Bollettino del Ministero 27 aprile 2015

Il bollettino del Ministero

“Falsi miti in sanità: eliminiamo la disinformazione e rilanciamo il nostro Ssn”

di Ministero della Salute

La sanità in Italia: falsi miti e vere eccellenze” è stato un evento che sono veramente contenta di aver realizzato perchè sfatare i falsi miti in sanità è un passo in più per la tutela della salute delle persone. Le false informazioni creano disinformazione ed equivoci che in un ambito come quello della salute possono avere un impatto devastante.

Sono molto soddisfatta del grande interesse che ha suscitato questa iniziativa, pensate che la diretta streaming dell’evento, voluta per dare modo a tutti di seguire i lavori, è stata vista da più di 10mila contatti. L’obiettivo dell’evento era quello di riportare all’attenzione l’importanza dell’evidenza scientifica, della cultura della scienza, perchè siamo in un Paese a rischio di “analfabetizzazione scientifica” nel quale il surplus di informazioni e di notizie che riceviamo da fonti non accreditate, come ad esempio i social media, vengono scambiate per informazioni di valenza scientifica. E’ evidente la necessità di sgombrare dal tavolo i falsi miti, i falsi problemi, le informazioni non veritiere perchè non baste sull’evidenza scientifica. E’ questo che abbiamo voluto fare.

L’8 aprile dell’anno scorso avevamo organizzato un’altra importante manifestazione, gli “Stati Generali della salute”, nel corso della quale è stato tracciato l’impegno assunto nel settore sanità focalizzando l’attenzione su tre elementi: programmazione, prevenzione, innovazione. A un anno di distanza molte cose sono state realizzate, e altre sono in corso d’opera. Ma se il 2014 è stato l’anno della programmazione, il 2015 deve essere l’anno dell’implementazione. La mia idea è quella di dare un impulso all’agenda e arrivare alla fine del 2017 con la riforma sanitaria a regime sui nostri territori perchè non basta aver approvato il Patto per la Salute. Adesso dobbiamo attuarlo, portarlo nelle case dei cittadini e renderlo concreto. Dobbiamo realizzare la sanità che vogliamo.

Il Servizio Sanitario italiano è stato considerato per decenni il migliore al mondo e ancora oggi è considerato tra i primi tre. Non dobbiamo adagiarci su questo risultato ma dobbiamo invece capire perchè non siamo più il numero uno, non retrocedere al numero quattro e cercare di tornare ad essere i migliori al mondo. Questa sfida può essere vinta con grande investimento non solo economico, ma anche di capacità, di operosità e con coraggio.

Beatrice Lorenzin

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...