Sanità internazionale 23 Maggio 2017 11:36

Più rischio di morte se il medico è anziano. Lo studio britannico

E’ il risultato raggiunto da una ricerca condotta da Yusuke Tsugawa della Harvard T. H. Chan School of public health e pubblicata nei giorni scorsi dal British Medical Journal. Osservando per tre anni, dal 2011 al 2014 circa 730mila pazienti ultra sessantacinquenni seguiti da 19mila medici statunitensi, i ricercatori hanno studiato il tasso di mortalità […]

E’ il risultato raggiunto da una ricerca condotta da Yusuke Tsugawa della Harvard T. H. Chan School of public health e pubblicata nei giorni scorsi dal British Medical Journal. Osservando per tre anni, dal 2011 al 2014 circa 730mila pazienti ultra sessantacinquenni seguiti da 19mila medici statunitensi, i ricercatori hanno studiato il tasso di mortalità media a 30 giorni dal ricovero, pari a 11,1%, suddividendolo in base all’età dei medici che curavano i pazienti deceduti: per gli under 40 il dato è del 10,8%, tra i 40 e 49 anni l’11,1%, tra i 50 e i 59 si raggiunge l’11,3% e tra gli over 60 il 12,1%. Una percentuale che aumenta quindi insieme all’età dei medici curanti, raggiungendo l’1% di decessi in più rispetto alla media per i medici con più di 60 anni.

Non si rinvengono invece differenze tra medici più giovani e più anziani quando si paragonano i tassi di riammissione in ospedale dopo il ricovero, sintomo di qualche problema nato nel primo periodo in ospedale, mentre non si sa quanto l’età possa influire sull’operato dei medici che hanno molti pazienti da curare, poiché, come sottolineano i ricercatori, i dati sono stati raggiunti analizzando il lavoro di «medici con bassi o medi volumi di pazienti, ma non con quelli che li hanno alti».

Gli autori sottolineano, infine, come i risultati della ricerca possano essere influenzati anche da fattori esterni rispetto all’età dei medici: per esempio, se in una struttura ospedaliera i pazienti più gravi vengono assegnati più frequentemente ai medici più anziani, i risultati ottenuti in quell’ospedale potrebbero non essere completamente veritieri.

In ogni caso, si tratta di un dato allarmante per la sanità italiana, in cui circa 26mila medici hanno più di sessant’anni. L’esperienza accumulata in decenni di professione non è sufficiente quindi per raggiungere risultati migliori nella cura dei propri pazienti, mentre si rivela più importante conoscere le ultime tecniche e gli strumenti più avanzati. La ricerca è un ulteriore conferma quindi di come l’aggiornamento e la formazione continua in medicina siano fondamentali non solo per rispettare gli obblighi di legge ma anche per essere medici migliori.

Articoli correlati
Salute e rintracciabilità, Poligrafico e Zecca dello Stato creano il Passaporto digitale a tutela dell’agroalimentare italiano
L’obiettivo è combattere le contraffazioni più o meno mascherate e far sì che il gusto e la qualità italiane siano premiate dal mercato, anche garantendo a chi nel mondo cerca un prodotto italiano, che sia effettivamente tale
Il Presidente SIRU Luigi Montano premiato al Campidoglio. È “Paladino Italiano della Salute”
A Luigi Montano, uroandrologo, il premio per il progetto di ricerca EcoFoodFertility
Gestione pazienti cronici a rischio cardiovascolare, entra nel vivo il progetto Value Based Healthcare Ecosystem
Nel mondo le malattie cardiovascolari provocano circa 17,9 milioni di morti ogni anno, pari al 31% di tutti i decessi, principalmente per infarto e ictus
Liste d’attesa e fondi a Regioni per recupero prestazioni sanitarie, Cittadinanzattiva: «Disomogeneità e poca trasparenza»
Le PA sono state interpellate su emanazione del piano regionale per il recupero delle liste d'attesa e fondi previsti, programmi/azioni per il recupero delle liste d'attesa, numero prestazioni effettivamente recuperate e ancora da recuperare
Medicina di Genere, Ferro (SitI): «Necessario investire su formazione, comunicazione e ricerca»
Il webinar della Società Italiana di Igiene fa il punto sulla questione e indica tre vie per promuovere l’argomento
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 ottobre, sono 245.021.851 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.972.731 i decessi. Ad oggi, oltre 6,88 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Assicurativo

Questionario assicurativo, come compilarlo in caso di avviso di garanzia dopo denuncia/querela da parte di paziente?

Sono un Cardiochirurgo e mi sto accingendo a compilare un questionario assicurativo per poter richiedere un preventivo. Nel moduli di preventivazione trovo 2 domande alle quali non so rispondere in qu...