Sanità internazionale 23 Maggio 2017

Più rischio di morte se il medico è anziano. Lo studio britannico

E’ il risultato raggiunto da una ricerca condotta da Yusuke Tsugawa della Harvard T. H. Chan School of public health e pubblicata nei giorni scorsi dal British Medical Journal. Osservando per tre anni, dal 2011 al 2014 circa 730mila pazienti ultra sessantacinquenni seguiti da 19mila medici statunitensi, i ricercatori hanno studiato il tasso di mortalità […]

E’ il risultato raggiunto da una ricerca condotta da Yusuke Tsugawa della Harvard T. H. Chan School of public health e pubblicata nei giorni scorsi dal British Medical Journal. Osservando per tre anni, dal 2011 al 2014 circa 730mila pazienti ultra sessantacinquenni seguiti da 19mila medici statunitensi, i ricercatori hanno studiato il tasso di mortalità media a 30 giorni dal ricovero, pari a 11,1%, suddividendolo in base all’età dei medici che curavano i pazienti deceduti: per gli under 40 il dato è del 10,8%, tra i 40 e 49 anni l’11,1%, tra i 50 e i 59 si raggiunge l’11,3% e tra gli over 60 il 12,1%. Una percentuale che aumenta quindi insieme all’età dei medici curanti, raggiungendo l’1% di decessi in più rispetto alla media per i medici con più di 60 anni.

Non si rinvengono invece differenze tra medici più giovani e più anziani quando si paragonano i tassi di riammissione in ospedale dopo il ricovero, sintomo di qualche problema nato nel primo periodo in ospedale, mentre non si sa quanto l’età possa influire sull’operato dei medici che hanno molti pazienti da curare, poiché, come sottolineano i ricercatori, i dati sono stati raggiunti analizzando il lavoro di «medici con bassi o medi volumi di pazienti, ma non con quelli che li hanno alti».

Gli autori sottolineano, infine, come i risultati della ricerca possano essere influenzati anche da fattori esterni rispetto all’età dei medici: per esempio, se in una struttura ospedaliera i pazienti più gravi vengono assegnati più frequentemente ai medici più anziani, i risultati ottenuti in quell’ospedale potrebbero non essere completamente veritieri.

In ogni caso, si tratta di un dato allarmante per la sanità italiana, in cui circa 26mila medici hanno più di sessant’anni. L’esperienza accumulata in decenni di professione non è sufficiente quindi per raggiungere risultati migliori nella cura dei propri pazienti, mentre si rivela più importante conoscere le ultime tecniche e gli strumenti più avanzati. La ricerca è un ulteriore conferma quindi di come l’aggiornamento e la formazione continua in medicina siano fondamentali non solo per rispettare gli obblighi di legge ma anche per essere medici migliori.

Articoli correlati
Caregiver sempre più centrale nell’assistenza al paziente. Grigioni (ISS): «Con welfare technology alcune attività diventano semplici»
«La tecnologia può supportare il malato e chi lo assiste. Necessario renderne effettivo l’uso e la sua accettazione anche in contesti sociali e organizzativi» così l’ingegner Mauro Grigioni, direttore del centro TISP all’ISS, in occasione del Convegno ‘La figura del caregiver: tecnologie e ausili per migliorare la qualità della vita’ tenutosi all’Istituto Superiore di Sanità
di Lucia Oggianu
Salute donne, D’Amato (Regione Lazio): «Raddoppiata prevenzione per tumore alla mammella»
«La Regione Lazio è stata tra le prime ad adottare le linee guida sulle Breast Unit prodotte dal Ministero della Salute» dichiara in una nota l’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato – . «Nel 2018 il 75% dell’attività chirurgica riguardante il tumore alla mammella è stato effettuato in uno dei […]
Patto per la salute, Giulia Grillo: «Ascolteremo i protagonisti della sanità per raccogliere idee e modelli innovativi»
L’8, il 9 e il 10 luglio, per tre giorni consecutivi, il ministero della Salute ascolterà i protagonisti della sanità italiana, in vista della definizione del Patto per la Salute 2019-21. L’accordo sarà stipulato da Governo e Regioni per progettare le politiche sanitarie del prossimo triennio. La tre giorni sarà una vera e propria maratona […]
Patto per la salute, Grillo: «Non firmerò con quella clausola» e chiede incontro al Mef su finanziamenti SSN
«Per avere la certezza che quanto già stanziato nella scorsa legge di Bilancio non venga toccato», spiega il ministro della Salute, Giulia Grillo
Tumori, al Regina Elena San Gallicano di Roma l’evento “La bellezza resta anche in estate”
Il 21 Giugno entra l’estate e al Regina Elena San Gallicano venerdì 21 giugno dalle ore 14:00 alle 16:00 (Centro congressi multimediale IFO – aula B) si terrà l’evento per guidare le pazienti oncologiche al vivere al meglio “la bella stagione”. La pelle in estate, per le donne che seguono trattamenti oncologici, è molto delicata […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano