Covid-19, che fare se...? 26 Luglio 2022 15:22

Il vaccino può alterare il ciclo mestruale?

Uno studio pubblicato sulla rivista Science Advances ha dimostrato un legame tra ciclo mestruale più intenso e vaccinazione anti-Covid. In alcuni casi si sono verificati sanguinamenti anche in donne in menopausa

Il vaccino può alterare il ciclo mestruale?

Prima erano solo aneddoti, pochi casi riportati in letteratura scientifica. Ma ora uno studio dell’Università dell’Illinois e dell’Università di Tulane ha dimostrato che effettivamente i vaccini anti-Covid a mRNA, sviluppati da Pfizer e Moderna, potrebbero provocare delle alterazioni nel ciclo mestruale. In alcuni casi il vaccino è stato associato a sanguinamenti in donne in menopausa o in coloro che seguono una terapia ormonale. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Science Advances.

Le alterazioni del ciclo mestruale dipendono dall’infiammazione immuno-correlata

Nello studio sono state interrogate 35mila donne in pre e post menopausa. «Gli effetti del vaccino sul ciclo mestruale – spiegano i ricercatori – sono stati ampiamente ignorati nel 2021. Alcuni medici si sono dimostrati sprezzanti nei confronti delle preoccupazioni delle pazienti, ma è stato osservato che anche altri vaccini possono provocare dei cambiamenti nelle mestruazioni. Si ritiene che questi effetti collaterali siano legati a un aumento delle vie infiammatorie immuno-correlate, piuttosto che a cambiamenti ormonali».

Quasi la metà del campione ha sperimentato un ciclo mestruale più intenso

In generale, l’analisi statistica ha mostrato che il 42,1 per cento del campione ha sperimentato un flusso mestruale più intenso a seguito della vaccinazione. Nel 43,6 per cento dei casi non sono state riportate differenze. Mentre il 14,3 per cento delle donne ha riferito di aver notato un flusso più leggero. Sebbene alcune partecipanti abbiano sperimentato questi effetti nei primi sette giorni a seguito della vaccinazione, in molti casi i cambiamenti sono stati osservati anche da otto a 14 giorni dopo l’inoculazione. Anche le donne in pre-menopausa sottoposte a trattamenti ormonali ha riscontrato forme di sanguinamento dopo le iniezioni.

Alterazioni sono state riscontrate anche in donne che assumevano contraccettivi

Tra le donne che utilizzavano metodi contraccettivi reversibili di lunga durata, il 70 per cento ha riportato questo effetto collaterale. Tra i pazienti che seguivano un trattamento ormonale di affermazione di genere, il tasso di incidenza di perdite mestruali è stato del 38,5 per cento. «Ci siamo rivolti a donne che avevano regolarmente le mestruazioni – specificano gli studiosi – ma anche a pazienti in post-menopausa e a coloro che seguivano terapie ormonali che dovrebbero inibire il ciclo mestruale. In questi ultimi casi, il sanguinamento risulta particolarmente sorprendente e, specialmente per chi lo sperimenta, decisamente allarmante». Gli studiosi non hanno considerato i dati di persone di età compresa tra 45 e 55 anni per evitare i casi di alterazioni nel ciclo mestruale associati alla pre-menopausa.

Ciclo mestruale più intenso per donne con endometriosi e che hanno partorito da poco

Dal sondaggio è emerso inoltre che le donne che avevano portato a termine una gravidanza avevano maggiori probabilità di sperimentare flussi più intensi a seguito della vaccinazione. Gli scienziati hanno tenuto conto di fattori demografici come età, etnia, provenienza geografica e condizioni di salute pregresse. La probabilità di riportare un flusso mestruale più intenso aumentava per le donne non caucasiche, ispaniche o latine, in età avanzata, affette da endometriosi, menorragia, fibromi o altri problemi riproduttivi. «Un maggiore flusso mestruale può essere transitorio – precisano gli scienziati – ma i cambiamenti inaspettati nelle mestruazioni possono destare seria preoccupazione, anche perché il sanguinamento è uno dei primi segni di alcuni tumori nelle donne in post-menopausa o per chi segue una terapia ormonale».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
A che punto siamo con i vaccini anti-Covid aggiornati?
I vaccini anti-Covid aggiornati sono attesi per il prossimo autunno. Ma ancora nessuno è stato autorizzato e il «più aggiornato» deve ancora essere sottoposto ai test clinici
Studio rivela il sintomo Covid che colpisce i vaccinati
I dati raccolti dall'App ZOE Health Study indicano stato un aumento delle segnalazioni di diarrea nel gennaio 2022 tra i vaccinati. Il sintomo dura in media 2-3 giorni
Covid, Fiaso: «Giù del 20% i ricoveri nell’ultima settimana, -22% nelle terapie intensive»
Le terapie intensive segnano un -22% rispetto alla settimana precedente e un indice di occupazione del 4,4%. In calo del 27% i ricoveri Covid pediatrici negli ospedali aderenti al network sentinella di Fiaso
Vaccini adattati alle varianti per l’autunno-inverno: accordo tra Ue e Moderna
Moderna sposta dall'estate in corso al prossimo inverno i calendari di consegna dei vaccini agli Stati membri, quando ce ne sarà più bisogno. La commissaria Ue alla Salute Kyriakides: «In autunno ci saranno vaccini adattati alle varianti Covid»
GB: paura polio, a Londra vaccini a tutti i bambini under 10
Dopo aver rilevato il virus della polio nelle acque reflue di Londra, le autorità sanitarie hanno deciso di offrire la vaccinazione antipolio a tutti i bambini sotto i dieci anni d'età
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale