Advocacy e Associazioni 25 Gennaio 2024 11:59

Disturbi alimentari, si combattono (anche) a tavola con la campagna ‘Cibo Amico’

Lifeness-Associazione Italiana Chef, con la collaborazione di esperti di nutrizione, psichiatri, specialista del microbiota, ha realizzato la campagna ‘Cibo Amico’, un percorso “emotivo-sentimentale-alimentare” per supportare il trattamento dei disturbi alimentari. Al via dal 3 febbraio

Disturbi alimentari, si combattono (anche) a tavola con la campagna ‘Cibo Amico’

Un percorso “emotivo-sentimentale-alimentare” per supportare il trattamento dei disturbi alimentari, come anoressia e bulimia: è questa l’idea di Lifeness-Associazione Italiana Chef che, in collaborazione con il Policlinico Gemelli, l’Università di Tor Vergata di Roma, Coldiretti-Campagna Amica e Filiera Italia, ha realizzato la campagna ‘Cibo Amico’. Chef, esperti di nutrizione, psichiatri, specialista del microbiota intestinale si incontrano unendo la ricerca del benessere interiore, con quella medico-scientifica delle cura del corpo, anche alla luce delle nuove scoperte sull’asse intestino-cervello.

I giovani con disturbi alimentari in Italia sono aumentati del 40%

Il percorso propone un modello esplorativo di conoscenza che ritorna alle origini: dal liquido amniotico alla tavola si ripercorrono le tappe evolutive determinanti sia per la costruzione del sé, sia per lo sviluppo del corpo a livello biochimico. L’iniziativa nasce per rispondere all’incremento di persone che manifestano difficoltà nei rapporti con il cibo. Dal 2019 ad oggi, i giovani con disturbi alimentari in Italia sono aumentati del 40%. Secondo l’Oms, i disturbi alimentari sono la seconda causa di morte tra i 12 e i 25 anni.

Dieci incontri gratuiti

Unendo scienza medica e arte culinaria, il progetto intende aiutare chi soffre di disturbi del comportamento alimentare a ristabilire un rapporto armonico con il cibo, con se stessi e con la vita, attraverso role play, workshop e incontri a tavola, ripercorrendo le tappe evolutive determinanti sia per la costruzione del sé sia per lo  sviluppo del corpo a livello biochimico. Poiché è proprio attraverso  l’alimentazione che si mettono in atto gli aspetti primordiali della relazione e dell’affettività e si determina il nostro microbiota intestinale. L’iniziativa si articolerà in 10 incontri gratuiti che dal 3 febbraio animeranno il programma di ‘Lifeness #Cibo ‘Amic0’ presso l’Accademia di Arti Culinarie ‘Italian Chef Academy’: “dalla “pasta che non ingrassa”, alla scoperta sensoriale dei cereali, dal ciambellone con inulina (fibra di cicoria al 100%), all’uovo di Pasqua senza zucchero.

Un grande pranzo per concludere il percorso

Il comitato scientifico, presieduto da Daniela Galdi, ideatrice del progetto “Lifeness #Cibo Amico” e presidente di Associazione Italiana Chef, vede coinvolti: Lucio Rinaldi, psichiatra psicoterapeuta, professore di Psichiatria presso l’Università  Cattolica del Sacro Cuore e responsabile del Day-Hospital di Psichiatria dell’Area Adolescenza e disturbi della Nutrizione presso il Policlinico Gemelli, Giuseppe Merra, medico di medicina interna, dottore di ricerca in onco-biologia e oncologia, professore in Scienze e Tecniche dietetiche applicate presso l’Università di Tor Vergata di Roma, tra i massimi esperti di microbiota. Il percorso si concluderà a tavola: l’ultimo incontro sarà dedicato ad un grande pranzo nel quale i partecipanti potranno invitare parenti e amici nel giardino dell’accademia. Il pranzo sarà interamente ideato e preparato dai ragazzi con l’ausilio di chef professionisti che li guideranno nella realizzazione dei piatti. Festa di chiusura con diplomi e musica.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.
Lavoro

Nasce “Elenco Professionisti”, il network digitale di Consulcesi Club dedicato agli specialisti della Sanità

L’obiettivo è aiutare il professionista a migliorare la sua visibilità all’interno della comunità medico-scientifica e facilitare i contatti tra operatori. Simona Gori...