Salute 17 Ottobre 2022 17:07

X Congresso Medicina Democratica: «Diritto Costituzionale alla salute per tutti non si tocca»

X Congresso nazionale di Medicina Democratica. Rieletto all’unanimità Marco Caldiroli alla guida dell’associazione, fondata nel 1976 da Giulio Maccacaro e Luigi Mara

X Congresso Medicina Democratica: «Diritto Costituzionale alla salute per tutti non si tocca»

«C’è un obiettivo prioritario confermato dal Congresso: impedire l’affossamento di fatto del diritto alla salute sancito dall’art. 32 della Costituzione, messo a rischio dall’attacco sistematico al Servizio Sanitario Pubblico, attraverso le massicce privatizzazioni, il costante definanziamento e il peggioramento delle condizioni di lavoro degli operatori. Per questo saremo parte attiva e propositiva nei movimenti per il diritto alla salute, per il diritto ad un ambiente salubre e per i diritti civili» ha dichiarato Marco Caldiroli, rieletto all’unanimità Presidente di Medicina Democratica, al termine dei lavori del X Congresso Nazionale, celebrato a Torino al   Centro StudiSereno Regis.

Gli obiettivi del congresso

Difesa e rilancio di un servizio sanitario pubblico basato su prevenzione, cura e riabilitazione ad accesso universale, adeguatamente  finanziato dalla fiscalità generale e partecipato dalle realtà territoriali. Questi gli obiettivi fondamentali emersi dal dibattito e dagli interventi di personalità ed esperti di livello nazionale, che si sono alternati nelle quattro giornate congressuali dell’associazione fondata nel 1976 da  Giulio Alfredo Maccacaro e dal Gruppo di Prevenzione ed Igiene Ambientale del Consiglio di Fabbrica della Montedison di Castellanza guidato da Luigi Mara.

Gravissime carenze negli organici dei medici e degli operatori sanitari, 4.200 nei pronto soccorso, una previsione di meno 40.000 nel SSNN entro il 2024; liste d’attesa infinite; costi sanitari nel privato insostenibili sono solo la punta di un iceberg, che la pandemia ha fatto emergere: solo una “riabilitazione” piena del SSNN, nel segno della riforma del 1978, può risanarlo e rilanciarlo.

Il manifesto per la salute mentale

«Al centro delle nostre iniziative  abbiamo la tutela attiva delle condizioni ambientali – ha aggiunto Caldiroli – gravemente danneggiate da scelte industriali e produttive esclusivamente finalizzate al profitto, continueremo nel contrasto alle produzioni inquinanti e alla indiscriminata predazione delle risorse del pianeta; sulla tutela del lavoro e della sicurezza dei lavoratori, agiremo per porre fine alla strage continua di lavoratori e lavoratrici; proseguiremo nella promozione della dignità umana in ogni ambito, con particolare riferimento alle emergenze relative alla salute mentale». L’ultimo giorno del Congresso è stato infatti dedicato a questo tema aderendo ai contenuti del “Manifesto per la salute mentale” e sottolineando lo stato di impoverimento dei servizi di salute mentale che vanno invece rilanciati, anche nell’ambito delle Case di Comunità, per rispondere al malessere esistenziale non in modo estemporaneo con i “bonus”.

Dal Congresso è emerso anche il richiamo sull’evitare che l’azione del terzo settore venga deviata su interventi sostitutivi dei servizi pubblici e che vengano invece mantenuti e rafforzati gli strumenti per interventi a sostegno delle vittime nelle azioni contro i responsabili, come la costituzione di parte civile nei processi penali per infortuni, malattie professionali, morti e crimini ambientali, come nel caso Eternit Bis, in cui Medicina Democratica è parte civile,  o in quelli che stanno emergendo come la contaminazione delle falde nella zona di Alessandria a causa delle attività Solvay.

L’assemblea dei soci ha nominato il nuovo Consiglio Direttivo, composto da 38 persone, nel quale vi sono nomi storici come Vittorio Agnoletto e Fulvio Aurora e nuovi componenti.  Vicepresidenti sono Paolo Fierro, medico di Napoli ed Emanuela Bavazzano, psicoterapista di Firenze.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 6 dicembre 2022, sono 645.938.366 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.642.462 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa