Ambiente 1 Marzo 2024 12:39

Allarme smog in periferia, tassi di decesso raddoppiati

La cappa di smog che aleggia sulle nostre città sta diventando più soffocante e letale nelle periferie, dove nei quartieri meno verdi e ad alta densità di traffico e di abitanti over 65, i tassi di decessi attribuibili a biossido di azoto e polveri sottili arrivano fino al 50-60% in più rispetto alla media delle aree centrali. Su questo tema si stanno confrontando epidemiologi, pneumologi, esperti di valutazione e gestione della qualità dell’aria, riuniti a Milano fino a oggi per la conferenza RespiraMi: Recent Advances on Air Pollution and Health 2024, co-organizzata dalla Fondazione Menarini

di V.A.
Allarme smog in periferia, tassi di decesso raddoppiati

La cappa di smog che aleggia sulle nostre città sta diventando più soffocante e letale nelle periferie, dove nei quartieri meno verdi e ad alta densità di traffico e di abitanti over 65, i tassi di decessi attribuibili a biossido di azoto e polveri sottili arrivano fino al 50-60% in più rispetto alla media delle aree centrali. Sotto accusa mix smog e stili di vita peggiori, più comuni nei quartieri più periferici. Su questo tema e sui tanti studi che evidenziano il legame sempre più netto tra smog e diverse patologie, si stanno confrontando epidemiologi, pneumologi, esperti di valutazione e gestione della qualità dell’aria, riuniti a Milano fino a oggi per la conferenza RespiraMi: Recent Advances on Air Pollution and Health 2024, co-organizzata dalla Fondazione Menarini, in collaborazione con Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico, e dall’Imperial College di Londra, con il patrocinio dell’Associazione Italiana di Epidemiologia.

Milano seconda città metropolitana d’Italia afflitta dallo smog

Con una popolazione di quasi 1,4 milioni di abitanti, Milano è la seconda città metropolitana d’Italia, storicamente afflitta dal problema dello smog sia per le numerose fonti di emissione che la accomunano alla Pianura Padana (industriali, residenziali, da traffico e da allevamenti intensivi) che, aggiunte al ristagno dell’alta pressione e alle particolari condizioni orografiche, non favoriscono la dispersione degli inquinanti atmosferici. Per valutare gli effetti sanitari a lungo termine sulla popolazione, l’Agenzia per la Tutela della Salute di Milano (ATS-MI) ha condotto uno studio con cui ha stimato i livelli di concentrazione media degli inquinanti (NO2, PM10 e PM2.5) per l’anno 2019 con una risoluzione spaziale senza precedenti, pari a 25 metri quadrati. I dati sono stati poi incrociati con le informazioni sanitarie e anagrafiche georeferenziate già utilizzate per studi di popolazione in ATS-MI.

Nelle periferie milanesi i tassi di decesso per smog possono arrivare fino al 60%

“I risultati, recentemente pubblicati su Epidemiologia&Prevenzione, permettono di definire una vera e propria mappa dell’inquinamento- dichiara Sergio Harari, co-presidente del congresso, della Divisione di Malattie dell’Apparato Respiratorio e Divisione di Medicina Interna dell’Ospedale San Giuseppe MultiMedica IRCSS e dell’Università di Milano – e dei suoi effetti, quartiere per quartiere e rivelano, per la prima volta, che biossido di azoto e polveri sottili hanno tassi di decesso per 100.000 abitanti che possono arrivare fino al 60% in più in alcune zone della periferia milanese rispetto al centro città. Il caso di Milano potrebbe avvicinarsi a quello che accade anche in altre grandi città italiane nelle aree periferiche che presentano elevati livelli di inquinamento atmosferico dovuti all’elevato numero di abitanti, a strade a intenso traffico veicolare come le tangenziali e al poco verde con ristagno d’aria”.

Le condizioni socio-economiche svantaggiate producono un “effetto moltiplicativo”

“Il combinato disposto di smog e condizioni socio-economiche svantaggiate sovrapponibili alle aree periferiche, inducendo stili di vita peggiori come ad esempio più fumo e sedentarietà, produce un effetto moltiplicativo della mortalità da inquinamento nelle aree più lontane dal centro”, sottolinea Harari. “Il fatto di essere più fragili ed essere esposti a inquinanti si traduce quindi in un danno maggiore”, aggiunge. Gli oltre 1600 decessi all’anno per tutte le cause attribuibili al PM2.5 e gli oltre 1.300 decessi annui attribuibili al biossido di azoto a Milano non sono infatti distribuiti allo stesso modo sul territorio. “L’inquinamento ha effetti più grandi soprattutto nei quartieri periferici attraversati da strade molto trafficate, densamente abitati e dove c’è una maggior quantità di persone con oltre 65 anni, quindi più fragili di fronte agli effetti dello smog“, spiega Francesco Forastiere, co-presidente del congresso, del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR-IFT) e del Gruppo di ricerca ambientale dell’Imperial College London.

