Diritto 19 maggio 2014

Numero chiuso, si preannunciano valanghe di ricorsi

Nuove graduatorie insieme ad assegnazioni e prenotazioni di questi giorni nelle Università riaccendono il dibattito. Intanto arrivano sentenze incoraggianti

Immagine articolo

Riprende con forza la protesta contro l’accesso a numero chiuso alle facoltà universitarie. La pubblicazione, nei giorni scorsi, delle graduatorie per l’ingresso a Medicina, Veterinaria e Architettura ha inevitabilmente riacceso il dibattito.

La protesta non si limita a manifestazioni e striscioni nelle piazze e critiche sui siti web e sui social network, ma sembra destinata a proseguire  soprattutto nelle aule dei Tribunali. Nell’attesa di queste ore, relativamente alla diffusione dei dati sulle assegnazioni e le prenotazioni degli studenti presso le varie università, continuano a rincorrersi nuove notizie sul sempre più ricco versante delle battaglie legali. Solo nei giorni scorsi, ad esempio, il Consiglio di Stato ha ribaltato la decisione del Tar, accogliendo due ricorsi per violazione dell’anonimato nei test dell’università di Salerno e Messina.

Nel frattempo si preparano le prime azioni collettive, al momento focalizzate sulla prova di Bari dell’aprile scorso, con particolare attenzione alla questione del plico mancante e alla violazione dell’anonimato. Nell’occasione erano state mosse anche altre osservazioni, soprattutto inerenti alla tempistica delle prove selettive, collocate a pochi mesi da un altro importante appuntamento per gli studenti, qual è appunto l’esame di maturità.

Dalle piazze ai social si chiede un cambiamento di rotta, partendo dalla costituzione di un tavolo tecnico per la revisione dell’attuale sistema d’accesso da parte del Ministero. In tal senso ci sono state incoraggianti aperture da parte del ministro all’Istruzione Stefania Giannini, che ha anticipato un percorso destinato a portare all’abolizione del numero chiuso, imitando il sistema francese dove non ci sono restrizioni all’accesso, ma la scrematura avviene dopo il primo anno.

Tornando ai ricorsi, sulla spinta delle ultime sentenze del Tar che, lo scorso marzo, hanno dato ragione agli studenti tutelati dai legali Consulcesi, si preannuncia una protesta a valanga. Gli aspiranti universitari vogliono farsi riconoscere il diritto allo studio ed anche se sono sotto accusa le tante anomalie che si sarebbero registrate durante i test, l’obiettivo resta non far annullare la graduatoria nazionale, ma chiedere l’ammissione in sovrannumero dei ricorrenti.

Per tutti gli studenti, e per chiunque desideri ricevere informazioni, è a disposizione la linea gratuita 800 122 777.

Articoli correlati
Test di medicina, boom di irregolarità: +75%. Presentata interrogazione parlamentare. Dal 3 ottobre pubblica graduatoria nazionale
Il portale www.numerochiuso.info ha registrato un incremento del 75% di denunce di irregolarità rispetto al 2016 provenienti da tutta Italia. Richiesta a gran voce una soluzione normativa
«La normativa sul numero chiuso va rivista». L’intervista al Senatore Antonio De Poli
Presentata un’interrogazione parlamentare sull’accesso programmato ad alcune facoltà universitarie. «Dobbiamo garantire una formazione a tutti i ragazzi che intendono studiare medicina, anche a distanza, grazie ai sistemi telematici»
Test d’ingresso a Medicina, boom di irregolarità denunciate: 5 atenei finiscono nel mirino
Problemi relativi a scheda anagrafica, non rispetto delle tempistiche, mancati controlli: centinaia di denunce raccolte. E chi è stato escluso già prepara il ricorso
Università di Firenze: test d’ammissione sbagliati per cinque facoltà. Tutti ammessi
I quesiti proposti non erano conformi a quelli indicati nel bando per l’ammissione: meno domande, materie diverse e parti mancanti. Per questo i 1.329 candidati che lo scorso 8 settembre avevano tentato il test d’ingresso per le facoltà di Biotecnologie, Scienze biologiche, Scienze farmaceutiche applicate, Farmacia e Controllo qualità, Chimica e tecnologia farmaceutiche all’Università di […]
Test medicina: proteste davanti atenei. Ben 124 i posti in meno rispetto al 2016, arriva interrogazione parlamentare
Anche quest’anno al via i test d’ingresso per le facoltà a numero chiuso. Ad aprire le danze Medicina e odontoiatria con 67mila domande d’iscrizione e 124 posti in meno rispetto al 2016. Intanto si parla di una probabile interrogazione parlamentare sul tema
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi: 62 milioni di euro di rimborsi. Ma arriva la prescrizione…

Lavra (OMCeO Roma): «Felice per i colleghi rimborsati, Consulcesi patriottica». Andrea Tortorella (Ad Consulcesi): «Cifra emblematica, consigliamo a tutti i camici bianchi di muoversi prima della p...
Lavoro

Medici di famiglia, Lorenzin: «Sono le nostre braccia sul territorio. Più risorse da Def e fondi regionali»

«Investiamo sul capitale umano, i nostri medici di famiglia sono l’anello forte della catena» così il Ministro Lorenzin intervistata al 74° Congresso Nazionale Fimmg. Ecco le ultime novità su D...
Lavoro

Enpam: «Pronti da subito a pagare pensioni in cumulo. Ora il problema sono i tempi»

Prime reazioni alla pubblicazione della circolare Inps che dà operatività al cumulo contributivo gratuito. «Resta il problema di quando queste pensioni saranno pagate» precisa la Fondazione