico invasivo.

Le sentenze di merito

I tribunali di primo e secondo grado condannano il medico radiologo, sostenendo espressamente che «[…] il peggioramento della situazione è causa diretta della omessa diagnosi […]». Nello specifico, l’errore medico ha determinato una serie di conseguenze assai spiacevoli per il paziente:

  • il dolore forte conseguente alla scomposizione ossea;
  • la necessità di sottoporsi ad un delicato intervento chirurgico;
  • l’impianto di un chiodo nell’avambraccio,

nonché tutti i fastidi ovviamente connessi. Non soddisfatto dei giudizi di merito, il professionista sanitario decide di ricorrere in Cassazione.

Il ricorso

Due sono, a giudizio del collegio difensivo del medico, i motivi del ricorso. Il primo motivo fa leva sul parere espresso dal consulente della Difesa rispetto alla qualità dell’immagine radiografica. Secondo quanto sostiene il consulente di parte, vi sarebbero stati errori da parte dei sanitari – presumibilmente tecnico-radiologi – nella realizzazione dell’RX. Ciò avrebbe prodotto una immagine radiografica di scarsa qualità, che quindi avrebbe tratto in inganno il medico specialista. Il secondo motivo insiste invece sulla mancata nomina di un perito da parte del Tribunale. A giudizio del ricorrente, una perizia attenta avrebbe potuto evidenziare «[…] il ruolo e la condotta di ciascuno al fine della ricostruzione del nesso causale […]», con ciò intendendo i responsabili materiali della realizzazione della radiografia. La mancata perizia non avrebbe cioè fatto emergere quantomeno eventuali corresponsabilità.

Il grado della colpa

Alla luce di quanto detto, risulta per la parte ricorrente che il grado di colpa non può che essere lieve. «Non si sarebbe tenuto conto che le fratture riportata dalla persona offesa sono rare e caratterizzate da scarsa sintomatologia clinica». Da qui, la richiesta di annullamento della sentenza impugnata per non aver commesso il fatto, «[…] con rinvio alla Corte di appello […] al fine di affrontare compiutamente i temi del nesso di causalità e della colpa omissiva del medesimo […]».

La sentenza della Cassazione

Il ricorso del medico radiologo viene ritenuto infondato. Così ha stabilito la Corte di Cassazione con la sentenza 9701/2022. Nel merito delle tesi della Difesa sul grado di colpa, la Corte precisa che non è possibile parlare – nel caso in questione –  di colpa lieve, «[…] essendosi in presenza di un errore non esecutivo ma diagnostico, consistente nella erronea lettura da parte di specialista radiologo della immagine radiologica, con conseguente mancata individuazione di una rima di frattura che era invece presente e visibile, erronea lettura che si è ritenuto essere stata causata da disattenzione ovvero da imperizia, entrambe espressamente qualificate di livello grave […]».

Considerazioni conclusive

Risulta crediamo piuttosto probabile che il medico radiologo, nella vicenda in questione, si sia mosso nella più totale buona fede. La svista, forse causata da una sfocatura della radiografia e dalla rarità e scarsa sintomatologia del tipo di frattura, ha però portato il professionista ad una condanna per colpa grave. Per questo riteniamo assai importante valutare bene le caratteristiche della propria polizza di responsabilità civile professionale, magari chiedendo una consulenza dettagliata a specialisti del settore dell’intermediazione assicurativa, quali sono i membri del team di Sanitassicura.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
«Diritto alle cure a rischio senza personale», le richieste dei medici in piazza a Roma. E Schillaci convoca i sindacati
A Roma significativa adesione per la manifestazione dell’intersindacale medica convocata per denunciare le sempre più difficili condizioni di lavoro dei camici bianchi stretti tra turni massacranti e stipendi tra i più bassi d’Europa. Ben 8mila camici bianchi hanno lasciato il SSN tra il 2019 e il 2021
Rai e Airc insieme oggi per rendere il cancro più curabile domani
Dal 6 al 13 novembre, per otto giorni, Rai e Airc uniscono le forze nella campagna I Giorni della Ricerca. L'obiettivo è di lavorare insieme oggi per rendere il cancro più curabile domani
Agenas: in Italia infermieri e medici di base insufficienti
Nel rapporto di Agenas emergono le difficoltà del sistema tra i tagli imposti dal 2007 fino all'aumento delle risorse degli ultimi anni. L’Italia è al quart’ultimo posto tra i paesi OCSE per il numero di posti a disposizione negli atenei per la laurea in Infermieristica. Hanno un numero di posti più basso solo Messico, Colombia e Lussemburgo
Medicina generale, la denuncia di Fismu: «Riforma ancora in alto mare, manca atto di indirizzo»
Le proposte della Federazione Italiana Sindacale Medici Uniti alla vigilia della segreteria nazionale di sabato del sindacato
Eventi imprevisti e difficoltà economiche, Enpam aiuta i suoi iscritti
La Fondazione Enpam prevede degli importanti sostegni in caso di difficoltà personali e familiari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 febbraio 2023, sono 671.921.477 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.845.807 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Ecm

Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?

La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso material...