Bollettino del Ministero 27 Maggio 2019

Dalla salute delle api dipende quella dell’uomo: le iniziative di tutela del Ministero

Il 20 maggio è stata celebrata dall’Organizzazione delle Nazioni Unite la Giornata mondiale delle Api, il ministero della Salute italiano ha avuto sempre un ruolo di primo piano nella protezione di questi importanti insetti. Ricordiamo, infatti, che in Italia fin dal 2008 il ministero della Salute ha posto l’attenzione su alcune sostanze (imidacloprid, clothianidin e […]

Il 20 maggio è stata celebrata dall’Organizzazione delle Nazioni Unite la Giornata mondiale delle Api, il ministero della Salute italiano ha avuto sempre un ruolo di primo piano nella protezione di questi importanti insetti.

Ricordiamo, infatti, che in Italia fin dal 2008 il ministero della Salute ha posto l’attenzione su alcune sostanze (imidacloprid, clothianidin e tiametoxa), facenti parte del gruppo di insetticidi chimici noti come neonicotinoidi che, rappresentando un grave rischio per le popolazioni di api e bombi, sono stati sospesi, in via cautelativa, nel nostro territorio nazionale, ben prima che poi fosse presa una decisione a livello europeo.

Il ministero della Salute ha, inoltre, partecipato e contribuito fattivamente, a livello europeo, alla predisposizione di specifiche norme che limitassero l’uso di tali sostanze. Nel mese di maggio 2018 la Commissione europea ha adottato tre nuovi regolamenti di esecuzione che hanno imposto ulteriori restrizioni all’impiego delle tre sostanze e hanno previsto la modifica o la revoca delle autorizzazioni dei prodotti che li contengono.

In applicazione di tali regolamenti, in Italia, sono state revocate 13 autorizzazioni e modificate 37 negli impieghi. Si sottolinea che sempre per la tutela delle api in Italia e in Unione europea vige attualmente il divieto di utilizzo di sementi trattate con sostanze neonicotinoidi in campo aperto.

Attualmente il ministero della Salute continua nel suo impegno attraverso propri esperti nella revisione delle linee guida sulle api, promossa da EFSA, volte a salvaguardare gli insetti impollinatori da eventuali rischi correlabili all’uso dei pesticidi, pur mantenendo la possibilità di una difesa fitosanitaria delle produzioni agricole.

Il ministero della Salute è anche direttamente coinvolto nell’applicazione della Direttiva 2009/128/CE sull’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari alla quale è stata data attuazione con il Piano di Azione Nazionale (PAN) adottato in Italia con Decreto interministeriale il 22 gennaio 2014, ora in corso di revisione, dove sarà introdotto uno specifico obiettivo relativo alla tutela delle api da conseguire attraverso l’attuazione di misure appropriate.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone