Advocacy e Associazioni 2 Maggio 2024 12:57

World AS Day 2024, la spondiloartrite assiale colpisce una persona su 150 nel mondo. Il mal di schiena il sintomo più comune

In vista del World Axial Spondyloarthritis Day, ovvero la Giornata Mondiale della Spondiloartrite assiale, che si celebra sabato 4 maggio, gli specialisti mettono in guardia le persone sui principali sintomi con i quali solitamente si manifesta la patologia: “Il sintomo più tipico della spondiloartrite assiale è la lombalgia più comunemente nota come mal di schiena”

World AS Day 2024, la spondiloartrite assiale colpisce una persona su 150 nel mondo. Il mal di schiena il sintomo più comune

Si chiama spondiloartrite assiale ed è una malattia infiammatoria cronica che colpisce la colonna vertebrale, rendendola meno mobile e flessibile con conseguente limitazione dei movimenti. Nei casi più gravi la colonna vertebrale si fonde fino a formare una struttura unica, con l’impossibilità per il paziente a svolgere alcune attività della vita quotidiana come ad esempio il sollevare la testa per vedere il cielo. La patologia colpisce, a livello globale, una persona su 150, in particolare uomini e manifesta, in genere, i principali segni e sintomi tra i 20 e i 40 anni. Il mal di schiena a livello lombare, spesso associato con dolore all’anca o al gluteo, rappresenta di solito il primo segnale dell’insorgenza della spondiloartrite assiale. Purtroppo spesso questo sintomo così comune nella popolazione viene sottovalutato dai pazienti stessi e ciò, unito al cronico problema della lunghezza delle liste di attesa, può portare anche a un periodo di otto anni prima di poter avere una corretta diagnosi. Ma non è tutto, le persone sperimentano anche un’eccessiva rigidità. In molti casi il dolore e la rigidità iniziano lentamente e compaiono poi gradualmente con intensità sempre maggiore nel corso di settimane e/o mesi con le persone che possono sperimentare giorni o settimane di dolore molto forte alternati a periodi di dolore quasi nullo. Oltre alla colonna vertebrale, possono essere coinvolte le articolazioni sacroiliache (tra osso sacro e bacino) e le inserzioni di tendini e legamenti sulle ossa soprattutto a livello di calcagno e cartilagini costali.

La Giornata Mondiale della Spondiloartrite Assiale

La  spondiloartrite assiale può provocare, inoltre, alcune complicanze quali: l’artrite periferica, che causa infiammazione e dolore in altre articolazioni, quali polsi, caviglie, gomiti e ginocchia, le malattie infiammatorie croniche intestinali (quali ad esempio la malattia di Crohn e la colite ulcerosa) che causano dolore e infiammazione all’intestino, l’uveite, un’infiammazione dell’occhio che si manifesta con dolore all’occhio, aumentata sensibilità alla luce e visione annebbiata e, per ultima, ma non meno importante, la psoriasi, una malattia cronica della pelle che comporta un’infiammazione cutanea e un disordine di crescita dei cheratinociti, i quali portano alla formazione di placche rilevate, di colore rosso acceso, rivestite da squame biancastre che colpiscono, in particolare aree quali i gomiti, le ginocchia e il cuoio capelluto. Anche per la spondiloartrite assiale una diagnosi precoce è vitale per poter assicurare alle persone il trattamento corretto ed è proprio sui principali segnali e sintomi della patologia che si concentra il World AS Day 2024, la Giornata Mondiale della Spondiloartrite Assiale in programma sabato 4 maggio. “Segni e sintomi della possibile insorgenza della spondiloartrite assiale possono essere confusi, spesso, con altre condizioni quali ad esempio il mal di schiena, portando a ritardi nella diagnosi e nei trattamenti che possono anche causare una disabilità permanente – chiarisce Antonella Celano, presidente APMARR – Associazione Nazionale Persone con Malattie Reumatologiche e Rare APS ETS, una delle due associazioni pazienti italiane aderenti all’Axial Spondyloarthritis International Federation – In questo senso è fondamentale concentrarsi sull’individuazione e lo studio dei principali segnali e sintomi dell’insorgenza della malattia dato che il riconoscimento e la comprensione precoce di questi indicatori possono avere un impatto significativo sulla vita delle persone colpite. Sottolineando l’importanza di questo tema, miriamo quindi a educare, in questa giornata di sensibilizzazione, i pazienti, il pubblico e gli operatori sanitari sui principali segnali d’allarme associati alla spondiloartrite assiale, quali mal di schiena persistente, rigidità e affaticamento. Se sottovalutati questi sintomi, così comuni nella popolazione, possono allungare, e di molto, i tempi per arrivare a una corretta diagnosi”.

