Contributi e Opinioni 6 febbraio 2017

Cibo surgelato? Ecco 5 consigli utili per evitare rischi…

Ecco i consigli della Società Italiana di Medicina Veterinaria Preventiva riguardo la sicurezza alimentare. Per avere cibo sano sulle nostre tavole è fondamentale la corretta gestione dei prodotti, non solo nell’ambito della filiera alimentare, ma anche nell’uso domestico. Qualche suggerimento….

Gli obiettivi dell’UE riguardo la sicurezza alimentare sono caratterizzati da un approccio integrato, one health, questo concetto è la sintesi dell’azione sinergica di tutte le figure coinvolte nella filiera alimentare, partendo dal produttore sino ad arrivare al consumatore finale. In questo contesto, il consumatore finale riveste un ruolo di primo piano, infatti, fin dal momento dell’acquisto, la sicurezza alimentare dipende molto spesso dalla corretta gestione degli alimenti, in ambito domestico. Procedure di conservazione e preparazione dei cibi non adeguate rappresentano un anello debole nella catena della sicurezza alimentare.

  • E’ molto importante che il consumatore si tuteli quando va a fare la spesa e che segua a casa, semplici regole nella manipolazione e conservazione degli alimenti. Quando si acquistano prodotti alimentari è importante osservare l’igiene e l’ordine del punto vendita: acquistare prodotti e/o ingredienti di buona qualità, affidabili e tracciabili, da fornitori autorizzati e di fiducia è certamente un primo passo verso la sicurezza.
  • Un’altra regola fondamentale è quella di leggere le etichette e la data di scadenza, per i prodotti confezionati è importante verificare lo stato dell’imballaggio, che deve essere integro e non presentare effrazioni, ammaccature, strappi o rotture.
  • Il mantenimento della catena del freddo è un requisito fondamentale per i prodotti refrigerati, surgelati o congelati, ogni variazione, o shock termico, ha infatti effetti irreversibili sul prodotto con conseguenze in termini fisici e organolettici, legati al cambiamento del gusto, se non ad implicazioni batteriche.
  • E’ opportuno evitare quei prodotti che differiscono per consistenza e fattezza dai loro affini, spesso si tratta di prodotti scongelati e rimessi nell’espositore dei surgelati sui quali lo shock termico può influire comportando fenomeni di cristallizzazione o di sgonfiamento del prodotto. E’ frequente l’esempio del gelato con un effetto superficiale simile a brina, quando ha subito uno shock termico ed è stato successivamente ricongelato.
  • Attenzione anche alle confezioni di alimenti refrigerati che si presentano gonfie, in quanto questo effetto è indice di una produzione di gas determinata da proliferazioni batteriche causata da una interruzione della catena del freddo. Gli alimenti refrigerati vanno acquistati in quantità limitate e, specialmente nel periodo estivo, devono essere rapidamente trasferiti nel freezer domestico.
Articoli correlati
Lo Spreco alimentare tra Etica, Salute, Economia ed Ambiente: interventi legislativi nazionali e comunitari
Mentre il Parlamento Europeo con la risoluzione 2011/175 (INI) del 19 gennaio 2012, propone una nuova strategia comunitaria per ripensare il tema degli sprechi alimentari, individuando alcune azioni ritenute inderogabili,[1] la Commissione Europea mette in atto una politica serrata su questo tema promuovendo numerose iniziative di sensibilizzazione; istituendo una piattaforma comunitaria (EU Platform on Food […]
di Maurizio Ferri - Coordinatore Scientifico SIMeVeP
Lo Spreco alimentare tra etica, salute, economia e ambiente
La FAO ci segnala che ogni anno nel mondo vengono sprecati 1,3 miliardi di tonnellate di cibo ancora perfettamente commestibile, un terzo di quanto prodotto e quattro volte la quantità necessaria a sfamare i 925 milioni di persone nel mondo a rischio di denutrizione.[1] Il fenomeno con una diversa dinamica nei diversi passaggi della filiera […]
di Maurizio Ferri - Coordinatore Scientifico SIMeVeP
“Antibiotics: Handle With Care”: dal 14 al 20 novembre la settimana mondiale sull’antibioticoresistenza
Per il secondo anno di seguito, la giornata europea sugli antibiotici – organizzata dallo European Centre for Disease Prevention and Control (Ecdc) ogni 18 novembre, giunta alla IX edizione – si celebra nel corso della settimana mondiale sull’antibiotico resistenza, voluta dall’Oms, con la collaborazione di Fao e Oie, per sensibilizzare i governi, le istituzioni e […]
di S.I.Me.Ve.P
Gatto e Toxoplasmosi: più informazione per un mito da sfatare
La toxoplasmosi è una malattia provocata da parassiti che può colpire anche l’uomo, pericolosa per immunodepressi, neonati e donne in gravidanza. Infatti il parassita ha la capacità di attraversare la barriera placentare e di raggiungere il feto determinando aborto oppure sintomi neurologici ed oculari nel nascituro anche a distanza di trenta anni di età, specialmente […]
di S.I.Me.Ve.P.
Sanità Pubblica Veterinaria: l’anomalia positiva
Sempre più spesso si sente parlare di Medicina unica e Salute unica (One health) e della possibilità/necessità che un approccio integrato tra le due medicine, umana e veterinaria, possa rappresentare un valido metodo per gestire le problematiche sanitarie che alla luce della globalizzazione sempre più comportano nuovi scenari di emergenze che difficilmente riescono a mantenersi […]
di SIMeVeP
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...