Salute 9 agosto 2016

Costanzo (INMP): «Migranti e salute, sfide difficili e sempre nuove per i medici del progetto CARE»

L’Istituto Nazionale Salute, Migrazioni e Povertà è capofila del progetto a cui lavorano cinque stati europei. Il coordinatore Gianfranco Costanzo: «Accogliamo e curiamo le popolazioni migranti negli “Hotspot” in Italia e in Grecia. Formazione ad hoc per il nostro personale sanitario, chiamato ad affrontare sfide difficili e sempre diverse»

Una tessera sanitaria per migranti. A questo sta lavorando l’INMP (Istituto Nazionale Salute, Migrazioni e Povertà), eccellenza italiana per quel che riguarda l’assistenza sanitaria degli immigrati e delle persone in difficoltà economiche e sociali. Partito alcuni mesi fa, il “progetto CARE” (Common Approach for REfugees and other migrants’ healt), di cui l’istituto è coordinatore, ha lo scopo di promuovere e sostenere la salute dei migranti e della popolazione negli Stati Membri a forte pressione migratoria, e lo fa attraverso strumenti all’avanguardia e personale sanitario altamente formato per affrontare al meglio le difficili e sempre diverse situazioni a cui si deve far fronte in un’emergenza come quella migratoria. Il progetto è co-finanziato dall’Agenzia CHAFEA della Commissione Europea (Consumers, Health, Agriculture and Food Executive Agency) nell’ambito del Terzo Programma Quadro ed è condotto da un partenariato composto, oltre che dall’INMP, da altri 15 enti pubblici e privati dei Paesi Membri partecipanti (Italia, Grecia, Malta, Slovenia e Croazia). Ne abbiamo parlato con Gianfranco Costanzo, direttore Unità operativa gestione progetti dell’INMP e coordinatore del “Progetto CARE”.

«Il “Progetto CARE”, sviluppato a livello europeo, si occupa di fornire la miglior risposta in termini di salute ai migranti che giungono sulle coste del nostro continente. Il migrante viene assistito nei due hotspot in Italia, ovvero Lampedusa e Trapani Milo, e nei due in Grecia, sull’isola di Kos e sull’isola di Eros, attraverso la presenza di gruppi multidisciplinari formati da medici, psicologi, dermatologi e anche infettivologi e strumenti creati ad hoc. Di estrema utilità risulta essere la scheda sanitaria digitale che permette al migrante di essere curato anche da un altro medico quando lascia l’hotspot, ottenendo così quella continuità sanitaria a cui spesso non accede».

Quanto è importante raccogliere informazioni per fare una mappatura delle varie esigenze sanitarie che presentano questi immigranti per poter dare un servizio migliore?

«Noi partiamo dal concetto di medicina di comunità, dove la salute del singolo è importante non solo per se stesso ma lo è anche per la comunità che lo accoglie. Sappiamo che molte delle persone che arrivano negli hotspot, quindi nei nostri centri di accoglienza, poi entreranno nel territorio nazionale perché sono richiedenti asilo e quindi vedranno riconosciuto un diritto sia in Italia sia in altri Paesi. Per questo ci dobbiamo assolutamente assicurare che queste persone siano in buona salute. Noi rispondiamo tecnicamente, al momento, dentro queste strutture, ma riteniamo che la salute dei singoli debba essere monitorata e tenuta sotto controllo anche al di fuori di queste strutture. Il motivo per cui abbiamo pensato di strutturare una raccolta di dati sanitari che possa seguire la persona, e di questo strumento in particolar modo se ne sta occupando direttamente la Croce rossa italiana e il Ministero della salute, è quello di erogare adeguate prestazioni sanitarie ai migranti, perché provenendo appunto da altri Paesi, possono avere esigenze diverse dalle nostre».

Il personale sanitario che opera in queste zone ha bisogno di una formazione particolare, corsi di aggiornamento specifici?

