Lavoro 31 marzo 2015

Il Ministero della Salute “mette sotto inchiesta” la Medicina Difensiva

Costituita una commissione ad hoc: la paura delle denunce costa oltre 10 miliardi l’anno

Immagine articolo

Cresce sempre più l’attenzione delle istituzioni sul tema della responsabilità professionale in ambito sanitario: il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ha annunciato nei giorni scorsi la costituzione di una nuova Commissione consultiva ad hoc, con il compito di fornire al Ministero idoneo supporto per l’approfondimento di queste tematiche e per l’individuazione di possibili soluzioni, anche normative.

Nello stesso contesto, il Ministero ha presentato un documento contenente numeri e ragioni di un fenomeno che aumenta in modo preoccupante, e che costa alle casse dello Stato 10 miliardi all’anno. Dal report emerge inoltre che il 77,9% dei medici ha praticato medicina difensiva almeno una volta nell’ultimo mese, e che per 4 medici su 5 la motivazione risiede nella paura delle denunce.

E’ evidente come la nuova Commissione, presieduta dal Prof. Avv. Guido Alpa, Presidente del Consiglio nazionale Forense, risponde all’esigenza di far fronte alle numerose questioni ancora aperte, anche alla luce della recente pronuncia del Consiglio di Stato. Per l’organo, infatti, in assenza di un regolamento sulle caratteristiche delle polizze, non sussiste l’obbligo per il professionista sanitario di dotarsi di copertura RC e la mancata stipula di una polizza assicurativa non può costituire illecito disciplinare da parte dell’Ordine.

L’annuncio dell’istituzione della nuova Commissione è stato accolto con un caloroso benvenuto da parte del Sindacato Medici Italiani (Smi): “E’ il momento di passare dalle parole ai fatti – sottolinea Pina Onotri, segretario generale Smi – per garantire maggiore informazione ai cittadini, la tutela effettiva del lavoro medico, e un accordo con l’avvocatura per una nuova cultura per la risoluzione alternativa dei conflitti”. Parole che fanno eco alle recenti dichiarazioni del sottosegretario alla Salute, Vito De Filippo, che si era espresso sugli evidenti limiti – nonostante le buone intenzioni – del decreto Balduzzi. Intanto, però, i camici bianchi continuano ad operare con lo spauracchio delle denunce, che come evidenziato di recente da un sondaggio dell’Osservatorio Internazionale della Sanità sono pretestuose per l’80% dei medici.

E mentre Anaao Assomed stronca l’iniziativa del Ministero, di tutt’altro segno è la posizione di Consulcesi Group, principale realtà di settore con sedi in Italia e nel resto del mondo. “Oltre 10 miliardi all’anno per la Medicina Difensiva sono una spesa enorme ed intollerabile – dichiara Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi Group – e il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ha fatto bene a metterlo in evidenza, correndo ai ripari con la costituzione di una commissione ad hoc. Oggi – continua Tortorella – il nostro Gruppo, con l’esperienza di oltre 20 anni al fianco dei professionisti della sanità, è pronto a mettere a disposizione delle istituzioni le indicazioni dei nostri oltre 60mila medici tutelati  per risparmiare subito oltre un miliardo”. Intanto, in attesa di una nuova regolamentazione, molti operatori sanitari hanno già deciso di mettersi le spalle al sicuro scegliendo forme di copertura che prevedono la tutela legale completa.

Articoli correlati
Responsabilità professionale, Gelli: «La Legge 24/17 ha costruito un ponte tra diritto e sanità»
«La Legge ha ottenuto un ottimo riscontro anche in altri Paesi. C'è chi vuole trarre esempio dall’Italia e districare la questione». Così l'ex deputato al convengo in Cassazione
Il medico è responsabile per l’omessa o incompleta informazione anche se il paziente era consapevole delle conseguenze della terapia?
La Corte di Cassazione con la sentenza 7516 del 27 marzo 2018 ha specificato che il medico non può astenersi dall’informare un paziente anche quando quest’ultimo abbia le conoscenze mediche necessarie per conoscere i rischi di una terapia (nel caso di specie si trattava di un’infermiera che svolgeva le sue mansioni proprio nel reparto dell’ospedale […]
Legge Gelli, De Vincentiis (Otorino): «Necessario scoraggiare medicina difensiva durante formazione specialisti»
Secondo il professore «I giovani hanno un approccio “spaventato” ma seguendo linee guida e buone pratiche si possono evitare errori». Dello stesso parere anche il collega Massimo Ralli: «Aggiornarsi è indispensabile per adeguare il proprio operato»
Legge Gelli, parla il chirurgo: «Valutare caso per caso, a volte il rischio è necessario»
In attesa dei decreti attuativi, il punto di vista del professor Valentino Valentini, chirurgo Maxillo-Facciale: «Quello che viene definito ‘errore’, spesso è un tentativo di salvare la vita del paziente»
«Il 50% dei magistrati ancora non applica Legge Gelli sulla nomina dei consulenti»
Il Professor Macrì: «Molti magistrati stanno vanificando le innovazioni della Legge. Medici e cittadini hanno diritto ad avere un vaglio tecnico di qualità, negato dalle nomine di un solo un consulente»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Leucemia infantile, tra le cause anche la mancata esposizione ai microbi. La ricerca pubblicata su Nature

Il Professor Greaves, autore dello studio: «L’incidenza della leucemia linfoblastica acuta infantile è maggiore nei Paesi sviluppati, non a causa di onde elettromagnetiche o agenti chimici, ma deg...