Mondo assicurativo 26 aprile 2017

Legge Gelli, l’alternativa dell’autoassicurazione della responsabilità sanitaria garantisce certezza nei risarcimenti ai pazienti?

Sono un anestetista dipendente di una clinica privata. Fino ad oggi, pur essendo dipendente, ho provveduto ad assicurarmi in proprio in quanto la mia struttura, per quanto ricordo, non ha mai stipulato alcuna polizza a protezione della sua responsabilità civile. Questa scelta ovviamente costituisce per me un costo al quale gradirei fare a meno! Le […]

di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura

Sono un anestetista dipendente di una clinica privata. Fino ad oggi, pur essendo dipendente, ho provveduto ad assicurarmi in proprio in quanto la mia struttura, per quanto ricordo, non ha mai stipulato alcuna polizza a protezione della sua responsabilità civile. Questa scelta ovviamente costituisce per me un costo al quale gradirei fare a meno! Le chiedo se sia vero che la nuova legge stia cambiando le regole del gioco a favore dei dipendenti delle strutture? Può darmi un’idea di questi cambiamenti?

 

Effettivamente la legge Gelli  stabilisce forti innovazioni in termini di assicurazione e responsabilità facendo anche un po’ di chiarezza nei rapporti tra strutture ed operatori sanitari. La ratio è quella della protezione del paziente in forza della quale le Strutture devono garantire la tutela di tutti coloro che ricorrono alle loro prestazioni a prescindere da colui che le eroga. Indirettamente l’operatore sanitario dipendente, o assimilato, ne trae un vantaggio in quanto il legislatore ha stabilito che debba essere il datore di lavoro a provvedere a rispondere dei danni da questo procurati ai pazienti (con un limite, quello della colpa grave).

Conseguentemente Lei è esentato da stipulare una propria polizza di Responsabilità professionale in quanto è la struttura che deve provvedere in tal senso.

Lei, come dipendente della struttura, dovrà invece munirsi di una polizza che la garantisca dall’azione di rivalsa da parte di colui che ha pagato il danno (l’assicuratore o la stessa struttura) soltanto in caso di sua acclarata responsabilità per colpa grave.

Ma la legge concede alla struttura un’alternativa; quella che viene chiamata “autoassicurazione”, che in verità si realizza nella “non assicurazione”. Cioè la legge concede alla struttura di “tenersi il rischio in proprio” e quindi provvedere a far fronte direttamente con il suo portafoglio al risarcimento dei danni cagionati ai pazienti.

Questa alternativa concessa al datore di lavoro non dovrebbe modificare la posizione dell’operatore sanitario dipendente. Almeno lo speriamo. Infatti in caso di latitanza della struttura l’eventuale citazione effettuata dal paziente al medico dovrebbe essere dal giudice rigettata per mancanza di legittimazione passiva; come dire che il paziente non poteva citare il medico dipendente in quanto lo stesso risponde solo ed esclusivamente a seguito di rivalsa per colpa grave. Certo il medico subirà la seccatura di doversi costituire in giudizio.

Questa alternativa dell’autoassicurazione concessa alle strutture è quindi un’insidia, e non soltanto per coloro che ci lavorano, ma anche per i pazienti. Il panorama delle strutture private italiane infatti non è costituito soltanto da grandi e solvibili gruppi ma anche di piccole aziende che potrebbero non avere mezzi finanziari per far fronte a risarcimenti di entità  medio-grande.

Articoli correlati
Avvocati e medici a confronto su Legge Gelli. Lavra (OMCeO Roma): «Inizio di un percorso che andava assolutamente intrapreso»
Il Presidente dell’Ordine più grande d’Europa commenta ai nostri microfoni la riforma della responsabilità professionale in sanità: «Chi opera in ambito sanitario può stare più tranquillo. Importanti novità su risk management e assicurazioni, ma aspettiamo i decreti attuativi»
La clausola dei fatti noti rischia di neutralizzare l’efficacia della garanzia retroattiva?
Sono un medico libero professionista assicurato fino ad un paio di anni fa con una polizza per la responsabilità professionale stipulata tramite il mio agente di fiducia con il quale ho in corso anche altri contratti assicurativi. Proprio un paio di anni fa ho disdetto questa polizza per aderire ad un’offerta pervenutami da un altro […]
di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura
Legge Gelli: linee guida escludono responsabilità solo se corrispondono al caso concreto
La Corte di Cassazione Penale con la sentenza n. 28187 depositata il 7 giugno 2017 coglie l’occasione per un’interpretazione approfondita del nuovo testo normativo sulla responsabilità professionale. I passaggi più interessanti della lunga disamina della Corte riguardano, in particolare, le linee guida e l’applicabilità temporale della norma. Per quanto riguarda le linee guida, i giudici […]
Ma questa legge Gelli è realmente efficace ed in vigore?
Sono un giovane anestesista; ho acquisito da poco tempo la specializzazione e sto vagliando alcune opportunità di lavoro che mi si sono presentate. Tra le altre, sto prendendo in seria considerazione quella di una clinica privata di una certa notorietà ed importanza nella zona dove opero. Il trattamento propostomi, certo non esaltante economicamente, prevede un […]
di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura
Perché con la ‘Legge Gelli’ le strutture sanitarie provvedono all’assicurazione dei collaboratori non dipendenti?
Sono il titolare di un centro diagnostico e ambulatoriale in provincia di Bari; nella mia attività mi servo di 15 operatori sanitari dei quali 10 medici  con i quali ho stipulato un rapporto di collaborazione con pagamento a presentazione di fattura. Ho in corso una polizza di responsabilità professionale personale che si riferisce alla mia […]
di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...