Contributi e Opinioni 29 Marzo 2019

Assunzioni SSN, Aceti (FNOPI): «Blindiamo le maggiori risorse per il personale trasformandole in somme vincolate del Fondo Sanitario Nazionale»

Tonino Aceti, Portavoce della Federazione Nazionale degli Ordini delle Professioni Infermieristiche

di Tonino Aceti

Il portavoce della Federazione Nazionale degli Ordini delle Professioni Infermieristiche FNOPI, Tonino Aceti, interviene sull’annuncio del Ministro Giulia Grillo del superamento del tetto di spesa del personale SSN e lancia la sua proposta: è necessario per Aceti svincolare la spesa per il personale sanitario e blindarla attraverso quote predeterminate in valore assoluto a valere sul Fondo Sanitario Nazionale

Ecco il testo dell’intervento di Tonino Aceti:

«La bozza di emendamento “sblocca assunzioni” messo a punto da Ministero della Salute, Ministero della Pubblica amministrazione, Ministero dell’Economia e delle Finanze e dalle Regioni, che dovrebbe trovare spazio in un prossimo e non meglio precisato decreto-legge, introduce elementi di novità nella spesa pubblica per il personale sanitario, offre la possibilità di iniziare in parte ad incrementarla, si occupa dell’annosa questione degli interinali, ma ovviamente non risolve a partire da domani tutti i problemi in tutte le Regioni delle carenze di personale del SSN, anche con riferimento agli effetti di “Quota100”.

Viene previsto che a decorrere dal 2019 il livello di spesa del personale del SSN non possa superare il valore della spesa sostenuta nel 2018, o, se superiore, il valore della spesa del 2004 meno 1,4 per cento.

Questa spesa però potrà essere incrementata annualmente, a livello regionale, di un importo pari al 5 per cento dell’incremento del Fondo Sanitario Regionale rispetto all’esercizio precedente.

Ed è proprio su questo aspetto che vorrei concentrare l’attenzione e offrire un piccolo contributo alla riflessione.

Considerando gli incrementi programmati del Fondo Sanitario Nazionale per gli anni 2019-2021 previsti nell’ultima legge di Bilancio, cioè 4,5 MLD, l’incremento del 5% della spesa del personale nei prossimi tre anni ammonterebbe a circa 225 milioni di euro: 50 nel 2019, 100 nel 2020 e 75 nel 2021.

Una cifra che però rischia di essere “ballerina e fortemente aleatoria” guardando alla storia “deludente e pericolosa” di mancati e/o parziali incrementi programmati del Fondo Sanitario, a causa del contributo alla finanza pubblica al quale sono state chiamate le Regioni negli anni, poi trasformatosi di fatto in un contributo alla finanza pubblica da parte del Servizio Sanitario Nazionale.

A riprova di tutto questo, basta riprendere i livelli di finanziamento del SSN previsti ad esempio dalla Legge di Stabilità 2016 per gli anni 2017 e 2018 e confrontarli con il finanziamento poi effettivamente garantito. Avremmo infatti dovuto contare nel 2017 su 113.063 mld, ma in realtà quelli effettivamente stanziati sono stati 112.577: praticamente oltre mezzo miliardo di euro in meno. Per il 2018 erano stati programmati 114.998 mld, in realtà però abbiamo potuto contare concretamente su 113.396: oltre 1,5 mld in meno.

La legge di Bilancio 2017, invece, prevedeva per il 2019 un livello di finanziamento pari a 115 mld ma alla fine quelli effettivamente stanziati sono stati 114.439 (da questo e dal precedente Governo): circa 600 mln in meno.

Visto questo trend, che viene da molto lontano, siamo proprio sicuri che potremo contare nel 2020 e 2021 proprio su 3,5 mld in più per il SSN?

Qualche dubbio è legittimo averlo, considerando anche le stime di crescita zero del nostro PIL nel 2019, diffuse proprio in queste ore da Confindustria, ma anche guardando il rallentamento dei lavori di Governo e Regioni per la definizione e la firma del nuovo Patto per la Salute, che, come previsto dalla legge di Bilancio 2019, deve essere sottoscritto entro il 31 marzo 2019 (cioè dopodomani) per permettere alle Regioni di accedere, nel 2020 e 2021, rispettivamente ai 2 mld e 1,5 mld di incrementi del FSN (rispetto al finanziamento 2019).

