Salute 27 maggio 2014

Medici in fuga, l’Italia perde talenti… e denaro 

Per i giovani FNOMCeO la soluzione è ampliare le competenze regionali sui contratti di formazione

Immagine articolo

Chiudere la stalla dopo che i buoi sono fuggiti. Si prova ad evitarlo anche se “rafforzare” le frontiere non sembra affatto un’operazione semplice. Anche l’Osservatorio Giovani FNOMCeO ha affrontato la questione della fuga all’estero dei camici bianchi.

Hanno fatto la valigia più di quattromila medici tra il 2009 ed il 2013: in media, su 7mila laureati, ne partono 700 ogni anno. Si tratta del 2%, una percentuale che sulla carta non dovrebbe essere così preoccupante, ma che invece lo è perché questa stima tiene conto solo di chi ha chiesto di essere cancellato dagli albi nazionali. In tanti, invece, partono senza farlo e questo potrebbe, dunque, significare che il numero dei medici in fuga potrebbe essere molto più ampio.

C’è un rimedio? Secondo FNOMCeO una recente sentenza della Corte Costituzionale può diventare un appiglio importante dando maggior peso alle Regioni sui contratti di formazione. Questi ultimi sono infatti “nazionali” e fissati da un accordo stretto tra Ministero della Salute e Università. Secondo la Corte di Cassazione, invece, “ogni regione può chiedere che i contratti specialistici da essa promossi, una volta trasformati in medici specialisti, non escano dal proprio territorio”. Sarebbe, insomma, questa la strada per dare qualche certezza in più ai giovani camici bianchi.

Va detto però che all’estero, ed in particolare in Inghilterra, non si trova semplicemente un posto di lavoro. Ci sono opportunità di carriera molto allettanti e una formazione sul campo qualitativamente superiore. Serve una soluzione, non c’è dubbio, ma la questione va affrontata nella sua globalità e con una cura efficace e non ricorrendo solo a dei semplici palliativi. Senza sottovalutare un aspetto non proprio secondario: la fuga all’estero non fa perdere solo cervelli al nostro Paese ma anche parecchi soldi allo Stato. Secondo una ricostruzione effettuata da Page Personnel, il “costo” di un neoprofessionista che si forma in Italia e plana altrove dopo i primi intralci nel mercato del lavoro è di 40mila euro. Le conseguenze, per ora, sono tutte teoriche ma, considerando i numeri di chi ha preso il volo, si arriva nel complesso a svariati miliardi. Si rischia, quindi, di unire al danno anche una beffa.

Articoli correlati
Sanità internazionale
Restare o partire? Il dubbio dei giovani medici...
La protesta dei Giovani Medici: flash mob al MIUR
Chiesta trasparenza e meritocrazia nelle selezioni e un piano triennale per gli sbocchi lavorativi
Medici in fuga: la Germania “fa shopping” di camici bianchi italiani
L'Istat registra un nuovo picco di partenze: il Regno Unito resta la meta preferita, ma i tedeschi insidiano il primato con un portale che offre 8mila posti di lavoro in campo sanitario
Aperto il triennio CEOM a guida italiana: l’Europa affronta i problemi della sanità
Primo appuntamento a Roma: la demografia medica tra i temi più dibattuti. Le interviste a Monique Gautchey e Patrick Romestaing
Il mercato immobiliare londinese parla italiano: medici in prima linea
Sorpassati anche russi e arabi. Il trend di crescita, secondo gli esperti, si manterrà costante per i prossimi cinque anni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...