Sanità internazionale 23 Maggio 2017 11:36

Più rischio di morte se il medico è anziano. Lo studio britannico

E’ il risultato raggiunto da una ricerca condotta da Yusuke Tsugawa della Harvard T. H. Chan School of public health e pubblicata nei giorni scorsi dal British Medical Journal. Osservando per tre anni, dal 2011 al 2014 circa 730mila pazienti ultra sessantacinquenni seguiti da 19mila medici statunitensi, i ricercatori hanno studiato il tasso di mortalità media a 30 giorni dal ricovero, pari a 11,1%, suddividendolo in base all’età dei medici che curavano i pazienti deceduti: per gli under 40 il dato è del 10,8%, tra i 40 e 49 anni l’11,1%, tra i 50 e i 59 si raggiunge l’11,3% e tra gli over 60 il 12,1%. Una percentuale che aumenta quindi insieme all’età dei medici curanti, raggiungendo l’1% di decessi in più rispetto alla media per i medici con più di 60 anni.

Non si rinvengono invece differenze tra medici più giovani e più anziani quando si paragonano i tassi di riammissione in ospedale dopo il ricovero, sintomo di qualche problema nato nel primo periodo in ospedale, mentre non si sa quanto l’età possa influire sull’operato dei medici che hanno molti pazienti da curare, poiché, come sottolineano i ricercatori, i dati sono stati raggiunti analizzando il lavoro di «medici con bassi o medi volumi di pazienti, ma non con quelli che li hanno alti».

Gli autori sottolineano, infine, come i risultati della ricerca possano essere influenzati anche da fattori esterni rispetto all’età dei medici: per esempio, se in una struttura ospedaliera i pazienti più gravi vengono assegnati più frequentemente ai medici più anziani, i risultati ottenuti in quell’ospedale potrebbero non essere completamente veritieri.

In ogni caso, si tratta di un dato allarmante per la sanità italiana, in cui circa 26mila medici hanno più di sessant’anni. L’esperienza accumulata in decenni di professione non è sufficiente quindi per raggiungere risultati migliori nella cura dei propri pazienti, mentre si rivela più importante conoscere le ultime tecniche e gli strumenti più avanzati. La ricerca è un ulteriore conferma quindi di come l’aggiornamento e la formazione continua in medicina siano fondamentali non solo per rispettare gli obblighi di legge ma anche per essere medici migliori.

Articoli correlati
Recovery Plan, per la sanità 20 miliardi. Come verranno utilizzati
Cosa prevede il capitolo "Salute" del Recovery Plan approvato ieri dal Consiglio dei Ministri
Robotica per la salute, Campus Biomedico-Inail-S. Anna avviano tre progetti innovativi
Caratterizzati dal forte approccio multidisciplinare di “WiFi-MyoHand”, “RGM5” e “3D-AID” puntano su soluzioni tecnologiche innovative e personalizzate per il recupero delle funzionalità motorie in persone amputate di arto superiore
Migranti e salute, presentata l’edizione 2020 del Corriere della Salute di Sanità di Frontiera
Siamo davvero invasi dai migranti? Chi viene nel nostro Paese ci ruba il lavoro? Sono dei privilegiati e hanno accesso a servizi preclusi, invece, agli italiani? Sono queste alcune delle domande a cui l’edizione 2020 de “Il Corriere della Salute di tutti”, la rivista di Sanità di Frontiera, intende dare una risposta
Logoteatroterapia, l’improvvisazione che cura e allena alla vita
L’intervista a Cecilia Moreschi (teatroterapista) e Giorgia Salemi (logopedista): «La logoteatroterapia utilizza il teatro non come fine ma come mezzo. Gli esercizi, consigliati tra gli 8 e i 14 anni, sono adatti a tutti, soprattutto a chi soffre di disturbi legati all’apprendimento, ritardo linguistico o cognitivo, difficoltà prassico-motorie e autismo»
di Isabella Faggiano
Torna Dottor Libro. Andrea Vianello racconta la sua rinascita dopo l’ictus
Il 3 dicembre all’Ospedale Israelitico all’Isola Tiberina il primo appuntamento dopo lo stop imposto dalla pandemia. Nell’opera del giornalista Rai il racconto della battaglia contro la malattia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 15 gennaio, sono 93.129.104 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.994.440 i decessi. Ad oggi, oltre 35,57 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...