Formazione 13 ottobre 2015

e-bola e i medici eroi alla Festa del Cinema di Roma

Il primo film formazione per cittadini e operatori sanitari ospite della rassegna internazionaleIl direttore artistico Antonio Monda: «Film nobile per le finalità e per la tematica trattata»

Immagine articolo

Ebola torna a Roma. Ancora una volta. Ma non allo Spallanzani, come già accaduto con i due casi di contagio. Questa volta il virus che ha falcidiato l’Africa Occidentale è protagonista nella Festa del Cinema di Roma, in scena nella Capitale a partire dal prossimo 16 ottobre.


“e-bola”, il primo film formativo ed informativo al mondo per la classe medica, è stato infatti scelto per far parte della sezione “Risonanze”, dopo il grande successo riscontrato dalla critica mondiale e consacrato con la Tavola rotonda “The e-bola lesson”, promossa da Falcon Production e patrocinata dai Ministeri della Salute e degli Affari Esteri.

La formazione medica sbarca dunque nel cinema con una pellicola, quella che porta la firma di Massimo Tortorella e Christian Marazziti (rispettivamente produttore e sceneggiatore/regista), che ha attirato l’attenzione del Direttore Artistico della Manifestazione, Antonio Monda, che ha voluto inserirlo nella rassegna della festa: «Quella di Ebola – ha spiegato infatti ai microfoni di Sanità informazione – è stata e continua ad essere una delle piaghe peggiori che il mondo si è trovato ad affrontare negli ultimi anni. “e-bola”, in quest’ottica, è un film nobile, sia per la tematica trattata che per il modo in cui è stato girato e realizzato. Insomma, siamo molto felici di ospitarlo nella nostra Festa».

La storia di “e-bola” è quella di un team di ricercatori internazionali che tenta di trovare un vaccino ad un virus che esiste ormai da mezzo secolo. Ma “e-bola” non è soltanto un film tout court. È anche un valido mezzo a disposizione della classe medica italiana ed internazionale per formarsi ed informarsi circa tutto quel che c’è da sapere sulla malattia (come i sintomi, le terapie, le precauzioni da adottare, ecc.) per essere pronti ad affrontarla nel migliore dei modi, per la sicurezza propria e dei pazienti. Il film è infatti affiancato anche da una serie di pillole formative che valgono 16 crediti ECM, elaborate grazie alla consulenza scientifica dell’Istituto per le Malattie Infettive “Lazzaro Spallanzani” e dell’Università “Sapienza” di Roma.

“e-bola” rappresenterà dunque l’Italia in una selezione ricca di titoli di alto livello provenienti da tutto il mondo: «Le parole chiave di quest’anno sono “qualità”, “varietà” e “discontinuità” – spiega ancora il Direttore Artistico Monda –. Le 37 pellicole scelte provengono da ben 24 Paesi. C’è di tutto: commedie, documentari, film d’animazione di registi brasiliani, cinesi, giapponesi, egiziani, e così via».

Fonte: e-bola, film formativo, formazione medica,
Articoli correlati
Corsi di formazione specifica in Medicina Generale: riaperti i termini del concorso
Il Ministero della Salute con atto pubblicato in Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n.57 del 28-7-2017 comunica che le Regioni, a seguito dell’emanazione del DM 7 giugno 2017 (Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 135 del 13 giugno 2017), hanno pubblicato i bandi di riapertura dei termini relativi al concorso per l’ammissione ai corsi di […]
“Ho amici in Paradiso”: la disabilità raccontata dai disabili. ‘Er Cipolla’ Enzo Salvi: «Un grande messaggio sociale»
Disabili? No, attori che mettono in scena la loro realtà. Questa sera su Rai 1 il film di Fabrizio Maria Cortese con i pazienti del Centro di riabilitazione psichica Don Guanella a fare da interpreti con Valentina Cervi e il comico Enzo Salvi che racconta ai microfoni di Sanità Informazione: «Una pellicola che diventerà portabandiera per la disabilità»
Fabrizio Frizzi: «Sulla salute non si scherza, ecco perché voglio medici aggiornati e voglio sapere tutto…»
Il popolare conduttore ai microfoni di Sanità Informazione parla del suo rapporto con la salute ed i camici bianchi: «Non sono ipocondriaco, ma sto attento ai segnali». Il racconto di quando donò il midollo osseo e la sua opinione sulla corretta informazione: «Tutti cerchiamo sul web, ma poi ci affidiamo ad un bravo medico»
Il futuro della chirurgia? Per Acoi viene prima il presente dei giovani
Al congresso di Roma il Presidente Diego Piazza si concentra su due sfide: sistema universalistico e migliori opportunità per i giovani colleghi: «Già tante iniziative in campo, ma stiamo lavorando anche a nuovi accordi»
Numero chiuso medicina: è allarme ricorsi
Flash mob e proteste davanti alle università. Solo uno studente su 7 potrà frequentare medicina e sul test scattano le polemiche sulle irregolarità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Lavoro

«Ritardi e penalizzazioni, no a Italia senza medici» parla Noemi Lopes (FIMMG Giovani), in piazza il 28 settembre

«Un ricambio generazionale sempre più ingessato, una fuga di cervelli sempre più massiccia, crollo della medicina generale: ecco il futuro del comparto medico italiano». Bando per l’accesso alle...