Non Categorizzato 20 Maggio 2020

Proposte e criticità secondo i delegati di Cisl Medici Lazio

Nicola Buonaiuto, Geriatra specialista ambulatoriale: Le risorse che un geriatra maggiormente auspica e predilige sono quelle rivolte alla cronicità, perché abbiamo a che fare con scarsi problemi legati all’acuzie ma con grandissimi lunghi e ricorrenti problemi da affrontare per il mantenimento della funzione e dell’autosufficienza dei propri pazienti che hanno tipicamente malattie croniche. Questo presuppone […]

di delegati Cisl Medici Lazio

Nicola Buonaiuto, Geriatra specialista ambulatoriale:

Le risorse che un geriatra maggiormente auspica e predilige sono quelle rivolte alla cronicità, perché abbiamo a che fare con scarsi problemi legati all’acuzie ma con grandissimi lunghi e ricorrenti problemi da affrontare per il mantenimento della funzione e dell’autosufficienza dei propri pazienti che hanno tipicamente malattie croniche. Questo presuppone purtroppo grossi investimenti e questo è il motivo per cui fino ad oggi sono stati un po trascurati, perché probabilmente si tende a pensare che siano soldi mal spesi o spesi peggio rispetto ad altre patologie non legate all’invecchiamento. Il rapporto costo/benefici sulla spesa delle patologie croniche per gli anziani noi geriatri sappiamo che è un rapporto virtuoso ma è chiaro che è piuttosto difficile in una società che prevalentemente si rivolge a persone giovani e a non valorizzare più la popolazione anziana a convincere i decisori che questi investimenti vanno rivolti alle patologie cronico-degenerative della popolazione anziana.

 

Lucilla Boschero, Specialista in Medicina del Lavoro, Responsabile Servizio Presa Nord Asl Frosinone:

Per quanto riguarda il servizio di prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro ritengo sia necessaria la dotazione di sistemi hardware adeguati sia perché è opportuno evitare il più possibile riunioni in presenza ma soprattutto perché la Regione stessa invia materiale formativo online. Però purtroppo le nostre postazioni informatiche sono sprovviste di impianto audio e sono piuttosto obsolete. Inoltre è necessaria la dotazione sistematica di Dpi per i sopralluoghi nei luoghi di lavoro.

 

Gabriele Savini, Farmacista Ospedaliero Dirigente, Asl Roma 5, Ospedale San Giovanni Evangelista Tivoli:

L’implementazione dell’organico sulla base di una effettiva rendicontazione delle attività, direi. Quindi se ci fossero fondi per il comparto farmaceutico del SSN, io mi batterei per rimpolpare gli organici, perché in tutta questa fase siamo bloccati e non abbiamo neanche la possibilità di fermarci. Rispetto a tantissime attività ambulatoriali che sono state interrotte, la nostra non si è mai fermata né quella territoriale né quella ospedaliera, a fronte di nessun riconoscimento personale, degli incarichi e degli investimenti nel migliorare la sicurezza dei luoghi di lavoro, anche in tutte le farmacie, luoghi che dovrebbero avere un’attenzione particolare sia nei locali dove vengono stoccati i farmaci, soprattutto dove ci sono laboratori di galenica clinica e i locali dove soggiorna il personale.

 

Francesco Carbonetti, Specialista in Radiodiagnostica, Asl Roma 2, Ospedale Sant’Eugenio

Auspico che ci sia un’implementazione dell’organico dei medici della radiologia e un ammodernamento del parco tecnologico delle attrezzature che abbiamo a disposizione nei nostri ospedali per poter permettere delle diagnostiche più efficienti e la riduzione dei tempi di attesa per le prestazioni diagnostiche quali Tac, risonanza ed ecografia.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Asl Roma 2, i dirigenti sanitari vicini allo sciopero per il taglio dei 10 minuti di pausa
Magliozzi (Cisl Medici Roma Capitale/Rieti): «Sono 5 anni che lottiamo con i colleghi del Sant'Eugenio, ora si sono uniti quelli del Pertini» 
di Vanessa Seffer
Cisl Medici Lazio: «Il Servizio sanitario regionale pubblico è stato abbandonato»
L'accusa della Cisl Medici Lazio: «Ripartenza doveva servire per riorganizzare, invece ha aperto agli acquisti da privati di tutte le prestazioni di specialistica ambulatoriale»
Spari al San Camillo di Roma, uomo danneggia macchinari e Pronto Soccorso. Cisl Medici: «Inferno per i lavoratori»
L’ennesimo episodio di brutalità e follia è avvenuto all’ospedale San Camillo di Roma, che ha registrato gravissimi danni ai locali, alle apparecchiature e alle vetrate della struttura. Dopo essere stato sottoposto ad accertamenti radiologici, si è armato di un estintore e ha devastato le porte e le finestre dei locali del codice rosso, il locale […]
Non dimentichiamoci della violenza mediatica contro i medici
Gentile Direttore, anche allo scrivente nella sua veste di segretario generale della Cisl Medici Lazio ovvero dell’organizzazione sindacale che più di ogni altra, e lo affermo senza timore di smentita, si è impegnata ai vari livelli istituzionali contro le aggressioni ai medici, è sfuggito un aspetto del fenomeno. Faccio mea culpa. Non c’è nei nostri […]
di Luciano Cifaldi, oncologo, segretario generale Cisl Medici Lazio
Ddl aggressioni, Cifaldi: «Occasione persa assenza obbligo aziende di costituirsi parte civile»
Alla Camera dei Deputati è saltato l’obbligo da parte delle Asl e delle aziende ospedaliere di procedere d’ufficio costituendosi parte civile nei processi che coinvolgono i medici e gli altri operatori sanitari vittime d’aggressione. LEGGI ANCHE: DDL AGGRESSIONI, VIA LIBERA DALLA CAMERA: PENE PIU SEVERE E MULTE FINO A 5MILA EURO. SALTA OBBLIGO DI COSTITUZIONE PARTE […]
di Luciano Cifaldi, oncologo, Segretario Cisl Medici Lazio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 6 luglio, sono 11.451.030 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 534.320 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...