OMCeO, Enti e Territori 9 novembre 2017

80 voglia di crescere, il convegno nazionale Enpam

L’ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza dei Medici e degli Odontoiatri i ha organizzato un convegno nazionale in occasione degli 80 anni dalla sua  fondazione presso il Palazzo  Santa Chiara a Roma. Ad aprire i lavori del convegno nazionale Enpam il Presidente Alberto Oliveti; sono intervenuti, tra gli altri,  Micaela Gelera, attuario e Giampiero Malagnino, Vicepresidente vicario […]

L’ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza dei Medici e degli Odontoiatri i ha organizzato un convegno nazionale in occasione degli 80 anni dalla sua  fondazione presso il Palazzo  Santa Chiara a Roma. Ad aprire i lavori del convegno nazionale Enpam il Presidente Alberto Oliveti; sono intervenuti, tra gli altri,  Micaela Gelera, attuario e Giampiero Malagnino, Vicepresidente vicario Enpa, Eugenio Occorsio, giornalista economico e Domenico Pimpinella, Direttore generale Enpam e Angelo Piazza, giurista. La conduzione è stata affidata al giornalista del Tg1 Francesco Giorgino.

Come riportato sul sito, L’Enpam paga oggi prestazioni previdenziali per 1 miliardo e mezzo all’anno ai suoi 106mila pensionati e conta ben 362mila iscritti tra medici ed odontoiatri. A loro offre un welfare mirato non solo al bisogno (sussidi in caso di necessità) ma orientato anche a dare certezze durante la vita professionale.

I temi principali affrontati nel corso del convegno Enpam sono stati: welfare, investimenti e riforma del sistema di controllo per le Casse. Si è parlato dell’impossibilità per le Casse di attingere al patrimonio per migliorare il welfare dei propri iscritti o affrontare periodi di criticità, perché la legge prevede che i contributi raccolti debbano essere sempre superiori alle prestazioni pensionistiche erogate; una scelta che, secondo l’attuaria Micaela Gelera, ha avuto un effetto negativo sui più giovani, che ha dichiarato: «Il senso di accumulare un patrimonio tramite contributi  è proprio quelli di evitare costi alle generazioni future che non sono a loro imputabili: esattamente quello che accadrà proseguendo su questa strada».

Il convegno è stata l’occasione anche per ipotizzare che il “risparmio” accantonato dai professionisti sanitari potrebbe facilitare l’ingresso nel mondo del lavoro dei giovani, che con i loro contributi pagherebbero le pensioni di chi oggi è in attività. «Abbiamo 15mila laureati in medicina che non riescono a entrare nel Ssn perché non hanno la specializzazione – ha spiegato Giampiero Malagnino, vice presidente vicario di Enpam – e senza nuovi ingressi l’età media di chi oggi è nel sistema è molto alta. Perché non posso fare leva sui miei risparmi previdenziali per pagare le borse di studio di questi colleghi, a patto che lo Stato poi li assuma? In questo modo, rilanciando la sanità, contribuirei a rilanciare il Paese» ribadisce il vice presidente.

La seconda parte del convegno è stata dedicata alle modalità di investimento del patrimonio Enpam, considerato molto sicuro e caratterizzato da una forte componente obbligazionaria. Domenico Pimpinella, direttore generale di Enpam, ha sottolineato la necessità di garantire sicurezza, a partire proprio dalla scelta degli investimenti: «L’obiettivo di questo patrimonio è essere da una parte garanzia del patto generazionale, dall’altro fonte di redditività».

Oggetto del dibattito conclusivo del convegno è stato il controllo sugli enti previdenziali ed il Presidente Alberto Oliveti,  ha quindi concluso i lavori dichiarando: Abbiamo un’autonomia limitata, una fiscalità che ci penalizza rispetto agli altri paesi europei e un sistema di vigilanza complesso dovuto a una definizione ibrida delle Casse, che una volta vengono considerate pubbliche e una volta private. Chiediamo autonomia, modernizzazione e semplificazione, non solo nella struttura dei controlli. Ed è necessaria una defiscalizzazione, perché ogni professionista potrà scegliere un domicilio previdenziale in tutta Europa, e le Casse italiane devono potere competere ad armi pari» ha concluso Oliveti.