Le aree di Milano più a rischio per lo smog

“Per quanto riguarda l’esposizione al biossido di azoto, responsabile del 10% delle morti per cause naturali (130,3 su 100 mila abitanti), i tassi di decessi più alti si sono registrati in quartieri periferici come ad esempio Quarto Oggiaro con 158 morti su 100.000 abitanti e a Gallaratese con 170 su 100.000 abitanti, a fronte di valori attorno a 100 nel centro città”, sottolinea Pier Mannuccio Mannucci, co-presidente del congresso, della Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico e del Centro Emofilia e Trombosi Angelo Bianchi Bonomi di Milano. “Per quanto riguarda il PM2.5, responsabile del 13% delle morti per cause naturali (160 su 100 mila abitanti) e del 18% dei decessi per tumore del polmone, le conseguenze più pesanti si hanno in zone periferiche come Mecenate, Lorenteggio e Bande Nere dove i tassi di decesso superano i 200 per 100.000 abitanti, mentre in pieno centro i tassi di decessi si attestano attorno a 130 su 100.000 abitanti”, aggiunge.

Gli effetti sulla salute dell’esposizione al PM10

Infine per quanto riguarda il PM10, a cui si attribuisce il 4% delle morti per cause naturali (50 ogni 100 mila abitanti), a pagare il prezzo più caro sono, ad esempio, la zona di Niguarda, Bande Nere e Gallaratese a ovest e Buenos Aires in centro. “L’esposizione cronica allo smog è dannosa per la salute in termini globali, con ripercussioni non soltanto sull’apparato respiratorio, ma anche su quello cardio-circolatorio e un incremento di infarti e ictus”, spiegano gli esperti. “L’inquinamento può avere inoltre conseguenze negative a livello cerebrale, causando ritardi cognitivi nell’infanzia e un impatto sullo sviluppo delle malattie neurodegenerative, come ad esempio il Parkinson”, aggiungono.

Le ZTL funzionano a mitigare gli effetti dello smog

Le ZTL funzionano a “salvare” le zone centrali sono invece le zone a traffico limitato, che giocano un ruolo molto importante nel ridurre inquinanti e effetti deleteri sulla salute, come dimostra una review pubblicata sulla rivista Lancet Public Health dall’Imperial College di Londra. La revisione ha passato in rassegna 16 studi condotti sulle Ztl in Germania, Giappone e Regno Unito, in cui si dimostra una chiara diminuzione dei problemi a carico dell’apparato cardiovascolare, con meno casi di ipertensione, ricoveri, morti per infarto e ictus. In particolare, uno studio tedesco su dati ospedalieri di 69 città con Ztl ha riscontrato un calo del 2-3% dei problemi cardiaci e del 7-12% degli ictus, con benefici (soprattutto per gli anziani) che hanno comportato un risparmio di 4,4 miliardi di euro per la sanità. Diversi studi hanno inoltre evidenziato effetti benefici per l’apparato respiratorio, anche se i dati sembrano meno consistenti.

Le soluzioni contro lo smog: il modello londinese

“Un capitolo a parte lo merita la speciale Ztl di Londra, che alla conferenza RespiraMi sarà trattato da un punto di vista scientifico – commenta Harari – con un confronto tra scienziati e anche tra il sindaco di Milano Giuseppe Sala e Poppy Lyle, responsabile dell’inquinamento atmosferico della Greater London Authority. La scorsa estate, la capitale britannica ha deciso di estendere il divieto di circolazione dei veicoli più inquinanti a tutta l’area metropolitana (suscitando non poche polemiche). Il transito nella cosiddetta ULEZ (Ultra Low Emission Zone) è consentito solo ai veicoli Euro 4 se a benzina o Euro 6 se a Diesel. Chi non possiede una vettura in linea con questi standard può utilizzarla previo pagamento di un pedaggio”. L’iniziativa del sindaco di Londra Sadiq Khan è stata elogiata da Maria Neira, direttrice del Dipartimento di sanità pubblica e ambiente dell’Oms, che in un’intervista sul British Medical Journal ha definito la ULEZ londinese come un “esempio per tutti i sindaci del mondo”.

