Bollettino del Ministero 8 settembre 2014

Il bollettino del Ministero

“I tagli nella Sanità”

di Ministero della Salute

La sanità è un ambito che incide fortemente sulla vita e sul benessere delle persone e necessita di politiche attente, di una governance che sappia coniugare i costi con il diritto delle persone ad avere prestazioni sanitarie di qualità in tutto il territorio nazionale. Questo significa promuovere l’appropriatezza, l’efficacia e l’efficienza del sistema, eliminando gli sprechi e reinvestendo le risorse in sanità puntando ad ottenere un sistema sempre più qualitativo e competitivo, anche nell’Ue.
In questi mesi mi sono battuta per evitare tagli lineari ad un settore, come la sanità, che è stato quello più soggetto a prelievi e che ritengo non potesse sopportarne ancora. Nel corso dei vari CdM ho combattuto una vera e propria battaglia per spiegare che la politica sanitaria ha bisogno di strategia e di investimenti. Gli unici tagli ammissibili secondo me sono i tagli agli sprechi, ce ne sono ancora molti ad esempio nelle lavanderie degli ospedali, nelle mense, nella gestione dei rifiuti che vanno eliminati. Nel Patto della Salute firmato a luglio con le Regioni si è convenuto sulla necessità di effettuare risparmi e recuperare così risorse da reinvestire nel settore.

Sono convinta che dalla sanità si possa risparmiare moltissimo e tutti dobbiamo fare la nostra parte perché sprecare soldi in questo settore è immorale.

Come dicevo prima la sanità pubblica italiana ha già subito pesantissimi tagli negli anni scorsi dando il proprio contributo alla revisione della spesa e se dovessero pioverne di nuovi gli italiani dovrebbero rinunciare nel medio periodo al sistema sanitario così come lo conosciamo oggi. I cittadini per potersi curare dovrebbero ricorrere necessariamente ad assicurazioni private o ad altri sistemi e la sanità gratuita sarebbe ridimensionata. Voglio ricordare che il nostro sistema sanitario pubblico e universalistico per il suo livello qualitativo è guardato da molti Paesi come un esempio da cui trarre ispirazione e nella mia recente missione negli Usa ne ho avuto un’altra riprova:  mi è stato chiesto con ammirazione come facciamo ad avere un sistema sanitario nazionale che costa relativamente poco e fornisce servizi di eccellente qualità.
Dobbiamo acquisire la consapevolezza che la sanità è un asset competitivo che può e deve diventare sempre di più motore di sviluppo. Purtroppo, invece, si parla di sanità troppo poco e spesso solo per i tagli che si vogliono fare o per casi di malasanità. Bisogna invertire questa tendenza ponendo con forza in Italia e nell’Ue il concetto che la sanità non è solo un costo ma soprattutto un investimento, il più etico degli investimenti perche porta con sè lavoro, sviluppo e salute.

Beatrice Lorenzin

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...