Mondo assicurativo 18 aprile 2017

Rc professionale e Legge Gelli. «Chi deve aderire a polizza per colpa grave per dipendenti?»

Sono un chirurgo cardiovascolare ed esercito la mia attività esclusivamente presso una struttura accreditata con il SSN in forza di un contratto libero professionale. Vorrei sapere se alla luce della nuova legge, in particolare in base all’Art 7 della stessa, quest’anno posso e debbo aderire alla polizza Rc professionale per colpa grave dei dipendenti. In effetti, […]

di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura

Sono un chirurgo cardiovascolare ed esercito la mia attività esclusivamente presso una struttura accreditata con il SSN in forza di un contratto libero professionale. Vorrei sapere se alla luce della nuova legge, in particolare in base all’Art 7 della stessa, quest’anno posso e debbo aderire alla polizza Rc professionale per colpa grave dei dipendenti.

In effetti, al fine di darle una risposta compiuta, gli articoli della nuova legge Gelli da prendere in considerazione sono due: l’articolo 7 da lei citato ed anche l’articolo 10. L’articolo 10 comma 1 stabilisce i criteri di attribuzione della Responsabilità: la struttura sanitaria che si avvalga dell’opera di esercenti la professione sanitaria anche se scelti dal paziente ed ancorché non dipendenti dalla struttura stessa risponde delle loro condotte colpose e dolose. L’articolo 10 comma 1 stabilisce invece, in maniera coerente al precedente articolo 7, gli obblighi di assicurazione per le strutture: le strutture sanitarie devono essere provviste di idonea copertura assicurativa o di altre analoghe misure per la responsabilità civile verso i terzi ed i prestatori d’opera………..anche peri danni cagionati dal personale a qualunque titolo operante  presso le strutture. L’articolo 10 comma 2 stabilisce gli obblighi di assicurazione per i liberi professionisti che svolgano la loro attività all’esterno delle strutture ovvero che si avvalgano delle stesse nell’adempimento delle proprie obbligazioni contrattuali (in altre parole di quei professionisti che si scelgono e/o sono scelti dai pazienti): resta fermo per questi operatori sanitari l’obbligo di assicurazione previsto dal decreto legge del 13 agosto 2011 n. 138 e successive leggi. L’articolo 10 comma 3 infine regolamenta l’obbligo di assicurazione per tutti gli altri operatori presso la struttura sanitaria non in regime di libera professione (in altre parole di quegli operatori sanitari che esercitano l’attività in qualità di dipendenti e non prestando assistenza a pazienti che non hanno scelto e dai quali non sono stati scelti): ciascun esercente la professione sanitaria  che presta la propria opera a qualunque titolo presso una struttura sanitaria – pubblica o privata – provvede alla stipula, con oneri a suo carico di un’adeguata polizza di assicurazione per colpa grave. Richiamato utilmente il dettato della legge Gelli è indubbio che la sua posizione risulta regolamentata ai fini assicurativi dall’articolo 10 comma 3. Lei dovrà pertanto stipulare una polizza che la garantisca da azioni di rivalsa nel caso di sua colpa grave attivate dalla Struttura ove opera ovvero da azioni di surroga attivate dall’assicuratore della stessa che ha liquidato un danno. Ma la legge Gelli, nelle more della emanazione del decreto attuativo che ne deve normare alcuni aspetti essenziali, non ha ancora dispiegato la sua efficacia. Né per altro le compagnie di assicurazione, in attesa di tale decreto, hanno predisposto l’idoneo prodotto assicurativo per la colpa grave. Siamo quindi in una situazione transitoria, speriamo breve. Per altro sul mercato assicurativo esiste da tempo la copertura assicurativa per la colpa grave degli professionisti sanitari operanti presso le strutture del SSN. Ma, a nostro parere, questa copertura non è adeguata  alla sua posizione in quanto il  rapporto di servizio con il SSN riguarda la sua struttura privata e non lei direttamente.  Non rimane quindi che attendere un po’ di tempo. Spero di averle illustrato in maniera chiara la situazione.

 

 

Articoli correlati
Legge Gelli, in arrivo i decreti attuativi. L’avvocato Hazan: «Saranno pronti prima del termine legislatura»
«Dopo un incontro al Ministero con tutti gli stakeholder della sanità, siamo riusciti a strappare una promessa…», così ai nostri microfoni l’esperto della riforma della Responsabilità professionale in sanità
Forum Risk Management: «Ecco cosa sta cambiando con la Legge Gelli»
A Firenze il Forum Risk Management in Sanità, rassegna sulle tecnologie applicate alla sicurezza del paziente, giunta alla sua dodicesima edizione. L’avvocato Hazan: «Una norma che premia tutti»
Ostetricia, nasce la nuova società scientifica della categoria SISONG
La Federazione Nazionale dei Collegi delle Ostetriche, dopo alcuni mesi di interlocuzione e diffusione in tema di costituzione di Società Scientifica così come previsto dalla Legge n. 24/2017 (Legge Gelli,) comunica la formazione della nuova Società Scientifica denominata Società Scientifica Italiana di Scienze Ostetrico-Ginecologico-Neonatali (SISONG). Un’adesione massiccia che conta oltre 5mila adesioni da parte delle […]
Legge Gelli, la Federazione Nazionale Collegi Ostetriche invita ad aderire alla nuova Società Scientifica di categoria
La nuova normativa entrata in vigore in tema di responsabilità delle professioni sanitarie (legge n. 24/2017 “Disposizioni in materia di sicurezza delle cure e della persona assistita, nonché in materia di responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie”, entrata in vigore ad aprile 2017), di cui sono stati presentati al momento solo due decreti attuativi, rappresenta […]
Salute della donna: neuropelveologia, staminali e diagnosi prenatale le novità dal congresso Sigo-Aogoi-Agui
«Tra i temi più all’avanguardia, diagnosi prenatale e cellule staminali, argomenti sui quali è necessaria grande accortezza» ai nostri microfoni il Dottor Pier Luigi Sozzi, ginecologo ostetrico e già vicepresidente nazionale Aogoi
di Lucia Oggianu
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»

«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazi...
Sanità internazionale

Elogio della medicina generale, che può veramente salvarci la vita

«Mi sono iscritto a medicina perché ero attirato dalla sua aura di eroismo, dalla possibilità di intervenire per risolvere un problema pericoloso. È stata la sala operatoria, ovviamente, a cattura...
Salute

Al via la prova d’esame delle specializzazioni mediche: «Basta con il concorso ‘lotteria’ dove vince il più fortunato…»

Parte il concorso tanto atteso dai medici neolaureati. Ecco le nuove regole stabilite dal Miur: prova unica nazionale così come la graduatoria finale. Fedeli: «Introdotte novità qualificanti». Ma ...