Se vogliamo dare certezza alla possibilità di incrementare annualmente la spesa per il personale sanitario, prevista nella bozza di emendamento “sblocca assunzioni”, non agganciamola ai possibili-eventuali incrementi del Fondo, ma blindiamola attraverso quote predeterminate in valore assoluto a valere sul Fondo Sanitario Nazionale, così da sottrarla all’incertezza del PIL e alle possibili “manine” che potrebbero ritoccare nelle prossime manovre gli incrementi programmati del FSN.

Del resto, già finalizziamo una quota di risorse per l’accesso ai farmaci innovativi e per tutti gli Obiettivi prioritari di Piano Sanitario Nazionale.

Nel caso specifico, non credo posso risultare particolarmente difficile concordare sul fatto che il rilancio degli investimenti sul personale del SSN è in questo momento un “obiettivo prioritario e strategico del SSN” da raggiungere sempre.

Ovviamente aumentare gli investimenti è solo una parte del problema. Rimane molto attuale e appropriata la domanda: aumentare gli investimenti per il personale, ma per quale modello organizzativo?

Il modello organizzativo al quale pensiamo è quello che mette al centro e si sviluppa tutto intorno ai vecchi e ai nuovi bisogni della popolazione, ai diritti dei pazienti e non ad altri interessi che nulla hanno a che vedere con questi. Un modello che sia in grado di ridurre le attuali disuguaglianze che sono presenti in alcune aree del Paese, come quelle più interne e disagiate, valorizzando al meglio le competenze delle professioni, a partire da quella infermieristica. Questo è il vero cambiamento che va attuato. In questo senso bene la previsione all’interno della bozza di emendamento “sblocca assunzioni” dell’adozione di una metodologia per la determinazione del fabbisogno di personale degli enti del SSN, ma nel processo di formazione sia garantito il coinvolgimento delle professioni sanitarie».

 

 

 

Articoli correlati
Nasce la Consulta permanente delle professioni sanitarie. Speranza: «Luogo di confronto e dialogo»
Anelli (FNOMCeO): «Soddisfazione e orgoglio». Mangiacavalli (FNOPI): «Bene, ma non vi siano professioni di serie A e di serie B». Orlandi (FNCF): «Atto importante e necessario nell'interesse della salute di tutti». Cossolo (Federfarma): «Luogo di incontro e confronto». Beux (TSRM PSTRP): «Grande opportunità, ora dimostriamo di saperla cogliere»
Il 2020 sarà l’anno di infermieri e ostetriche. Oms: «Nel mondo ne serviranno 9 milioni entro il 2030»
Non va meglio in Italia dove la carenza è stimata in oltre 50mila unità. Il 12 maggio 2020 sarà celebrata la giornata internazionale dell’infermiere e il 200º anniversario della nascita di Florence Nightingale
ECM, Nicola Draoli (Fnopi): «Migliorare la formazione con maggiori investimenti e senza sminuirne l’importanza»
«Gli infermieri hanno difficoltà a formarsi come tutti i professionisti: dai dati provvisori sull’aggiornamento professionale, infatti, non emerge un quadro positivo». L’intervista al responsabile del settore Fnopi Giovani
Sanitari sempre più poveri: perso il 6,33% di potere d’acquisto. Tecnici e infermieri tra i più colpiti
I dati, diffusi dalla FNOPI, evidenziano anche la carenza di organici e le condizioni di lavoro degli infermieri: aumenta del 25-26% il rischio di mortalità causato da eccesso di pazienti e svolgimento di attività non infermieristiche, burocrazia in primis
Congresso FederAnziani, Mangiacavalli (FNOPI): «Serve infermiere di famiglia per assistenza cronicità»
Secondo gli ultimi dati Eurostat l’Italia è già al primo posto nel 2018 in Europa per percentuale di over 65. Barbara Mangiacavalli Federazione Nazionale degli Infermieri (FNOPI): «La priorità per il futuro è l’istituzione della figura dell’infermiere sul territorio, analoga a quella del medico di medicina generale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...
Lavoro

«Mi sono licenziato dopo 11 anni ma nessuno mi ha chiesto perché…». Diventa virale lo sfogo di un medico su Facebook

Nel lungo post pubblicato nei giorni scorsi il dottor Luigi Milandri elenca i motivi per cui fare il medico in Italia è un lavoro che spesso non ripaga: «Ho scritto questo post perché avrei voluto ...