Articoli correlati
SMI: ancora violenze sui medici in Sicilia, occorre intervento fermo e tempestivo da parte dello Stato
Il Sindacato dei medici italiani chiede un intervento immediato e deciso del presidente della Regione, Nello Musumeci, e del ministro dell'Interno, Marco Minniti, affinché «lo Stato si schieri in maniera netta dalla parte di chi garantisce il diritto alla salute dei cittadini»
Lombardia, FIMMG CA: «Aumentano le aggressioni ai medici. Sicurezza come priorità»
La sicurezza sul lavoro è una priorità assoluta. Per questo, fa sapere la FIMMG in una nota stampa, parte dalla Lombardia una rilevazione per fotografare l’operatività delle sedi  di Continuità Assistenziale (ex Guardia Medica). «In Lombardia, come nel resto del Paese, negli ultimi mesi sono esponenzialmente aumentate le segnalazioni dei nostri iscritti che testimoniano un […]
Pensioni, ENPAM: «Il cumulo sta arrivando». Vicino il regolamento attuativo di Inps e Casse
Inizia a prendere forma il regolamento attuativo della legge sul cumulo contributivo che permetterà finalmente alle Casse di dare seguito alle istanze già inviate dai propri iscritti per accedere alla misura. «Dopo la riunione tecnica che si è tenuta nei giorni scorsi a Roma – si legge sul sito dell’ENPAM -, l’Inps e le Casse si incontreranno nuovamente […]
Pronto soccorso in tilt, Anaao-Assomed: la Costituzione ha perduto la salute
Tra promesse elettorali e focosi dibattiti sugli schieramenti elettorali qual è l’attenzione dedicata alla salute degli italiani? L’arrivo della stagione invernale e dell’influenza stagionale causano il sovraffollamento dei pronto soccorso provocando pesanti disagi e profondi malesseri a medici e malati. Sull’argomento è intervenuta l’Anaao-Assomed che commenta in un comunicato: «Le immagini che i media diffondono in questi giorni sono chiare, pazienti in barella, […]
Il Sistema Sanitario italiano sta bene: ecco il bilancio del 1° Rapporto Eurispes-Enpam
Il lavoro di ricerca realizzato da Eurispes ed Enpam, sotto l’egida dell’Osservatorio su Salute, Previdenza e Legalità, offre una visione che si discosta nettamente dall’idea diffusa di una sanità pubblica al tracollo e sostanzialmente irriformabile. «Questo Rapporto – dichiara Gian Maria Fara, Presidente Eurispes – ha voluto osservare il sistema della sanità, con l’obiettivo di […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

INTERVISTA ESCLUSIVA: «Ecco come prevederemo il cancro con una semplice analisi del sangue»

L'intervista alla Professoressa Paterlini – Bréchot: «Il metodo ISET permette di riscontrare la presenza di cellule tumorali in chi ha avuto un tumore e chi è a rischio molto prima rispetto ai me...
Salute

Centrifugati, verdure e succhi di frutta “veri”. I consigli della pediatra per salvare i bambini dall’influenza con la natura

La dottoressa Ricottini, ai microfoni di Sanità Informazione, spiega quali sono i migliori rimedi naturali per combattere e prevenire i sintomi dell’influenza. E sui “dolori della crescita”…
Politica

Firmato contratto per gli statali. Dal 2018 aumenti e tutele sanitarie aggiuntive

Incassata la prima sigla per il rinnovo dei contratti della PA: per 250mila dipendenti sono in arrivo moltissime novità tra cui tutele sanitarie aggiuntive. Si tratta di un risultato storico perché...