Formazione 9 agosto 2016

Costanzo (INMP): «Migranti e salute, sfide difficili e sempre nuove per i medici del progetto CARE»

L’Istituto Nazionale Salute, Migrazioni e Povertà è capofila del progetto a cui lavorano cinque stati europei. Il coordinatore Gianfranco Costanzo: «Accogliamo e curiamo le popolazioni migranti negli “Hotspot” in Italia e in Grecia. Formazione ad hoc per il nostro personale sanitario, chiamato ad affrontare sfide difficili e sempre diverse»

Una tessera sanitaria per migranti. A questo sta lavorando l’INMP (Istituto Nazionale Salute, Migrazioni e Povertà), eccellenza italiana per quel che riguarda l’assistenza sanitaria degli immigrati e delle persone in difficoltà economiche e sociali. Partito alcuni mesi fa, il “progetto CARE” (Common Approach for REfugees and other migrants’ healt), di cui l’istituto è coordinatore, ha lo scopo di promuovere e sostenere la salute dei migranti e della popolazione negli Stati Membri a forte pressione migratoria, e lo fa attraverso strumenti all’avanguardia e personale sanitario altamente formato per affrontare al meglio le difficili e sempre diverse situazioni a cui si deve far fronte in un’emergenza come quella migratoria. Il progetto è co-finanziato dall’Agenzia CHAFEA della Commissione Europea (Consumers, Health, Agriculture and Food Executive Agency) nell’ambito del Terzo Programma Quadro ed è condotto da un partenariato composto, oltre che dall’INMP, da altri 15 enti pubblici e privati dei Paesi Membri partecipanti (Italia, Grecia, Malta, Slovenia e Croazia). Ne abbiamo parlato con Gianfranco Costanzo, direttore Unità operativa gestione progetti dell’INMP e coordinatore del “Progetto CARE”.

«Il “Progetto CARE”, sviluppato a livello europeo, si occupa di fornire la miglior risposta in termini di salute ai migranti che giungono sulle coste del nostro continente. Il migrante viene assistito nei due hotspot in Italia, ovvero Lampedusa e Trapani Milo, e nei due in Grecia, sull’isola di Kos e sull’isola di Eros, attraverso la presenza di gruppi multidisciplinari formati da medici, psicologi, dermatologi e anche infettivologi e strumenti creati ad hoc. Di estrema utilità risulta essere la scheda sanitaria digitale che permette al migrante di essere curato anche da un altro medico quando lascia l’hotspot, ottenendo così quella continuità sanitaria a cui spesso non accede».

Quanto è importante raccogliere informazioni per fare una mappatura delle varie esigenze sanitarie che presentano questi immigranti per poter dare un servizio migliore?

«Noi partiamo dal concetto di medicina di comunità, dove la salute del singolo è importante non solo per se stesso ma lo è anche per la comunità che lo accoglie. Sappiamo che molte delle persone che arrivano negli hotspot, quindi nei nostri centri di accoglienza, poi entreranno nel territorio nazionale perché sono richiedenti asilo e quindi vedranno riconosciuto un diritto sia in Italia sia in altri Paesi. Per questo ci dobbiamo assolutamente assicurare che queste persone siano in buona salute. Noi rispondiamo tecnicamente, al momento, dentro queste strutture, ma riteniamo che la salute dei singoli debba essere monitorata e tenuta sotto controllo anche al di fuori di queste strutture. Il motivo per cui abbiamo pensato di strutturare una raccolta di dati sanitari che possa seguire la persona, e di questo strumento in particolar modo se ne sta occupando direttamente la Croce rossa italiana e il Ministero della salute, è quello di erogare adeguate prestazioni sanitarie ai migranti, perché provenendo appunto da altri Paesi, possono avere esigenze diverse dalle nostre».

Il personale sanitario che opera in queste zone ha bisogno di una formazione particolare, corsi di aggiornamento specifici?

«Sì, i nostri team multidisciplinari hanno da poco fruito di una formazione erogata proprio nell’ambito del “Progetto CARE”, sia su tematiche trasversali come la comunicazione efficace, la transculturalità o la medicina alle migrazioni, sia su alcuni argomenti verticali come le problematiche emergenti della dermatologia su cute scura, le malattie infettive maggiormente diffuse all’interno di comunità ristrette, così come sull’uso di strumenti che stiamo elaborando per la determinazione dell’età anagrafica di minori non accompagnati, strumenti alternativi alla radiografia del polso che è stata estensivamente utilizzata fino ad oggi ma è assolutamente poco accurata».

 

 

Articoli correlati
Migranti e salvaguardia salute: OIS lancia il suo piano per formazione e supporto medici
Parte la nuova iniziativa del progetto Sanità di Frontiera, promosso dall’Osservatorio Internazionale per la Salute, dedicato alla medicina delle migrazioni. I più autorevoli esperti del settore dal 19 al 22 settembre nella sede nazionale Centro Astalli a Roma per formare medici e operatori sanitari: oltre 600 richieste in appena 20 giorni nel solo mese di agosto, aumentato a 40 il numero dei posti. In arrivo anche un corso di Formazione a Distanza (FAD) per consentire a tutti gli operatori di avere le competenze e le conoscenze per gestire le patologie fisiche e psico-emozionali del fenomeno migratorio
Bambini disabili: lo sport giusto fa bene. Ma lo deve prescrivere il medico: dal tennis al nuoto, ecco i consigli
L’attività fisica è un elemento fondamentale nella crescita ed evoluzione psicofisica dei giovani. Bambini e adolescenti affetti da malattie croniche e disabilità non devono fare eccezione. I consigli dello specialista esperto per la scelta delle attività più indicate nelle differenti situazioni patologiche
Migranti e salute, le indicazioni del SIMM. Marceca: «Puntare su formazione personale e corretta comunicazione»
Il Presidente della Società Italiana di Medicina delle Migrazioni spiega ai nostri microfoni quali sono i benefici di un corretto approccio al processo migratorio: «Gli operatori sanitari devono essere addestrati adeguatamente ad affrontare qualsiasi situazione». E aggiunge: «La capacità di curare gruppi di popolazione più vulnerabili fa crescere anche la qualità dei servizi forniti agli “autoctoni”»
Immigrazione, presentate le linee guida per uniformare controlli sanitari. Mirisola (INMP): «Ora la vera sfida è renderle concrete»
«I controlli alla frontiera, la frontiera dei controlli», è questo il titolo del documento presentato da INMP, ISS e SIMM alla Camera dei Deputati con l’obiettivo di standardizzare gli approcci assistenziali per migranti e profughi. Le linee guida «colmano il vuoto che si crea tra lo sbarco e il centro di accoglienza», ha spiegato Ranieri Guerra, direttore generale della Prevenzione del Ministero della Salute
INMP presenta la Linea Guida su “controlli sanitari all’arrivo e percorsi tutela per migranti ospiti nei centri di accoglienza”
Il Documento è il primo contributo scientifico a livello europeo su un tema di sanità pubblica estremamente attuale e verrà presentato alla presenza del Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, il 24 luglio alle ore 17.30 presso la sala stampa della Camera dei Deputati
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Formazione

Test medicina: proteste davanti atenei. Ben 124 i posti in meno rispetto al 2016, arriva interrogazione parlamentare

Anche quest’anno al via i test d’ingresso per le facoltà a numero chiuso. Ad aprire le danze Medicina e odontoiatria con 67mila domande d’iscrizione e 124 posti in meno rispetto al 2016. Intant...