Speciale Donna è Salute 22 dicembre 2017

Italia, un Paese (troppo) per vecchi. Vaccaro (Censis): «Puntiamo su salute donne e sulla Francia degli anni Settanta»

La ricetta della Responsabile Salute e Welfare del Censis Ketty Vaccaro: «Stabilizzazione lavorativa, politiche di sostegno alla famiglia e rinegoziazione dei ruoli familiari con un occhio alla Francia…»

Immagine articolo

L’Italia sta rimpicciolendo. Non geograficamente, certo, ma demograficamente. Il 51° Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese descrive a chiare lettere un’Italia caratterizzata dalla riduzione della natalità, dall’invecchiamento e dal calo della popolazione; un Paese in cui la decisione di fare un figlio viene rimandata sempre più in là e in cui neanche l’input degli immigrati è più sufficiente a contrastare la decrescita della popolazione; un Paese sempre più anziano, con tutte le ovvie conseguenze per il Sistema Sanitario Nazionale e per la lotta alle cronicità.

Nel 2016 la popolazione è diminuita di 76.106 persone, dopo che nel 2015 si era ridotta di 130.061. Il tasso di natalità si è fermato a 7,8 per 1.000 residenti, segnando un nuovo minimo storico di bambini nati (solo 473.438). La compensazione assicurata dalla maggiore fertilità delle donne straniere si è ridotta. A fronte di un numero medio di 1,26 figli per donna italiana, il dato delle straniere è di 1,97, ma era di 2,43 nel 2010. Nel 1991 i giovani di 0-34 anni (26,7 milioni) rappresentavano il 47,1% della popolazione, nel 2017 sono scesi al 34,3% (20,8 milioni). Pesa anche la spinta verso l’estero: i trasferimenti dei cittadini italiani nel 2016 sono stati 114.512, triplicati rispetto al 2010 (39.545). Il ricambio generazionale non viene assicurato e gli over 64 anni superano i 13,5 milioni (il 22,3% della popolazione). E le previsioni annunciano oltre 3 milioni di anziani in più già nel 2032, quando saranno il 28,2% della popolazione complessiva.

«Questo è un Paese che ha tutte le caratteristiche del declino demografico – ha commentato ai nostri microfoni Ketty Vaccaro, Responsabile dell’Area Salute e Welfare del Censis -. Aumentano le persone anziane, si riduce la popolazione e soprattutto la natalità rimane ai minimi storici: ormai sono tre anni che non raggiungiamo neanche il livello psicologico dei 500mila nati l’anno».

Ed è soprattutto questo dato a preoccupare gli esperti del settore. Ma perché non si fanno più figli? «Quello della bassa natalità è certamente un problema generale che riguarda la precarizzazione della condizione giovanile – risponde la Dottoressa Vaccaro -: una precarizzazione lavorativa che sta tuttavia diventando una precarizzazione esistenziale. L’investimento nel futuro per antonomasia, che è quello di fare un figlio, diventa molto difficile in condizioni di vita e di lavoro come quelle che vivono le nuove generazioni. È necessario agire sul lavoro, quindi, per migliorare la natalità. Anche se sembra paradossale, i due aspetti sono fortemente connessi. Se si comincia ad avere l’opportunità di diventare mamma dopo i 30 anni, è chiaro che le possibilità di avere un secondo o un terzo figlio diminuiscono drasticamente. E ricordiamo che in Italia abbiamo l’età media di nascita del primo figlio più alta, a 31 anni».

«Un altro aspetto necessario per rilanciare la natalità – prosegue la Dottoressa – è il reale sviluppo delle politiche familiari. E per avere un modello da cui prendere spunto non dobbiamo andare molto lontano. Basta guardare alla Francia degli anni Settanta, che aveva una situazione molto simile alla nostra: anche lì c’era una caduta della natalità e una diminuzione della popolazione. Come si è intervenuti? Migliorando sotto diversi aspetti e sotto diverse angolazioni tutte le politiche di sostegno alla famiglia: dal pagamento della baby sitter alle soluzioni di lavoro più utili per riuscire a conciliare i tempi di vita e i tempi di lavoro per uomini e donne. Ad oggi la decisione di fare un figlio è una decisione che cade totalmente in capo alla mamma e al papà e i sostegni concreti sono molto limitati».

«C’è poi un problema culturale trasversale che secondo me andrebbe messo in evidenza, e cioè la necessità di rinegoziare i ruoli familiari. Oggi le donne italiane – puntualizza la Dottoressa Vaccaro – sono ancora le principali responsabili della cura della famiglia e della prole. Se questo aspetto non sarà riequilibrato all’interno delle relazioni di coppia, credo che questo esito di privatizzazione della maternità e della paternità sortirà effetti ancora più negativi».

«Per ottenere il rilancio della natalità in Italia è necessario prendere contestualmente in considerazione tutti questi aspetti – conclude -. La decisione di fare un figlio deve rimanere una decisione individuale, ma deve essere sostenuta perché i figli non si fanno solo per se stessi, si fanno anche per la società».

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Nuovi LEA, assistenza psicologica diventa diritto. Lazzari (CNOP): «Svolta per professione e cittadini»

«Grazie ai nuovi Livelli Essenziali di Assistenza, il supporto psicologico sarà garantito». Con Davide Lazzari, coordinatore della Task Force sui LEA, istituita dall’Ordine degli Psicologi, riper...
di Isabella Faggiano
Salute

Carenza medici, Anaao: «35mila specialisti via nei prossimi cinque anni». Biasci (FIMP): «Pediatri a rischio, servono risorse e strutture»

Studio rivela: dai cardiologi ai ginecologi, dieci specializzazioni a rischio estinzione. Palermo: «Aumentare le borse di studio o far accedere i giovani medici al Ssn dopo la laurea». Il Presidente...
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Lavoro

Medici in pensione, liquidato il primo cumulo e gli aumenti per inflazione. Ecco quanto crescono gli assegni

L’Enpam comunica che appena le autorità vigilanti daranno il via libera arriveranno gli adeguamenti scattati dal primo gennaio con tutti gli arretrati. Intanto arriva la liquidazione della prima pe...