«Sì, i nostri team multidisciplinari hanno da poco fruito di una formazione erogata proprio nell’ambito del “Progetto CARE”, sia su tematiche trasversali come la comunicazione efficace, la transculturalità o la medicina alle migrazioni, sia su alcuni argomenti verticali come le problematiche emergenti della dermatologia su cute scura, le malattie infettive maggiormente diffuse all’interno di comunità ristrette, così come sull’uso di strumenti che stiamo elaborando per la determinazione dell’età anagrafica di minori non accompagnati, strumenti alternativi alla radiografia del polso che è stata estensivamente utilizzata fino ad oggi ma è assolutamente poco accurata».

 

 

Articoli correlati
Migranti e povertà sanitaria: cresce la richiesta al Banco Farmaceutico, soprattutto nel Lazio
La povertà sanitaria è un’emergenza quotidiana ed un fenomeno che colpisce sempre di più migranti e i rifugiati che arrivano e vivono in Italia. In particolare, il Lazio è la regione italiana con maggiore concentrazione di migranti che hanno difficoltà a curarsi in modo adeguato e, per questo, devono ricorrere all’assistenza del Banco farmaceutico. Come riportato […]
Il Museo dell’Iss apre le porte ai migranti
Giovedì 21 dicembre, alle ore 10:00, il Museo dell’Istituto Superiore di Sanità aprirà le porte ai giovani migranti a cui sarà dedicato un ciclo di incontri sulla tutela della salute. Ad accoglierli il Presidente Walter Ricciardi  e il giornalista Pietro Greco; quest’ultimo parlerà delle radici ellenistiche e arabe della cultura scientifica. I ragazzi saranno poi guidati verso l’esplorazione dei contenuti […]
Migranti, nell’anniversario strage di Lampedusa Pietro Bartolo si racconta: «Io, in trincea da 25 anni e record infame sulle spalle»
Quattro anni fa il naufragio e la morte di 368 persone diede il via all’operazione Mare Nostrum: tra critiche e apertura, l’Italia ancora in prima linea nel salvataggio e nell’accoglienza. Il medico protagonista di ‘Fuocoammare’: «La realtà degli sbarchi edulcorata dai media. Necessario abbattere pregiudizi»
Chikungunya, Cappellano (OMCeO Roma): «Occorre riconoscere sintomi rapidamente, i virus esotici possono essere letali»
È allarme Chikungunya a Roma e nel Lazio: 102 casi accertati finora e il numero, a detta degli esperti, è destinato a crescere. «Fronte unito sanità e istituzioni per combattere emergenza» l'intervista a Ernesto Cappellano, Coordinatore Commissione Prevenzione OMCeO Roma
Migranti e salvaguardia salute: OIS lancia il suo piano per formazione e supporto medici
Parte la nuova iniziativa del progetto Sanità di Frontiera, promosso dall’Osservatorio Internazionale per la Salute, dedicato alla medicina delle migrazioni. I più autorevoli esperti del settore dal 19 al 22 settembre nella sede nazionale Centro Astalli a Roma per formare medici e operatori sanitari: oltre 600 richieste in appena 20 giorni nel solo mese di agosto, aumentato a 40 il numero dei posti. In arrivo anche un corso di Formazione a Distanza (FAD) per consentire a tutti gli operatori di avere le competenze e le conoscenze per gestire le patologie fisiche e psico-emozionali del fenomeno migratorio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

INTERVISTA ESCLUSIVA: «Ecco come prevederemo il cancro con una semplice analisi del sangue»

L'intervista alla Professoressa Paterlini – Bréchot: «Il metodo ISET permette di riscontrare la presenza di cellule tumorali in chi ha avuto un tumore e chi è a rischio molto prima rispetto ai me...
Salute

Centrifugati, verdure e succhi di frutta “veri”. I consigli della pediatra per salvare i bambini dall’influenza con la natura

La dottoressa Ricottini, ai microfoni di Sanità Informazione, spiega quali sono i migliori rimedi naturali per combattere e prevenire i sintomi dell’influenza. E sui “dolori della crescita”…
Politica

Firmato contratto per gli statali. Dal 2018 aumenti e tutele sanitarie aggiuntive

Incassata la prima sigla per il rinnovo dei contratti della PA: per 250mila dipendenti sono in arrivo moltissime novità tra cui tutele sanitarie aggiuntive. Si tratta di un risultato storico perché...