Salute 15 luglio 2014

Malpractice: con la conciliazione giustizia più veloce e meno ingolfata

Anche per il ministro agli Affari Regionali Maria Carmela Lanzetta può essere una soluzione efficace

Immagine articolo

Nasce sotto i migliori auspici la proposta di legge della Regione Lazio, denominata “Norme per favorire la conciliazione nelle controversie sanitarie e in materia di servizi pubblici”, e presentata nei giorni scorsi a Roma presso l’Istituto Regionale di Studi Giuridici del Lazio “Arturo Jemolo”.

Il ricorso alla conciliazione, infatti, per risolvere in tempi brevi le controversie  – sanitarie e non –  che sorgono tra la Pubblica Amministrazione e i cittadini, è una soluzione che soddisfa e bilancia due fattori. Da un lato, la necessità di sveltire la complessa macchina burocratica italiana, che vede sempre più procedimenti nascere e concludersi in un “nulla di fatto”, con ingenti ripercussioni economiche sull’intera società, e l’esigenza di tutelare efficacemente le parti in causa. Un giusto compromesso che raccoglie il plauso, tra gli altri, del ministro per gli Affari Regionali Maria Carmela Lanzetta, che Sanità Informazione ha intervistato proprio su questo tema.

Ministro, il tema della conciliazione riferito alle strutture pubbliche e alle competenze del settore pubblico, forse è la soluzione migliore per evitare lungaggini burocratiche.
Questa legge regionale rappresenterebbe una semplificazione notevole, soprattutto verso i diritti dei cittadini. Queste “buone pratiche” amministrative andrebbero comprese, votate, fatte conoscere e magari esportate ad altre amministrazioni dello Stato e ad altre regioni. Poter ridurre il contenzioso sanitario, sempre nell’ottica di un servizio reso ai cittadini, è certamente auspicabile e condivisibile.

Anche per i medici, come per gli altri professionisti, a breve scatta l’obbligo assicurativo, per coprire i casi di malpractice che spesso sfociano nel nulla. Forse questa strada eviterebbe anche il moltiplicarsi di contenziosi.
Credo proprio di sì, soprattutto in quelle regioni il cui sistema sanitario versa in gravi condizioni. Credo sia necessario approfondire le motivazioni che spingono i cittadini a chiedere un risarcimento: è il nostro punto di partenza per poter dare loro risposte efficaci nel più breve tempo possibile.

Articoli correlati
Città della Salute di Torino, nasce la nuova palestra per riabilitazione e fisioterapia
Grazie alla sinergia tra il Progetto Pinocchio – che ha sostenuto economicamente il progetto – la Fondazione per la Ricerca sui Tumori dell’Apparato Muscoloscheletrico e Rari Onlus, è stato possibile inaugurare la nuova palestra all’XI piano dell’ospedale CTO della Città della Salute di Torino, presso la Chirurgia Oncologica Ortopedica. L’intervento è stato eseguito per portare […]
Walter Ricciardi eletto alla presidenza italiana della WFPHA
Il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Walter Ricciardi, è stato eletto a Ginevra Presidente della World Federation of Public Health Association (WFPHA). «Sono onorato di questa carica che permetterà di portare la nostra tradizione della Sanità pubblica in tutto il mondo – afferma il Presidente Walter Ricciardi – la presidenza italiana è infatti un’occasione per sostenere […]
Tennis&Friends al Foro Italico: i vip scendono in campo per la prevenzione
Tennis&Friends, il torneo Celebrities che unisce Salute, Sport, Solidarietà e Spettacolo ha registrato quest’anno 6000 presenze e 850 check up gratuiti. Giorgio Meneschincheri (Gemelli): «Oltre 50mila visite specialistiche in sei anni. In Italia la percentuale di mortalità è molto più alta nelle città in cui non viene fatta prevenzione»
OMS, al via l’Assemblea Mondiale. L’agenda del Direttore Tedros: più sanità per tre miliardi di persone
Pubblicato il World Health Statistics 2018. Ecco gli obiettivi dei prossimi cinque anni che i delegati dei 194 Paesi membri dell'Organizzazione Mondiale della Sanità stanno discutendo a Ginevra
Regione Lazio, Giuseppe Simeone presidente Commissione Sanità: «Serve riequilibrio tra Roma e province»
L’esponente di Forza Italia eletto con 10 voti. Vice presidenti Loreto Marcelli (M5S) e Paolo Ciani (Centro Solidale). Tra i componenti anche Davide Barillari (M5S) e Stefano Parisi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«Sono un medico e non provo emozioni». Ecco cos’è il burnout

«È tardi. Arriva la mia ultima paziente. Dai suoi esami emergono cattive notizie. Il tumore è cresciuto. So come comportarmi in questi casi. Parlo piano, utilizzo le parole “giuste”. Lei crolla...
Lavoro

Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»

L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai st...
Lavoro

Silvestro (Past President FNOPI): «Copiamo i medici e introduciamo infermieri di famiglia e infermieri specialisti»

L’ex Senatrice PD descrive la figura dell’infermiere di famiglia elencandone ruoli e benefici e auspica il riconoscimento delle specializzazioni infermieristiche