Lavoro 16 febbraio 2016

«Orari di lavoro, tutelare il medico: giochiamo nella stessa squadra»

Continua il viaggio di Sanità informazione nelle strutture sanitarie. Intervista a Marta Branca, Responsabile IRCCS e IFO nel Lazio: «Il camice bianco si rivolge ai ricorsi se non trova risposte nella sua struttura»

Immagine articolo

Riorganizzare il lavoro tenendo conto delle necessità dei pazienti, ma anche dei medici. A partire dagli orari di lavoro. Perché se dal 25 novembre scorso lo Stato (almeno quello) si è messo in regola con la normativa europea, la realtà che si vive nelle corsie delle città italiane è spesso ben diversa.


Nell’attesa di una soluzione istituzionale che risolva il problema del turnover – e nella speranza che si faccia presto – i medici continuano a rivolgersi alla giustizia per ottenere un risarcimento per tutti quegli anni in cui la normativa comunitaria sugli orari di lavoro non è stata rispettata dall’Italia.

E i dirigenti delle strutture in cui lavorano questi professionisti, da sempre alle prese con troppi problemi da affrontare nel tentativo di compensare le mancanze “istituzionali” che il medico deve affrontare quotidianamente, devono trovare il modo per tutelare, allo stesso tempo, il medico (vittima di turni massacranti) e il paziente. Sanità informazione ha parlato con Marta Branca, Responsabile degli Istituti di Ricovero e Cura a carattere scientifico (IRCCS e IFO) nella Regione Lazio.

«Il problema dell’adeguamento alle normative europee in materia di orari di lavoro è un punto cruciale, in Italia e nel resto d’Europa. I nostri medici e operatori devono sentirsi in una squadra. Il motivo per cui cerchiamo di rispettare gli orari va al di là del mero adempimento alle norme, perché crediamo fortemente nella necessità del giusto riposo. In quanto IRCCS, peraltro, godiamo di un vantaggio: non abbiamo il pronto soccorso, che è collegato maggiormente alle emergenze, e riusciamo quindi a organizzare in modo ottimale l’orario di lavoro dei medici».

Orari di lavoro, e non solo…
«C’è da dire poi che in questa fase i medici sono alle prese anche con altre questioni importanti, come la responsabilità professionale. Spesso i medici si rivolgono alla giustizia perché non riescono a trovare risposte all’interno dell’azienda, e anche perché talvolta vedono uno scollamento fra le politiche portate avanti dalla Regione e dalle direzioni aziendali, e i loro diritti. Noi lavoriamo affinché i nostri professionisti capiscano che nel momento in cui c’è un problema o una denuncia, l’azienda sarà dalla loro parte dall’inizio alla fine. Nel frattempo speriamo si lavori sempre, come si sta facendo, per trovare soluzioni».

Una sensibilità ed attenzione nei confronti delle problematiche del medico che sta caratterizzando l’attuale gestione della struttura.
«Negli IFO il motto è: la persona prima di tutto. Io non ho fatto altro che supportare un processo di umanizzazione che già da anni è in corso in questi istituti».

Articoli correlati
Errori in sanità, Riccardo Tartaglia: «Istruire i medici ad una comunicazione ‘difficile’»
«È opportuno che ricevano una specifica formazione sulla comunicazione ‘difficile’ improntata alla massima trasparenza e chiarezza», così il Direttore del Centro Gestione Rischio Clinico Regione Toscana
«Diseguaglianze, formazione ed ex specializzandi, le prime sfide del Ministro Grillo». Intervista al Presidente FNOMCeO Filippo Anelli
Tutti i nodi da sciogliere sul tavolo del nuovo Governo: «Un’Italia divisa in due, la fuga di cervelli e una programmazione da riorganizzare: la partita è aperta»
Protocollo d’intesa tutela disabilità oncologica INPS-REGIONE-IFO
Oggi, presso Palazzo Wedekind a Roma (piazza Colonna, 366) alle ore 12:30, si terrà la conferenza stampa di presentazione e firma del protocollo sperimentale di intesa finalizzato alla tutela della disabilità da patologie oncologiche. Il protocollo permetterà di semplificare l’iter sanitario per il riconoscimento delle prestazioni assistenziali di invalidità e di handicap alle quali hanno diritto i malati […]
Roma, #HappyNeuroHour al Regina Elena
In occasione della 5°edizione dell’#HappyNeuroHour l’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena (IRE) ha presentato il video di animazione “Vivere senza confini” sull’epilessia tumorale, patologia frequente nei pazienti con tumori cerebrali. Il video è stato realizzato con la super visione scientifica di Marta Maschio, responsabile del Centro per l’Epilessia Tumorale IRE, ideato e realizzato da Luigi Irione e […]
IFO, al via campagna social di sensibilizzazione: “Offri amore, non HPV”
Domenica, 4 marzo gli IFO, Regina Elena e San Gallicano si uniranno alle 80 organizzazioni in tutto il mondo per celebrare la 1° Giornata internazionale di sensibilizzazione contro l’HPV (1st International HPV Awareness Day). L’obiettivo è stimolare la discussione e promuovere uno scambio di idee e conoscenze a livello mondiale sui papillomavirus umani (HPV) e […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM, dal 2019 scattano i controlli. Anelli (FNOMCeO): «Valuteremo inadempienze». Coletto (Agenas): «Stop a ‘infiltrati’, serve verifica»

È a metà strada il triennio ECM 2017-2019: in aumento il numero di medici e operatori in regola, ma rimangono molti camici bianchi inadempienti. Controlli dal 2019. INTERVISTE AD ANELLI (FNOMCEO) E ...
Salute

Aggressioni al personale sanitario, Flori Degrassi (Asl Roma 2): «Operatori in trincea, minacciati anche con pistole»

«Abbiamo dovuto mettere le barriere al Pronto soccorso del Pertini ma l’interfono ostacola il rapporto tra paziente e operatore sanitario. E, nel nostro lavoro, la comunicazione è fondamentale», ...
Salute

Autismo e nuovi Lea, Marino (Fia): «Ancora due anni per attuazione, ma autistici diventeranno una categoria protetta»

«Grazie ai nuovi Lea i pazienti autistici potranno finalmente ricevere l’assistenza adeguata alla propria patologia, così come prescritto dalle Linee Guida per l’Autismo. Necessario mezzo miliar...
di Isabella Faggiano