Sanità internazionale 23 maggio 2017

Più rischio di morte se il medico è anziano. Lo studio britannico

E’ il risultato raggiunto da una ricerca condotta da Yusuke Tsugawa della Harvard T. H. Chan School of public health e pubblicata nei giorni scorsi dal British Medical Journal. Osservando per tre anni, dal 2011 al 2014 circa 730mila pazienti ultra sessantacinquenni seguiti da 19mila medici statunitensi, i ricercatori hanno studiato il tasso di mortalità […]

E’ il risultato raggiunto da una ricerca condotta da Yusuke Tsugawa della Harvard T. H. Chan School of public health e pubblicata nei giorni scorsi dal British Medical Journal. Osservando per tre anni, dal 2011 al 2014 circa 730mila pazienti ultra sessantacinquenni seguiti da 19mila medici statunitensi, i ricercatori hanno studiato il tasso di mortalità media a 30 giorni dal ricovero, pari a 11,1%, suddividendolo in base all’età dei medici che curavano i pazienti deceduti: per gli under 40 il dato è del 10,8%, tra i 40 e 49 anni l’11,1%, tra i 50 e i 59 si raggiunge l’11,3% e tra gli over 60 il 12,1%. Una percentuale che aumenta quindi insieme all’età dei medici curanti, raggiungendo l’1% di decessi in più rispetto alla media per i medici con più di 60 anni.

Non si rinvengono invece differenze tra medici più giovani e più anziani quando si paragonano i tassi di riammissione in ospedale dopo il ricovero, sintomo di qualche problema nato nel primo periodo in ospedale, mentre non si sa quanto l’età possa influire sull’operato dei medici che hanno molti pazienti da curare, poiché, come sottolineano i ricercatori, i dati sono stati raggiunti analizzando il lavoro di «medici con bassi o medi volumi di pazienti, ma non con quelli che li hanno alti».

Gli autori sottolineano, infine, come i risultati della ricerca possano essere influenzati anche da fattori esterni rispetto all’età dei medici: per esempio, se in una struttura ospedaliera i pazienti più gravi vengono assegnati più frequentemente ai medici più anziani, i risultati ottenuti in quell’ospedale potrebbero non essere completamente veritieri.

In ogni caso, si tratta di un dato allarmante per la sanità italiana, in cui circa 26mila medici hanno più di sessant’anni. L’esperienza accumulata in decenni di professione non è sufficiente quindi per raggiungere risultati migliori nella cura dei propri pazienti, mentre si rivela più importante conoscere le ultime tecniche e gli strumenti più avanzati. La ricerca è un ulteriore conferma quindi di come l’aggiornamento e la formazione continua in medicina siano fondamentali non solo per rispettare gli obblighi di legge ma anche per essere medici migliori.

Articoli correlati
A liceo Giulio Cesare di Roma il primo corso di disostruzione delle vie aeree
Lezioni di disostruzione pediatrica delle vie aeree e corretto taglio degli alimenti per la sicurezza dei più piccoli. Ma a sedersi sui banchi di scuola questa volta non sono stati solo i ragazzi, bensì gli insegnanti, i genitori, gli educatori, che il 17 ottobre si sono ritrovati al liceo Giulio Cesare di Roma per il […]
Salute, 4,5 mln colpiti da osteoporosi. Ogni 3 secondi una frattura
In Italia circa 3,5 milioni di donne e 1 milione di uomini sono affetti da osteoporosi. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità a causa di questa malattia ogni 3 secondi si verifica una frattura di femore, polso o vertebra: nel nostro Paese, ogni anno, negli over 50 quelle di femore sono più di 90mila mentre sono […]
Malattie infettive, vaccinazioni e accesso alle cure al centro del 2° Congresso Waidid
Emergenza pertosse, primo network globale per l’eradicazione della Tubercolosi, immunizzazione in gravidanza e accesso universale alle cure. Questi sono alcuni degli hot topic al centro del 2° Congresso Internazionale dell’Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici – WAidid –, presieduta dalla professoressa Susanna Esposito, che da oggi al 20 ottobre ospiterà a Milano […]
Patologie delle valvole cardiache. Freri (Cuore Italia): «Colpiti un milione di italiani»
Al via “Ascolta il mio cuore”, la campagna di sensibilizzazione organizzata da Cuore Italia, sostenuta da Senior Italia FederAnziani, e culminata in una “camminata per il cuore” tra i giardini di Villa Borghese, a Roma.
di Isabella Faggiano
Assisi, il metodo WAL (walk and learn) entra a scuola. Massimo Paggi: «Abbiamo aperto una porta sul futuro»
Imparare in movimento è una formula vincente: la studiosa Carla Hannaford ha da tempo confermato l’efficacia del movimento nel processo di apprendimento e nell’educazione infantile. In uno studio fra 500 bambini esaminati, coloro che praticavano più di un’ora di movimento al giorno presentavano un rendimento scolastico migliore di bambini meno attivi. I benefici dell’attività fisica […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...