Contributi e Opinioni 16 Ottobre 2020

«Ammirazione per il medico di Aosta che ha violato la quarantena per salvare una vita»

di Luciano Cifaldi, primario oncologo, segretario generale della Cisl Medici Lazio

di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio

Aosta, medico opera una paziente in condizioni gravi durante la quarantena Covid: a processo.

Già solo il termine “condizioni gravi” della paziente potrebbe giustificare il comportamento del Collega che ha deciso di uscire dalla quarantena per tentare di salvare una vita umana, cosa poi avvenuta con pieno successo.

Si dirà che se si deroga alle regole diventa facile costruirsi una propria etica comportamentale a fisarmonica, da usare a piacimento adattandola per le proprie esigenze.

Ma il punto non è solo questo. Si potrà obiettare che il comportamento del Collega chirurgo ha messo a repentaglio la salute degli operatori di sala operatoria. In parte potrebbe essere vero, almeno in teoria, ma questo ci porterebbe a dovere entrare nel merito di positività spacciate o confuse per malattia, di quarantene rese obbligatorie forse in maniera eccessiva. Non sono la persona più titolata a parlare di contagi ed epidemie. Ritengo tuttavia che sia sotto gli occhi di ognuno di noi l’eccessiva fibrillazione che si avverte sulla stampa, e soprattutto in televisione, dove le opinioni di esperti e tuttologi non solo divergono ma troppo spesso sono in piena contraddizione con quanto già dagli stessi dichiarato appena poco tempo prima. Una grande paura sta dilagando dentro di noi ed influenza, ed influenzerà ancor più, i nostri comportamenti quotidiani che non necessariamente diverranno più virtuosi.

Stiamo perdendo la consapevolezza di ciò che siamo, della forza del nostro popolo e rischiamo di essere travolti da un mix di paura ed egoismo.

La magistratura deciderà sul caso di Aosta. Ma spero che terrà conto non solo che il Collega ha salvato una vita, ma che per noi medici, salvo eccezioni di cui giustamente si occupano i media e che attengono a ben altri e più gravi comportamenti, la deontologia ed il sin troppo citato giuramento di Ippocrate assumono un valore sempre più importante col passare degli anni. Molte volte mi sono trovato a ripensare al mio percorso professionale e le confesso che, a fronte di qualche delusione, mi sono chiesto chi mai “me lo ha fatto fare a fare il medico”. Eppure in piena serenità le dico che rifarei la scelta di svolgere questa splendida professione e sono sicuro che, se ci fosse un sondaggio in tal senso, la stragrande maggioranza di noi ripeterebbe la stessa scelta di vita.

Al Collega di Aosta, lui si vero Eroe, ed uso una attribuzione che io stesso ho sempre pubblicamente rifiutato quando ho ricevuto ospitalità sui media, non serve la mia solidarietà o quella di quanti hanno apprezzato il gesto.

A me basta sapere che rifarebbe ciò che ha fatto per rendere pubblica la mia ammirazione nei suoi confronti.

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
SSN e odontoiatria, Pergola (Cisl Medici Lazio): «Avvilente non poter dare la dentiera ad anziani con basso reddito»
«Nel pubblico è prevista un'esenzione completa per le cure e per le estrazioni, però quando si arriva alle protesi il costo medio si aggira sugli 800 euro. Purtroppo esistono pazienti con 500 euro di pensione. Non sono previsti bonus o rateizzazioni, non c'è modo per aiutarli»
di Vanessa Seffer, Uff. stampa Cisl Medici Lazio
Covid-19, Cifaldi (Cisl Medici Lazio): «Servono misure eccezionali per far fronte alla situazione»
«Quello che sta accadendo è la prova provata che non si sta investendo nella medicina territoriale e neanche nei dipartimenti di prevenzione cioè quelli che si occupano di igiene pubblica» dichiara in un comunicato Luciano Cifaldi, segretario generale della Cisl Medici Lazio. «Vorremmo che qualcuno ci spiegasse a cosa serve fare migliaia di tamponi se […]
«Che fine hanno fatto le altre malattie?»
di Luciano Cifaldi, oncologo, Segretario generale Cisl Medici Lazio
di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio
Come comportarsi con i bambini ai tempi del Covid-19? La pediatra scioglie alcuni dubbi
Sono numerose le domande che in questi giorni assillano i genitori di bambini: dal come comportarsi in caso di Covid-19 in classe al vaccino antinfluenzale. Cerchiamo allora di fugare qualche dubbio parlando con la dottoressa Silvia Bartolozzi, dirigente medico pediatra presso l’Ospedale San Giovanni Addolorata di Roma e segretario aziendale Cisl Medici Lazio. Vaccino antinfluenzale: […]
di Vanessa Seffer, Uff. stampa Cisl Medici Lazio
Cataratta, tutte le informazioni e le novità spiegate dall’esperto
Intervista ad Andrea Niutta, iscritto alla Cisl Medici Lazio e direttore di Struttura Complessa Oculistica presso il Dipartimento di Chirurgia Roma 3
di Vanessa Seffer, Uff. stampa Cisl Medici Lazio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...