Advocacy e Associazioni 13 Giugno 2024 16:00

Diritto alle cure, Emergency: “In Italia ancora troppe barriere amministrative, burocratiche ed economiche”

Nel 2023 Emergency, nei suoi ambulatori mobili e fissi in Italia, ha accolto 9.715 persone e ha erogato in modo gratuito 42.525 prestazioni socio-sanitarie

di I.F.
Diritto alle cure, Emergency: “In Italia ancora troppe barriere amministrative, burocratiche ed economiche”

Ostacoli burocratici, difficoltà amministrative per l’ottenimento dei requisiti nell’accesso alle cure, scarso riconoscimento dei diritti della persona, difficoltà a muoversi in un sistema sanitario complesso. Ecco alcune delle principali barriere che, secondo Emergency, oggi in Italia “impediscono il diritto alla salute” di cittadini stranieri e italiani. Nel 2023 Emergency, nei suoi ambulatori mobili e fissi in Italia, ha accolto 9.715 persone e ha erogato in modo gratuito 42.525 prestazioni socio-sanitarie. I primi dieci Paesi di provenienza dei pazienti che si sono rivolti nei nostri ambulatori d sono stati Italia (12,1%), Nigeria (10,24%), Marocco (8,77%), Tunisia (7,86%), Bangladesh (6,69%), Romania (6,4%), Perù (4,9%), Senegal (4,62%), Ghana (3,42%) e Ucraina (3,34%)”. Gli uomini hanno rappresentato il 64% dell’utenza, mentre le donne il 36%. Le persone che si sono rivolte a Programma Italia appartenevano principalmente alla fascia d’età tra i 18-40 anni (48,1%). A seguire la fascia d’età 41-60 anni (28,4%), maggiori di 60 anni (12,4%), la fascia di età 0-5 anni (4,8%), la fascia di età 6-14 anni (4,7%) e la fascia di età 15-17 anni (1,5%).

Cos’è Programma Italia

Programma Italia interviene nelle periferie delle grandi città e nei territori dove il diritto alla salute non è garantito. Attraverso gli ambulatori mobili, Emergency lavora per rendere concreto il diritto alle cure a Rosarno in Calabria e nella ‘fascia trasformata’ a Ragusa in Sicilia, aree dove i lavoratori braccianti vivono ancora in alloggi fatiscenti, sfruttati sul lavoro. “Gli ambulatori sono presenti anche nelle periferie delle grandi città, come Milano e Napoli, dove vediamo aumentare le disuguaglianze”, spiega Emergency. “Qui viene offerto un servizio socio-sanitario di prossimità rivolto a chiunque ne abbia bisogno – spiega Andrea Bellardinelli, direttore di Programma Italia -. I nostri utenti appartengono alle fasce vulnerabili della popolazione. Non riescono in modo autonomo a districarsi nelle complesse pratiche burocratiche dei servizi sanitari territoriali, a ottenere i documenti sanitari per avere accesso alle cure, a pagare i ticket. Così finiscono per rinunciare a curarsi. Emergency agisce in questo limbo”. Nelle strutture Emergency offre gratuitamente prestazioni di medicina di base, assistenza infermieristica, mediazione socio-sanitaria e ascolto psicologico. Lo staff comprende medici di base, infermieri, pediatri, psicologi, mediatori culturali e logisti. Nell’ambulatorio a Marghera sono offerte anche prestazioni odontoiatriche.

L’identikit dei pazienti

Nel 2023 “il 42,7% degli utenti erano pazienti extra Ue con permesso di soggiorno; il 35,7% pazienti extra UE senza permesso di soggiorno; il 11,9% pazienti italiani; il 5,2% pazienti europei privi dei requisiti per l’iscrizione al Servizio sanitario nazionale e il 3,2% pazienti europei con i requisiti per l’iscrizione al Ssn”, ricorda Emergency nel report. Sempre nel 2023 sono state erogate 42.525 prestazioni di cui 19.908 prestazioni di mediazione socio-sanitaria. 10.887 prestazioni di medicina generale; 8.512 prestazioni infermieristiche; 1.852 prestazioni odontoiatriche; 849 colloqui con lo psicologo e 363 prestazioni pediatriche. Nel 2023 tra le principali criticità risolte dagli operatori di Programma Italia, “ci sono state le difficoltà di accesso al percorso di cura; la richiesta della tessera sanitaria e la richiesta del codice Stp (Straniero Temporaneamente Presente), cioè lo strumento che consente l’accesso alle strutture sanitarie per i cittadini stranieri ‘irregolari'”, evidenzia l’associazione. “Deve fare riflettere il dato sulle prestazioni di mediazione, le più numerose: significa che sui territori ci sono ancora molte difficoltà amministrative e burocratiche che rendono difficile accedere direttamente alle strutture sanitarie. La burocrazia spesso rappresenta un ostacolo alla possibilità di curarsi – conclude Sauro Forni, coordinatore degli infermieri di Programma Italia –. Inoltre circa il 58% dei pazienti supportati nel 2023 erano al loro primo incontro con gli ambulatori di Emergency a dimostrazione della capacità dell’organizzazione di intercettare le nuove forme di disagio e vulnerabilità”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

In arrivo il nuovo Piano Nazionale Cronicità. Previsto maggior coinvolgimento dei pazienti e dei caregiver

Il documento redatto dal Ministero della Salute sbarca in Stato-Regioni. Nelle fasi e negli obiettivi che lo compongono, l'erogazione di interventi personalizzati attraverso il coinvolgimento di pazie...
di G.R.
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...