Advocacy e Associazioni 20 Marzo 2024 12:02

Autismo, a Roma negozi senza barriere. Al via la Campagna per ridurre gli stimoli sensoriali

Martino (ScopriAmo l’Autismo): “Circa il 90/95% delle persone autistiche ha difficoltà sensoriali  e sappiamo che l’autismo ha uno spettro di manifestazioni ampissimo, ma quella delle alterazioni sensoriali può essere considerato un filo conduttore che riguarda una percentuale molto alta di persone”

di I.F.
Autismo, a Roma negozi senza barriere. Al via la Campagna per ridurre gli stimoli sensoriali

Ore di calma sensoriale per facilitare i soggetti autistici: al via in decine di attività commerciali e punti vendita l’iniziativa lanciata da ScopriAmo l’Autismo che chiede di ridurre le barriere sensoriali, ossia musica e luci che creano gravi disagi ai soggetti autistici. Hanno già aderito tutti i supermercati della catena Elite presenti a Roma, le farmacie comunali Farmacap e, a partire da mese di maggio, diversi store della catena Mc Donald. “Circa il 90/95% delle persone autistiche ha difficoltò sensoriali – ha detto Margareth Martino, medico e vicepresidente dell’associazione ScopriAmo l’Autismo – e sappiamo che l’autismo ha uno spettro di manifestazioni ampissimo, ma quella delle alterazioni sensoriali può essere considerato un filo conduttore che riguarda una percentuale molto alta di persone”.

Una Campagna che lancia un “messaggio di civiltà”

Mentre una persona neurotipica è in grado di filtrare tutti gli stimoli che vengono dall’esterno, le persone nello spettro dell’autismo subiscono tutti gli stimoli esterni contemporaneamente fino a produrre crisi, con reazioni di ‘meltdown’. L’idea di ScopriAmo l’Autismo è quella di lanciare un “messaggio di civiltà  – ha aggiunto Martino – perché penso che sia tutta la società che deve accogliere questo tipo di condizione e sostenere le persone autistiche nel percorso di inclusione”.

Abbattere le barriere architettoniche per l’autismo

La soluzione è  quella chiedere agli esercizi commerciali di prendere misure per rendere l’ambiente più accogliente ed eliminare le ‘barriere  architettoniche per l’autismo’, eliminando musica e riducendo l’intensità delle luci almeno due ore a settimana, e aiutare i dipendenti dei punti vendita a inquadrare meglio le crisi che possono occorrere in questi bambini. Un’iniziativa che ha preso il via pochi giorni fa a Roma da decine di esercizi commerciali ma non si pone limiti di tempo e punta a diffondersi nel modo più esteso possibile per dare un supporto concreto alle circa 600 mila famiglie che hanno almeno un familiare nello spettro autistico.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...