Lavoro 28 luglio 2014

Numero chiuso, doppia chance per gli esclusi: riammessi e risarciti

La recente sentenza del Consiglio di Stato apre nuovi scenari per i ricorrenti

Immagine articolo

A pochi mesi dai test di accesso alle facoltà universitarie, torna alla ribalta il problema del “numero chiuso”. Nei giorni scorsi, infatti, il Consiglio di Stato ha accolto il ricorso di due studentesse escluse nel 2008 dai test di Medicina all’Università di Messina, successivamente dichiarati invalidi per irregolarità.

Si tratta di una decisione che apre nuovi e interessanti orizzonti per gli aspiranti medici: si profila, infatti, la possibilità non solo di essere riammessi alla facoltà, ma anche di ottenere un risarcimento economico per il ritardato ingresso nel mondo del lavoro. Nel caso specifico, le studentesse sono state risarcite con 10mila euro ciascuna. Sanità Informazione ha raccolto a tale proposito il parere dell’avvocato Sara Saurini, responsabile dell’area legale presso Consulcesi, la più importante realtà a tutela del mondo medico e che, nella sua ventennale esperienza, ha già dimostrato di poter vincere anche le sfide più difficili.

I test d’ingresso alle facoltà universitarie continuano ad agitare i sonni dei ragazzi, ma di recente molti di loro hanno ottenuto importanti sentenze. Di cosa si tratta?
Il Consiglio di Stato ha dato ragione ad alcuni ricorrenti che avevano sostenuto l’illegittima esclusione dai test, ma la novità consiste nella condanna dello Stato al risarcimento del danno. Questo evidenzia la necessità di cambiare i criteri d’accesso: lo Stato e le Università non sono in grado di garantire l’adeguatezza del sistema, né la correttezza del criterio di selezione. E’ opportuno che chi sia escluso ai test proceda con una causa, ma è altrettanto opportuna una revisione della normativa di accesso alle facoltà a numero programmato.

Le istituzioni devono occuparsi di questa problematica, ma intanto i ragazzi cosa possono fare?
Possono ricorrere al TAR per chiedere la possibilità di accedere alla facoltà, ed anche il risarcimento del danno derivante dalla perdita di chance, dal mancato o comunque ritardato accesso al mondo del lavoro. Ma il risarcimento graverà sulle casse dello Stato, ed è per questo che bisogna trovare una soluzione legislativa che modifichi questo sistema.

Per informazioni è a disposizione il numero verde 800.122.777 ed il sito www.numerochiuso.info .

Articoli correlati
Matricola e laureanda a confronto: sogni e incubi dello studente di medicina | GUARDA L’INTERVISTA DOPPIA
Come cambia la concezione della facoltà negli anni? Le paure e le speranze degli studenti del primo anno e di quelli dell’ultimo sono le stesse? Lo abbiamo chiesto direttamente a loro
Test d’ammissione a medicina e professioni sanitarie, pubblicate le date
È stato pubblicato dal Ministero dell’Istruzione il calendario delle prove di ammissione ai corsi di laurea ad accesso programmato per l’Anno Accademico 2018-2019. Si inizia il 4 settembre con medicina e odontoiatria in italiano; il 5 è prevista medicina veterinaria; il 12 sarà la volta delle professioni sanitarie; il 13 di medicina e odontoiatria in […]
Anaao Giovani a favore del numero chiuso: tutela gli studenti più bravi e meritevoli
Anaao Giovani esprime «profonda preoccupazione e disappunto per la proposta, lanciata in campagna elettorale da autorevoli esponenti politici, di abolire il numero chiuso per l’accesso ai corsi di studio universitari. Per quello che riguarda il Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia, infatti, una corretta programmazione del fabbisogno presente e futuro di medici e personale […]
Test di medicina, boom di irregolarità: +75%. Presentata interrogazione parlamentare. Dal 3 ottobre pubblica graduatoria nazionale
Il portale www.numerochiuso.info ha registrato un incremento del 75% di denunce di irregolarità rispetto al 2016 provenienti da tutta Italia. Richiesta a gran voce una soluzione normativa
«La normativa sul numero chiuso va rivista». L’intervista al Senatore Antonio De Poli
Presentata un’interrogazione parlamentare sull’accesso programmato ad alcune facoltà universitarie. «Dobbiamo garantire una formazione a tutti i ragazzi che intendono studiare medicina, anche a distanza, grazie ai sistemi telematici»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Contratto medici, Quici (CIMO): «Aran ci propone copia e incolla del comparto sanità. Ma noi non firmeremo testi peggiorativi»

Il Presidente del sindacato si dice ‘arrabbiato’ per l’andamento delle trattative sul rinnovo contrattuale. E spiega: «Lo Stato ha incluso le risorse nel Fondo sanitario nazionale mentre le reg...