Lavoro 2 dicembre 2014

L’Ue “bandisce” il precariato in Italia: 8mila medici ora sperano

La sentenza per gli insegnanti della Corte di Giustizia europea apre spiragli anche nel comparto sanitario. Sindacati già in trincea. Ipotesi ricorsi

Immagine articolo

Sono 8mila i medici che grazie alla recente sentenza della Corte di Giustizia europea potrebbero veder terminare l’incubo del precariato.

Lo stop ai contratti a termine nella Pubblica Amministrazione imposto, nei giorni scorsi, all’Italia potrebbe infatti far da pungolo al Governo per porre definitivamente rimedio anche alle criticità occupazionali del comparto sanitario. E, seppur i riflettori siano stati accesi soprattutto sulla scuola (violata la direttiva Ce 70/1999 con il rinnovo di contratti a tempo determinato per provvedere alla copertura di posti vacanti), si preannunciano migliaia di ricorsi anche in ambito medico per effetto di quanto appunto disposto dall’Ue.

I sindacati sono, in tal senso, già in trincea e pronti a chiamare in causa i Tribunali. Nel comparto sanitario il personale con contratto a tempo determinato rappresenta, infatti, il 10% della forza lavoro nazionale ed in alcune regioni, come ad esempio la Lombardia, il dato supera abbondantemente questa percentuale. Il Governo viene dunque incalzato ad un rapido adeguamento alle nuove disposizioni attraverso un apposito provvedimento, anche tenendo conto di un’altra pesante criticità: i contratti a tempo determinato nel Ssn rappresentano una varietà di tipologie, molte delle quali classificate tra le “atipiche”. Meglio, insomma, prendere la palla al balzo, operando la stabilizzazione, prima di essere travolti da una valanga di ricorsi.

Un rischio, quello dei ricorsi, a cui potrebbe sommarsene ad un altro: l’Italia, è già sotto procedura di infrazione da parte della Commissione Europea; se non dovesse, dunque, adeguarsi rapidamente dovrebbe anche pagare una multa milionaria. E sarebbe un duro colpo da assorbire in un periodo di crisi e di spending review in cui si chiedono continuamente sacrifici agli italiani e si continua a tagliare su servizi anche essenziali. Il caso della sanità è, in questo senso,  proprio emblematico. Ancora una volta dunque l’Europa estrae il cartellino giallo nei confronti dell’Italia e, per non farsi sventolare il rosso, bisognerà correre in fretta ai ripari per dribblare i ricorsi.

Articoli correlati
Comitato Precari Sanità Siciliana, campagna social per: «stabilizzazioni e calendarizzazione concorsi»
I precari della Sanità Siciliana chiedono l’immediata calendarizzazione delle stabilizzazioni e dei concorsi nelle aziende del SSR. Dopo due anni di annunci disattesi e di fallimenti, è giunto il momento che l’Assessore Regionale alla Salute chiarisca il reale stato dell’arte sui tetti di spesa  e sui tempi per le immissioni in ruolo e l’avvio dei […]
Il «paradosso» del precariato stabile: «Vivo nell’incertezza da sette anni, e sono anche tra i più fortunati…»
La denuncia-testimonianza di Stefano Fazzini, chirurgo vascolare del S.Filippo Neri di Roma: «Questa baracca è fatta di persone che hanno bisogno di cure e non possiamo abbandonarle»
Asl, al via piano assunzione di 1947 persone a tempo indeterminato
Le Asl ora hanno facoltà di applicare autonomamente le disposizioni del decreto 403/2016, che dà il via a un piano di assunzione di 1947 persone a tempo indeterminato. Il Consiglio Regionale del Lazio ha infatti abrogato la Legge Regionale 14 del 2008 che imponeva alle Asl di richiedere un’autorizzazione preventiva alla Regione prima di assumere […]
Personale Ssn: il saldo è in rosso. Ecco i possibili scenari
Partita aperta sui fabbisogni. Nel Lazio sindacati sul piede di guerra e pronti allo sciopero: «Perse oltre 11mila unità». La vita impossibile di medici e cittadini tra turni massacranti e disservizi. La Regione: «3800 assunzioni entro il 2018, non faremo nessun passo indietro»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»

«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazi...
Salute

Fabrizio Frizzi: «Sulla salute non si scherza, ecco perché voglio medici aggiornati e voglio sapere tutto…»

Il popolare conduttore ai microfoni di Sanità Informazione parla del suo rapporto con la salute ed i camici bianchi: «Non sono ipocondriaco, ma sto attento ai segnali». Il racconto di quando donò ...
Lavoro

Cumulo contributivo, la carica dei 130mila. Oliveti: «Siamo pronti ma non è giusto che sia l’Inps a pagare i medici…»

«Il cumulo è diritto di civiltà, ma l’Enpam già prevedeva totalizzazione interna gratuita». A Sanità Informazione, il commento del Presidente della Cassa previdenziale dei medici Alberto Olive...