Covid-19, che fare se...? 26 Luglio 2022 15:22

Il vaccino può alterare il ciclo mestruale?

Uno studio pubblicato sulla rivista Science Advances ha dimostrato un legame tra ciclo mestruale più intenso e vaccinazione anti-Covid. In alcuni casi si sono verificati sanguinamenti anche in donne in menopausa

Il vaccino può alterare il ciclo mestruale?

Prima erano solo aneddoti, pochi casi riportati in letteratura scientifica. Ma ora uno studio dell’Università dell’Illinois e dell’Università di Tulane ha dimostrato che effettivamente i vaccini anti-Covid a mRNA, sviluppati da Pfizer e Moderna, potrebbero provocare delle alterazioni nel ciclo mestruale. In alcuni casi il vaccino è stato associato a sanguinamenti in donne in menopausa o in coloro che seguono una terapia ormonale. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Science Advances.

Le alterazioni del ciclo mestruale dipendono dall’infiammazione immuno-correlata

Nello studio sono state interrogate 35mila donne in pre e post menopausa. «Gli effetti del vaccino sul ciclo mestruale – spiegano i ricercatori – sono stati ampiamente ignorati nel 2021. Alcuni medici si sono dimostrati sprezzanti nei confronti delle preoccupazioni delle pazienti, ma è stato osservato che anche altri vaccini possono provocare dei cambiamenti nelle mestruazioni. Si ritiene che questi effetti collaterali siano legati a un aumento delle vie infiammatorie immuno-correlate, piuttosto che a cambiamenti ormonali».

Quasi la metà del campione ha sperimentato un ciclo mestruale più intenso

In generale, l’analisi statistica ha mostrato che il 42,1 per cento del campione ha sperimentato un flusso mestruale più intenso a seguito della vaccinazione. Nel 43,6 per cento dei casi non sono state riportate differenze. Mentre il 14,3 per cento delle donne ha riferito di aver notato un flusso più leggero. Sebbene alcune partecipanti abbiano sperimentato questi effetti nei primi sette giorni a seguito della vaccinazione, in molti casi i cambiamenti sono stati osservati anche da otto a 14 giorni dopo l’inoculazione. Anche le donne in pre-menopausa sottoposte a trattamenti ormonali ha riscontrato forme di sanguinamento dopo le iniezioni.

Alterazioni sono state riscontrate anche in donne che assumevano contraccettivi

Tra le donne che utilizzavano metodi contraccettivi reversibili di lunga durata, il 70 per cento ha riportato questo effetto collaterale. Tra i pazienti che seguivano un trattamento ormonale di affermazione di genere, il tasso di incidenza di perdite mestruali è stato del 38,5 per cento. «Ci siamo rivolti a donne che avevano regolarmente le mestruazioni – specificano gli studiosi – ma anche a pazienti in post-menopausa e a coloro che seguivano terapie ormonali che dovrebbero inibire il ciclo mestruale. In questi ultimi casi, il sanguinamento risulta particolarmente sorprendente e, specialmente per chi lo sperimenta, decisamente allarmante». Gli studiosi non hanno considerato i dati di persone di età compresa tra 45 e 55 anni per evitare i casi di alterazioni nel ciclo mestruale associati alla pre-menopausa.

Ciclo mestruale più intenso per donne con endometriosi e che hanno partorito da poco

Dal sondaggio è emerso inoltre che le donne che avevano portato a termine una gravidanza avevano maggiori probabilità di sperimentare flussi più intensi a seguito della vaccinazione. Gli scienziati hanno tenuto conto di fattori demografici come età, etnia, provenienza geografica e condizioni di salute pregresse. La probabilità di riportare un flusso mestruale più intenso aumentava per le donne non caucasiche, ispaniche o latine, in età avanzata, affette da endometriosi, menorragia, fibromi o altri problemi riproduttivi. «Un maggiore flusso mestruale può essere transitorio – precisano gli scienziati – ma i cambiamenti inaspettati nelle mestruazioni possono destare seria preoccupazione, anche perché il sanguinamento è uno dei primi segni di alcuni tumori nelle donne in post-menopausa o per chi segue una terapia ormonale».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Covid: 3 o più dosi di vaccino in gravidanza aumentano la protezione dei neonati
Le donne in gravidanza che ricevono tre o più dosi di vaccino anti-Covid durante la gestazione presentano un livello di anticorpi specifici contro l’infezione nel cordone ombelicale di circa dieci volte più alto rispetto a quanto riscontrato nelle madri che hanno effettuato meno richiami. E questo offre una maggiore protezione ai nascituri. A dimostrarlo è uno studio condotto dagli scienziati dell’Università di Washington a Seattle
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Fiaso: Covid ancora in calo, ma preoccupa l’influenza
Si conferma in calo l’indice dei ricoveri Covid. La rilevazione degli ospedali sentinella aderenti a Fiaso fa registrare un complessivo -16% nell’ultima settimana del 2023. Secondo l'ultima rilevazione Fiaso i virus influenzali stanno avendo un impatto in termini assoluti maggiore sugli ospedali
di V.A.
Morbillo: mappato il percorso del virus nel cervello
Per la prima volta è stata realizzata una sorta di mappa della diffusione del virus del morbillo nel cervello sulla base dei dati di un paziente colpito da una rara e letale malattia cerebrale, chiaara panencefalite sclerosante subacuta (SSPE). A realizzare l'impresa sono stati i ricercatori della Mayo Clinic in uno studio pubblicato su PLOS Pathogens
Covid: le varianti sono emerse in risposta al comportamento umano
Le varianti del virus Sars-CoV-2 potrebbero essere emerse a causa di comportamenti umani, come il lockdown o le misure di isolamento, le stesse previste per arginare la diffusione dei contagi. Queste sono le conclusioni di uno studio coordinato dall’Università di Nagoya e pubblicato sulla rivista Nature Communications. Utilizzando la tecnologia dell’intelligenza artificiale e la modellazione matematica […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

In arrivo il nuovo Piano Nazionale Cronicità. Previsto maggior coinvolgimento dei pazienti e dei caregiver

Il documento redatto dal Ministero della Salute sbarca in Stato-Regioni. Nelle fasi e negli obiettivi che lo compongono, l'erogazione di interventi personalizzati attraverso il coinvolgimento di pazie...
di G.R.
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...