Gli altri modelli europei, da Barcellona a Parigi

Come Londra, sono tante le città europee che stanno sperimentando nuovi modelli urbani per ridurre smog, rumore e l’effetto “isola di calore”, come riportato da uno studio pubblicato su Environment International. La rassegna parte dalla città di Barcellona, che in virtù della sua rete stradale a griglia ha sviluppato un modello a superblocchi, cioè grandi isolati il cui perimetro può essere percorso dalle auto, mentre l’area all’interno viene restituita a residenti, pedoni e ciclisti. Secondo una stima dell’Istituto per la salute globale dell’Università Pompeu Fabra, questo modello implementato sull’intera città potrebbe evitare quasi 700 decessi all’anno, soprattutto grazie alla riduzione dello smog. A Parigi si sperimenta invece “la città dei 15 minuti”, dove lavoro, scuola, negozi, intrattenimento, cultura, tempo libero e altre attività sono raggiungibili in 15 minuti a piedi o in bicicletta da casa. Non sono ancora state effettuate valutazioni degli effetti sulla salute, ma si prevedono notevoli benefici fisici e mentali dovuti all’aumento dell’attività fisica (a causa dei maggiori spostamenti a piedi e in bicicletta) e alla maggiore presenza di spazi verdi.

Limiti più stringenti con la nuova direttiva UE

Il cambiamento potrebbe accelerare con la nuova direttiva europea sulla qualità dell’aria sulla quale si è da pochi giorni raggiunto un accordo a Bruxelles a seguito del negoziato interistituzionale che riunisce rappresentanti del Parlamento europeo, del Consiglio dell’Unione europea e della Commissione europea. Il documento ha avvicinato gli standard europei con le linee guida dell’Organizzazione mondiale della sanità riducendo drasticamente i livelli massimi di concentrazioni annuali di PM2,5 (da 25 ai 10 mg/m3) e di biossido di azoto (da 40 a 20 mg/m3) che ogni stato dovrà rispettare entro il 2030 per raggiungere un ambiente privo di inquinamento nocivo entro il 2050, in accordo con il Green Deal europeo e il Piano d’azione sull’inquinamento zero. Limiti più severi sono previsti anche per il biossido di zolfo, per l’ozono, per i metalli pesanti come l’arsenico, piombo o nichel.

Il rinvio di 10 della nuova direttiva potrebbe causare 330mila morti premature

“Sono tuttavia state previste deroghe per aree dove il rispetto dei nuovi limiti è più difficile, fra cui la Pianura Padana, ma le conseguenze per la salute potrebbero essere molto pesanti: uno studio recentemente pubblicato su International Journal of Public Health stima che il rinvio di 10 anni dell’adempimento ai nuovi limiti sulla qualità dell’aria potrebbe causare in Europa quasi 330.000 morti premature, un terzo delle quali nel nostro Paese”, conclude Harari.

Rossi (Omceo di Milano): “Decisioni politiche devono essere basate su logica scientifica

“Quando ci si approccia ai problemi che riguardano la salute come l’inquinamento atmosferico, e quando si prendono decisioni politiche che mettono in campo molte risorse pubbliche, bisogna sempre farlo con una logica scientifica”, dice il presidente dell’Ordine dei Medici di Milano, Roberto Carlo Rossi. “Altrimenti si rischia di approvare norme che hanno solo risonanza elettorale o che mancano il bersaglio. Il caso emblematico di Milano – continua – ci dimostra questo: abbiamo una serie di divieti ‘antinquinamento’, che non funzionano come dovrebbero. Si è arrivati ad imporre una tassa di 7,5 euro per accedere al centro, si bloccano molti accessi anche in zone periferiche con l’area B, anche per chi svolge un servizio pubblico come il medico (per visitare un paziente a domicilio, o per semplicemente andare al lavoro in ospedale). A meno che, naturalmente, non si decida di rottamare auto perfettamente funzionanti per sostituirle con costosi veicoli elettrici o ibridi sui cui vi sono ancora molti punti interrogativi”.

“Ritarare scelte politiche ambientali”

“Si è insomma puntato, nelle azioni antinquinamento, solo sulla limitazione della mobilità privata, mentre, a quanto pare, non è propriamente quello il campo in cui è davvero necessario intervenire con urgenza“, sottolinea Rossi. “Si percepisce, invece, la necessità di ‘fare cassa’ in modo facile sulle tasche di chi è già in difficoltà e si trova costretto a cambiare automobile. Ci auguriamo, come medici, che questi numeri e questi studi diffusi oggi nel corso di RespiraMI (non certo i primi a certificare questa situazione), servano davvero alle amministrazioni pubbliche per ritarare le loro scelte ambientali – continua – valutando seriamente le reali fonti di inquinamento nelle grandi città, senza accanirsi sul solo problema della mobilità privata e puntando anche su una maggiore educazione civica e sanitaria nelle scuole. Solo così i futuri cittadini impareranno a non sprecare risorse e a rispettare l’ambiente in cui vivono”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...