Contributi e Opinioni 6 Maggio 2022 10:23

Colpa grave la lettura sbagliata di una radiografia

La Cassazione: colpa grave la lettura sbagliata di una radiografia. Una diagnosi errata può infatti provocare danni seri al paziente

di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)

Una diagnosi errata, si sa, può provocare seri danni al paziente. Recentemente la Cassazione ha sottolineato come sia da considerarsi un caso di colpa grave la lettura sbagliata di una radiografia. Cerchiamo di approfondire meglio il tema.

Il fatto

Un medico specialista in radiologia avrebbe colposamente recato danno ad un paziente di pronto soccorso, reduce da un incidente stradale. In particolare, il professionista sanitario non avrebbe visto, in radiografia, una frattura composta dell’avambraccio, dimettendo il sinistrato senza tutore gessato e indicando esclusivamente – come terapia – riposo e ghiaccio. A distanza di meno di un mese, il paziente subiva una scomposizione ossea, che avrebbe portato di lì a breve alla necessità di un intervento chirurgico invasivo.

Le sentenze di merito

I tribunali di primo e secondo grado condannano il medico radiologo, sostenendo espressamente che «[…] il peggioramento della situazione è causa diretta della omessa diagnosi […]». Nello specifico, l’errore medico ha determinato una serie di conseguenze assai spiacevoli per il paziente:

  • il dolore forte conseguente alla scomposizione ossea;
  • la necessità di sottoporsi ad un delicato intervento chirurgico;
  • l’impianto di un chiodo nell’avambraccio,

nonché tutti i fastidi ovviamente connessi. Non soddisfatto dei giudizi di merito, il professionista sanitario decide di ricorrere in Cassazione.

Il ricorso

Due sono, a giudizio del collegio difensivo del medico, i motivi del ricorso. Il primo motivo fa leva sul parere espresso dal consulente della Difesa rispetto alla qualità dell’immagine radiografica. Secondo quanto sostiene il consulente di parte, vi sarebbero stati errori da parte dei sanitari – presumibilmente tecnico-radiologi – nella realizzazione dell’RX. Ciò avrebbe prodotto una immagine radiografica di scarsa qualità, che quindi avrebbe tratto in inganno il medico specialista. Il secondo motivo insiste invece sulla mancata nomina di un perito da parte del Tribunale. A giudizio del ricorrente, una perizia attenta avrebbe potuto evidenziare «[…] il ruolo e la condotta di ciascuno al fine della ricostruzione del nesso causale […]», con ciò intendendo i responsabili materiali della realizzazione della radiografia. La mancata perizia non avrebbe cioè fatto emergere quantomeno eventuali corresponsabilità.

Il grado della colpa

Alla luce di quanto detto, risulta per la parte ricorrente che il grado di colpa non può che essere lieve. «Non si sarebbe tenuto conto che le fratture riportata dalla persona offesa sono rare e caratterizzate da scarsa sintomatologia clinica». Da qui, la richiesta di annullamento della sentenza impugnata per non aver commesso il fatto, «[…] con rinvio alla Corte di appello […] al fine di affrontare compiutamente i temi del nesso di causalità e della colpa omissiva del medesimo […]».

La sentenza della Cassazione

Il ricorso del medico radiologo viene ritenuto infondato. Così ha stabilito la Corte di Cassazione con la sentenza 9701/2022. Nel merito delle tesi della Difesa sul grado di colpa, la Corte precisa che non è possibile parlare – nel caso in questione –  di colpa lieve, «[…] essendosi in presenza di un errore non esecutivo ma diagnostico, consistente nella erronea lettura da parte di specialista radiologo della immagine radiologica, con conseguente mancata individuazione di una rima di frattura che era invece presente e visibile, erronea lettura che si è ritenuto essere stata causata da disattenzione ovvero da imperizia, entrambe espressamente qualificate di livello grave […]».

Considerazioni conclusive

Risulta crediamo piuttosto probabile che il medico radiologo, nella vicenda in questione, si sia mosso nella più totale buona fede. La svista, forse causata da una sfocatura della radiografia e dalla rarità e scarsa sintomatologia del tipo di frattura, ha però portato il professionista ad una condanna per colpa grave. Per questo riteniamo assai importante valutare bene le caratteristiche della propria polizza di responsabilità civile professionale, magari chiedendo una consulenza dettagliata a specialisti del settore dell’intermediazione assicurativa, quali sono i membri del team di Sanitassicura.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Chiaramonte: «Noi malati di Porpora Trombotica Trombocitopenica. Invisibili tra gli invisibili»
«Fermarci ad ascoltare chi soffre. Stabilire una relazione diretta con i malati. Accendere i riflettori su questa piccola comunità di persone. Ecco le nostre richieste». Così Massimo Chiaramonte, Presidente dell’Associazione Nazionale Porpora Trombotica Trombocitopenica Onlus a Sanità Informazione
Perché andare nelle Case della Comunità, se lo studio medico è sotto casa? Risponde Pina Onotri (SMI)
Il Segretario Generale del Sindacato Medici Italiani, in un’intervista a Sanità Informazione ripercorre le principali criticità del PNNR. Le proposte: «Modificare la legge 502/92 e studiare un meccanismo flessibile di equivalenza scelta/ore, che permetta ai medici con un carico assistenziale inferiore al massimale di coprire un debito orario nelle case di comunità, retribuiti a quota oraria o capitaria»
Medici e infermieri: patto su assistenza. Anelli (Fnomceo): «Regioni in ritardo sui fabbisogni»
Riuniti i due Comitati Centrali Fnomceo-Fnopi: «Da noi le indicazioni per la qualità e l’efficienza dei servizi. Ai cittadini vanno garantite le competenze delle due professioni». Anelli: «DM 71 ha sottostimato fabbisogno infermieri nelle case di comunità e non ha risolto il problema della carenza dei MMG»
Pediatri, medici del 118, guardie mediche: la carenza di camici bianchi investe il Molise
Nella regione si registra una grave carenza di pediatri ospedalieri e il Punto nascite di Isernia rischia di chiudere. Crudele (OMCeO Isernia): «Non bisogna fare avvisi per sei mesi a tempo determinato, ma concorsi che diano una stabilità». De Gregorio (OMCeO Campobasso): «La coperta è corta, abbiamo troppe sedi di guardia medica»
di Francesco Torre
Nei pronto soccorso piemontesi mancano 300 medici dei 640 previsti
La Simeu Regionale piemontese per quanto di propria competenza sui Pronto Soccorso precisa che si è conclusa da poco una ricognizione volta all’analisi della situazione dell’organico medico nei Pronto Soccorso della Regione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali