Contributi e Opinioni 6 febbraio 2017

Cibo surgelato? Ecco 5 consigli utili per evitare rischi…

Ecco i consigli della Società Italiana di Medicina Veterinaria Preventiva riguardo la sicurezza alimentare. Per avere cibo sano sulle nostre tavole è fondamentale la corretta gestione dei prodotti, non solo nell’ambito della filiera alimentare, ma anche nell’uso domestico. Qualche suggerimento….

Gli obiettivi dell’UE riguardo la sicurezza alimentare sono caratterizzati da un approccio integrato, one health, questo concetto è la sintesi dell’azione sinergica di tutte le figure coinvolte nella filiera alimentare, partendo dal produttore sino ad arrivare al consumatore finale. In questo contesto, il consumatore finale riveste un ruolo di primo piano, infatti, fin dal momento dell’acquisto, la sicurezza alimentare dipende molto spesso dalla corretta gestione degli alimenti, in ambito domestico. Procedure di conservazione e preparazione dei cibi non adeguate rappresentano un anello debole nella catena della sicurezza alimentare.

  • E’ molto importante che il consumatore si tuteli quando va a fare la spesa e che segua a casa, semplici regole nella manipolazione e conservazione degli alimenti. Quando si acquistano prodotti alimentari è importante osservare l’igiene e l’ordine del punto vendita: acquistare prodotti e/o ingredienti di buona qualità, affidabili e tracciabili, da fornitori autorizzati e di fiducia è certamente un primo passo verso la sicurezza.
  • Un’altra regola fondamentale è quella di leggere le etichette e la data di scadenza, per i prodotti confezionati è importante verificare lo stato dell’imballaggio, che deve essere integro e non presentare effrazioni, ammaccature, strappi o rotture.
  • Il mantenimento della catena del freddo è un requisito fondamentale per i prodotti refrigerati, surgelati o congelati, ogni variazione, o shock termico, ha infatti effetti irreversibili sul prodotto con conseguenze in termini fisici e organolettici, legati al cambiamento del gusto, se non ad implicazioni batteriche.
  • E’ opportuno evitare quei prodotti che differiscono per consistenza e fattezza dai loro affini, spesso si tratta di prodotti scongelati e rimessi nell’espositore dei surgelati sui quali lo shock termico può influire comportando fenomeni di cristallizzazione o di sgonfiamento del prodotto. E’ frequente l’esempio del gelato con un effetto superficiale simile a brina, quando ha subito uno shock termico ed è stato successivamente ricongelato.
  • Attenzione anche alle confezioni di alimenti refrigerati che si presentano gonfie, in quanto questo effetto è indice di una produzione di gas determinata da proliferazioni batteriche causata da una interruzione della catena del freddo. Gli alimenti refrigerati vanno acquistati in quantità limitate e, specialmente nel periodo estivo, devono essere rapidamente trasferiti nel freezer domestico.
Articoli correlati
«Per contrastare aggressioni a veterinari Ssn non siano inviati da soli ad effettuare interventi di controllo»
di Aldo Grasselli, Presidente FVM – Federazione Veterinari Medici e Dirigenti sanitari
Il SIVeMP denuncia un’altra aggressione al personale veterinario
Ennesima aggressione ai danni di un veterinario del servizio sanitario pubblico; solo l’ultima di una lunga serie di intimidazioni nei confronti del personale sanitario. «Il SIVeMP FVM (Sindacato Italiano Veterinari Medicina Pubblica) deve nuovamente denunciare una aggressione a un collega: nella notte fra sabato e domenica è stata incendiata l’auto di un dirigente veterinario dell’Asp […]
SIVeMP: pianificare turn over del personale veterinario
Il Sindacato Italiano Veterinari Medicina Pubblica (SIVeMP) lancia l’allarme sulla mancata pianificazione del turn over del personale veterinario dirigente. Secondo un’accurata indagine, il personale veterinario con più di 60 anni supera il 40% degli organici in servizio. I dati emersi concordano con quelli del conto annuale dello Stato e offrono una visione drammatica della situazione: il 40% […]
Bologna, Medici specialisti: nuovo accordo tra Regione e sindacati
Valorizzare il ruolo e la partecipazione dei medici specialisti nelle strutture territoriali, a partire dalle Case della Salute, per migliorare la continuità dell’assistenza e la gestione dei tempi di attesa di visite ed esami. Con questo obiettivo, la Regione Emilia-Romagna e le Organizzazioni sindacali di specialisti ambulatoriali interni, veterinari e altre professionalità sanitarie (biologi, chimici, psicologi) […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila