Diritto 19 maggio 2014

Numero chiuso, si preannunciano valanghe di ricorsi

Nuove graduatorie insieme ad assegnazioni e prenotazioni di questi giorni nelle Università riaccendono il dibattito. Intanto arrivano sentenze incoraggianti

Immagine articolo

Riprende con forza la protesta contro l’accesso a numero chiuso alle facoltà universitarie. La pubblicazione, nei giorni scorsi, delle graduatorie per l’ingresso a Medicina, Veterinaria e Architettura ha inevitabilmente riacceso il dibattito.

La protesta non si limita a manifestazioni e striscioni nelle piazze e critiche sui siti web e sui social network, ma sembra destinata a proseguire  soprattutto nelle aule dei Tribunali. Nell’attesa di queste ore, relativamente alla diffusione dei dati sulle assegnazioni e le prenotazioni degli studenti presso le varie università, continuano a rincorrersi nuove notizie sul sempre più ricco versante delle battaglie legali. Solo nei giorni scorsi, ad esempio, il Consiglio di Stato ha ribaltato la decisione del Tar, accogliendo due ricorsi per violazione dell’anonimato nei test dell’università di Salerno e Messina.

Nel frattempo si preparano le prime azioni collettive, al momento focalizzate sulla prova di Bari dell’aprile scorso, con particolare attenzione alla questione del plico mancante e alla violazione dell’anonimato. Nell’occasione erano state mosse anche altre osservazioni, soprattutto inerenti alla tempistica delle prove selettive, collocate a pochi mesi da un altro importante appuntamento per gli studenti, qual è appunto l’esame di maturità.

Dalle piazze ai social si chiede un cambiamento di rotta, partendo dalla costituzione di un tavolo tecnico per la revisione dell’attuale sistema d’accesso da parte del Ministero. In tal senso ci sono state incoraggianti aperture da parte del ministro all’Istruzione Stefania Giannini, che ha anticipato un percorso destinato a portare all’abolizione del numero chiuso, imitando il sistema francese dove non ci sono restrizioni all’accesso, ma la scrematura avviene dopo il primo anno.

Tornando ai ricorsi, sulla spinta delle ultime sentenze del Tar che, lo scorso marzo, hanno dato ragione agli studenti tutelati dai legali Consulcesi, si preannuncia una protesta a valanga. Gli aspiranti universitari vogliono farsi riconoscere il diritto allo studio ed anche se sono sotto accusa le tante anomalie che si sarebbero registrate durante i test, l’obiettivo resta non far annullare la graduatoria nazionale, ma chiedere l’ammissione in sovrannumero dei ricorrenti.

Per tutti gli studenti, e per chiunque desideri ricevere informazioni, è a disposizione la linea gratuita 800 122 777.

Articoli correlati
Numero chiuso, 800 posti in più a Medicina. Gaudio (Sapienza): «Necessari per far fronte a carenza medici»
Saranno 9779 gli aspiranti camici bianchi che potranno immatricolarsi in autunno. Comunicate anche le date dei test: si inizia il 4 settembre con Medicina e Odontoiatria, il 5 con Veterinaria, il 12 sarà la volta delle Professioni sanitarie ed il 13 dei corsi in inglese
Matricola e laureanda a confronto: sogni e incubi dello studente di medicina | GUARDA L’INTERVISTA DOPPIA
Come cambia la concezione della facoltà negli anni? Le paure e le speranze degli studenti del primo anno e di quelli dell’ultimo sono le stesse? Lo abbiamo chiesto direttamente a loro
Test d’ammissione a medicina e professioni sanitarie, pubblicate le date
È stato pubblicato dal Ministero dell’Istruzione il calendario delle prove di ammissione ai corsi di laurea ad accesso programmato per l’Anno Accademico 2018-2019. Si inizia il 4 settembre con medicina e odontoiatria in italiano; il 5 è prevista medicina veterinaria; il 12 sarà la volta delle professioni sanitarie; il 13 di medicina e odontoiatria in […]
Anaao Giovani a favore del numero chiuso: tutela gli studenti più bravi e meritevoli
Anaao Giovani esprime «profonda preoccupazione e disappunto per la proposta, lanciata in campagna elettorale da autorevoli esponenti politici, di abolire il numero chiuso per l’accesso ai corsi di studio universitari. Per quello che riguarda il Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia, infatti, una corretta programmazione del fabbisogno presente e futuro di medici e personale […]
Test di medicina, boom di irregolarità: +75%. Presentata interrogazione parlamentare. Dal 3 ottobre pubblica graduatoria nazionale
Il portale www.numerochiuso.info ha registrato un incremento del 75% di denunce di irregolarità rispetto al 2016 provenienti da tutta Italia. Richiesta a gran voce una soluzione normativa
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Dal corso MMG a Montecitorio, la storia di Rosa Menga (M5S): «Noi medici di famiglia portavoce dei pazienti in Parlamento»

È uno dei più giovani parlamentari della XVIII Legislatura e frequenta il corso di formazione in medicina generale: «Serve una visione meno ospedalocentrica dell’assistenza sanitaria. Telemedina ...
Diritto

Consenso informato, l’avvocato Pittella: «Per medico meno responsabilità civile o penale»

«I giudici in caso di contenzioso chiedono al paziente se è stato correttamente informato. Ma come si fa a saperlo? Un video, un audio, un consenso scritto in presenza dei testimoni? Questo è quell...
Formazione

Numero chiuso, 800 posti in più a Medicina. Gaudio (Sapienza): «Necessari per far fronte a carenza medici»

Saranno 9779 gli aspiranti camici bianchi che potranno immatricolarsi in autunno. Comunicate anche le date dei test: si inizia il 4 settembre con Medicina e Odontoiatria, il 5 con Veterinaria, il 12 s...