Saperne di più per accelerare la diagnosi

Una maggiore consapevolezza può accelerare la diagnosi, consentendo un intervento e una gestione tempestivi, migliorando in definitiva la qualità della vita delle persone affette da spondiloartrite assiale. Non esiste una cura definitiva per questa patologia, ma alcuni farmaci sono oggi in grado di ridurre l’infiammazione e il dolore, alleviando i sintomi. Per il trattamento della spondiloartrite assiale si possono utilizzare in particolare sia farmaci anti-infiammatori per controllare le fasi iniziali del dolore e dell’infiammazione che farmaci biologici quali anti-TNFα (es. etanercept, adalimumab, infliximab, golimumab), anti-IL17 (Secukinumab) oppure i JAK inibitori (upadacitinib, tofacitinib) in grado di controllare il processo infiammatorio sia a livello osseo (colonna vertebrale, articolazioni periferiche) di cute (in caso di psoriasi) e intestino (in caso di malattie infiammatorie intestinali). “La disponibilità di trattamenti farmacologici efficaci e sicuri nel trattamento della spondiloartrite assiale ha rivoluzionato l’approccio alla gestione dei nostri pazienti a cui oggi possiamo assicurare una migliore qualità della vita – spiega Pietro Leccese, Dirigente medico UOC Reumatologia presso l’Ospedale San Carlo di Potenza –. In questo contesto diventa fondamentale non solo la correttezza della diagnosi ma anche la sua precocità.  L’esordio del mal di schiena prima dei 45 anni, la presenza di rigidità mattutina pari o superiore ai 30 minuti, il miglioramento del dolore con il movimento, il peggioramento nelle ore notturne o comunque dopo un periodo di inattività e la brillante risposta agli antinfiammatori rappresentano i principali campanelli d’allarme. Il sintomo più tipico della spondiloartrite assiale è la lombalgia più comunemente nota come mal di schiena che in questa malattia assume caratteri distintivi, tipici di un interessamento infiammatorio delle strutture dello scheletro assiale. Riconoscere i sintomi della patologia consente – conclude Leccese – un invio precoce del paziente al reumatologo e l’inizio tempestivo di una terapia mirata”.

Le iniziative di APMARR APS ETS

Proprio per accrescere la conoscenza circa gli impatti della spondiloartrite assiale sulla qualità della vita delle persone l’Associazione Nazionale Persone con Malattie Reumatologiche e Rare – APMARR APS ETS promuove e organizza nella giornata di venerdì 17 maggio 2024 alle 18.30, in diretta streaming sul profilo Facebook e il canale Youtube, il webinar online “Conoscere la Spondiloartrite assiale: incontro con gli specialisti”. L’evento dal taglio divulgativo vedrà la partecipazione del Dott. Pietro Leccese, Dirigente medico UOC Reumatologia presso l’Ospedale San Carlo di Potenza che illustrerà e risponderà in diretta alle domande degli utenti in merito ai principali sintomi ai quali dover prestare attenzione in merito ad una possibile diagnosi di spondiloartrite assiale.

I sintomi della malattia

Ecco, infine, un elenco dei principali segni e sintomi della possibile insorgenza della spondiloartrite assiale che occorre tenere monitorati elaborato dagli esperti del settore:

  • Mal di schiena a livello lombare di tipo infiammatorio
  • Rigidità articolare
  • Dolore e gonfiore di altre articolazioni quali ad esempio quelle sacroiliache (tra osso sacro e bacino) e alle inserzioni di tendini e legamenti sulle ossa (dette “entesi”) soprattutto a livello di calcagno e cartilagini costali
  • Uveite
  • Difficoltà respiratoria
  • Infiammazione dell’aorta
  • Affaticamento ed estrema stanchezza

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...