Salute 12 Marzo 2019

Trasparenza del prezzo dei farmaci, risoluzione italiana all’Oms. Il ministro Grillo: «Nel nostro paese 30 miliardi investiti per l’acquisto di farmaci tra pubblico e privato»

Il documento italiano sarà discusso a Ginevra durante la prossima assemblea mondiale, che si svolgerà dal 20 al 28 maggio. Il direttore generale di Aifa Li Bassi: «Ci assumiamo la responsabilità di essere i portabandiera di un’istanza internazionale»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Dati sui risultati degli studi clinici e sugli effetti avversi dei farmaci accessibili a tutti, informazioni sui prezzi dei medicinali, ricavi, costi di ricerca e sviluppo condivisi tra i governi dei vari Paesi, informazioni dettagliate sui brevetti dichiarati. In altre parole, più trasparenza. Sono questi i punti cruciali della proposta italiana di risoluzione sulla trasparenza del prezzo dei farmaci, inviata all’Organizzazione Mondiale della Sanità, che sarà discussa a Ginevra durante la prossima assemblea mondiale, che si svolgerà dal 20 al 28 maggio.

«Il costo dei farmaci è un tema importantissimo che non coinvolge solo la sostenibilità del Sistema Sanitario Nazionale, ma anche del comparto privato – ha spiegato questa mattina il ministro della Salute, Giulia Grillo, durante la conferenza stampa di presentazione della Risoluzione -. In Italia – ha continuato – sono circa 30 i miliardi investiti per l’acquisto di farmaci, tra pubblico e privato. E la mancanza di trasparenza crea evidenti problemi, così come accaduto di recente negli Stati Uniti, dove è stata aperta un’indagine su un farmaco per l’epatite C dal costo proibitivo: venduto negli Usa per 80 mila dollari, contro i 40 mila richiesti in Italia. Creare una coalizione con tutti i Paesi dell’Oms significa aiutare anche quelle realtà che hanno meno potere di imporsi sulle industrie del farmaco», ha aggiunto Grillo.

E all’Italia è stato affidato proprio l’importante compito di capofila: «Con questa risoluzione – ha commentato il direttore generale di Aifa, Luca Li Bassi – ci assumiamo la responsabilità di essere i portabandiera di un’istanza di livello internazionale. Si tratta una problematica discussa nel corso degli anni, partendo dalla direttiva dell’Unione Europea del 1998 per la trasparenza nel ciclo di vita del farmaco, fino agli aggiornamenti del 2017 dettati dal Parlamento Europeo. Attualmente, dovrebbero essere circa 1.800 le specialità farmaceutiche coperte da riservatezza sul prezzo: si tratta del 57-60% di farmaci ospedalieri o in distribuzione attraverso farmacie ospedaliere o private. Parliamo, ad esempio, di farmaci innovativi oncologici. L’esigenza di una maggiore trasparenza sui dati e sui risultati degli studi clinici è molto sentita anche a livello accademico e scientifico – ha aggiunto Li Bassi -, così come pure servirebbe maggiore chiarezza sui flussi di denaro investiti in ricerca e sviluppo, finanziati anche attraverso canali pubblici. L’ultimo aspetto da non sottovalutare – ha sottolineato il direttore generale di Aifa – è che un mercato farmaceutico può essere davvero competitivo a livello globale solo se trasparente».

LEGGI ANCHE: STATI GENERALI DELLA FARMACIA, COSSOLO (FEDERFARMA): «CONVENZIONE, UNIFORMITA’ E NUOVO MODELLO DI REMUNERAZIONE LE NOSTRE PRIORITA’»

La presentazione della Risoluzione sulla trasparenza del prezzo dei farmaci inviata all’Organizzazione Mondiale della Sanità è stata l’occasione per fare il punto anche sulla revisione del prontuario dei farmaci, avviata di recente. «Il lavoro è già cominciato – ha detto Luca Li Bassi – e sta proseguendo su tre distinti livelli. Il primo esamina i bisogni della popolazione in base ai farmaci già presenti nel prontuario, il secondo analizza l’eventuale presenza di farmaci “doppioni” che se più costosi di altri, a parità di benefici, andranno rimossi. Ed infine, una terza analisi indaga le eventuali esigenze dei pazienti rispetto a farmaci non presenti nel prontuario e che invece andrebbero inseriti, per rispondere sempre meglio – ha concluso il direttore generale di Aifa – ai bisogni di salute della popolazione».

 

 

Articoli correlati
Assunzioni SSN, Leoni (FNOMCeO): «Bene iniziare a parlarne, ma bisogna verificare se annuncio avrà conseguenze concrete»
Il vicepresidente della Federazione degli Ordini dei Medici teme che il superamento del tetto di spesa per il personale calcolato sui parametri dello scorso anno non sia sufficiente a risolvere il problema della carenza di medici e professionisti sanitari: «Se in Veneto mancano 1300 camici bianchi e non calcolo l’incremento sul personale originario, c’è il rischio di non recuperare granché»
Assunzioni SSN, l’annuncio del Ministro Grillo: «Trovato accordo, tetto di spesa per il personale sarà superato»
Dal 2019 la spesa per il personale non potrà superare il valore del 2018 maggiorato del 5%. Ora la norma, che varrà in tutta Italia, è all’esame delle Regioni
Leucemia mieloide e mieloma multiplo, il sì di AIFA a Molmed per la sperimentazione clinica del CAR-T CD44v6
MolMed, azienda biotecnologica focalizzata su ricerca, sviluppo, produzione e validazione clinica di terapie geniche e cellulari per la cura del cancro e malattie rare, comunica di aver ottenuto da AIFA l’autorizzazione ad avviare in Italia la sperimentazione clinica con il proprio CAR-T CD44v6 per il trattamento di pazienti con leucemia mieloide acuta e mieloma multiplo. […]
Sanità del futuro, il Ministro Giulia Grillo: «Ecco come accorceremo le liste d’attesa con la digitalizzazione»
All’incontro Wired Health la titolare della Salute ha parlato di una “cabina di regia” per combattere le fake news: «C’è necessità di comunicare meglio soprattutto temi scientifici. Per questo sono andata in Rai chiedendo di incominciare ad utilizzare l’informazione pubblica per creare una cultura sulla sanità con le prime nozioni di pronto soccorso»
di Federica Bosco e Cesare Buquicchio
Trasparenza in Sanità, Andrea Grasso (Sicoop): «Con Sunshine Act si rafforzerà ulteriormente fiducia medico-paziente»
Al convegno “Legalità e trasparenza in ambito sanitario pubblico e privato” alla Camera si è discusso della novità della legge che renderà tracciabili tutte le erogazioni in denaro o di beni o servizi dell'industria sanitaria in favore dei professionisti del settore. Tra i relatori Stefano De Lillo, Presidente facente funzioni di Agenas e Massimo Enrico Baroni, primo firmatario della proposta di legge
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone