Salute 12 Marzo 2019

Trasparenza del prezzo dei farmaci, risoluzione italiana all’Oms. Il ministro Grillo: «Nel nostro paese 30 miliardi investiti per l’acquisto di farmaci tra pubblico e privato»

Il documento italiano sarà discusso a Ginevra durante la prossima assemblea mondiale, che si svolgerà dal 20 al 28 maggio. Il direttore generale di Aifa Li Bassi: «Ci assumiamo la responsabilità di essere i portabandiera di un’istanza internazionale»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Dati sui risultati degli studi clinici e sugli effetti avversi dei farmaci accessibili a tutti, informazioni sui prezzi dei medicinali, ricavi, costi di ricerca e sviluppo condivisi tra i governi dei vari Paesi, informazioni dettagliate sui brevetti dichiarati. In altre parole, più trasparenza. Sono questi i punti cruciali della proposta italiana di risoluzione sulla trasparenza del prezzo dei farmaci, inviata all’Organizzazione Mondiale della Sanità, che sarà discussa a Ginevra durante la prossima assemblea mondiale, che si svolgerà dal 20 al 28 maggio.

«Il costo dei farmaci è un tema importantissimo che non coinvolge solo la sostenibilità del Sistema Sanitario Nazionale, ma anche del comparto privato – ha spiegato questa mattina il ministro della Salute, Giulia Grillo, durante la conferenza stampa di presentazione della Risoluzione -. In Italia – ha continuato – sono circa 30 i miliardi investiti per l’acquisto di farmaci, tra pubblico e privato. E la mancanza di trasparenza crea evidenti problemi, così come accaduto di recente negli Stati Uniti, dove è stata aperta un’indagine su un farmaco per l’epatite C dal costo proibitivo: venduto negli Usa per 80 mila dollari, contro i 40 mila richiesti in Italia. Creare una coalizione con tutti i Paesi dell’Oms significa aiutare anche quelle realtà che hanno meno potere di imporsi sulle industrie del farmaco», ha aggiunto Grillo.

E all’Italia è stato affidato proprio l’importante compito di capofila: «Con questa risoluzione – ha commentato il direttore generale di Aifa, Luca Li Bassi – ci assumiamo la responsabilità di essere i portabandiera di un’istanza di livello internazionale. Si tratta una problematica discussa nel corso degli anni, partendo dalla direttiva dell’Unione Europea del 1998 per la trasparenza nel ciclo di vita del farmaco, fino agli aggiornamenti del 2017 dettati dal Parlamento Europeo. Attualmente, dovrebbero essere circa 1.800 le specialità farmaceutiche coperte da riservatezza sul prezzo: si tratta del 57-60% di farmaci ospedalieri o in distribuzione attraverso farmacie ospedaliere o private. Parliamo, ad esempio, di farmaci innovativi oncologici. L’esigenza di una maggiore trasparenza sui dati e sui risultati degli studi clinici è molto sentita anche a livello accademico e scientifico – ha aggiunto Li Bassi -, così come pure servirebbe maggiore chiarezza sui flussi di denaro investiti in ricerca e sviluppo, finanziati anche attraverso canali pubblici. L’ultimo aspetto da non sottovalutare – ha sottolineato il direttore generale di Aifa – è che un mercato farmaceutico può essere davvero competitivo a livello globale solo se trasparente».

LEGGI ANCHE: STATI GENERALI DELLA FARMACIA, COSSOLO (FEDERFARMA): «CONVENZIONE, UNIFORMITA’ E NUOVO MODELLO DI REMUNERAZIONE LE NOSTRE PRIORITA’»

La presentazione della Risoluzione sulla trasparenza del prezzo dei farmaci inviata all’Organizzazione Mondiale della Sanità è stata l’occasione per fare il punto anche sulla revisione del prontuario dei farmaci, avviata di recente. «Il lavoro è già cominciato – ha detto Luca Li Bassi – e sta proseguendo su tre distinti livelli. Il primo esamina i bisogni della popolazione in base ai farmaci già presenti nel prontuario, il secondo analizza l’eventuale presenza di farmaci “doppioni” che se più costosi di altri, a parità di benefici, andranno rimossi. Ed infine, una terza analisi indaga le eventuali esigenze dei pazienti rispetto a farmaci non presenti nel prontuario e che invece andrebbero inseriti, per rispondere sempre meglio – ha concluso il direttore generale di Aifa – ai bisogni di salute della popolazione».

 

 

Articoli correlati
Crisi di governo, FNOPO: «Sanità sia priorità per il futuro. Tutelare le donne»
«Forse, come ha affermato la stessa titolare del Dicastero, si sarebbe potuto fare di più e meglio», commenta la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica all'indomani della ufficializzazione della crisi di governo
Crisi di governo, la preoccupazione di Anelli (FNOMCeO): «Ddl aggressioni sarà rallentato nonostante nostre sollecitazioni»
Il Presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri traccia un bilancio dell’operato del ministro Grillo: «Con lei siamo riusciti a mettere a fuoco molte delle problematiche che avevamo sollecitato. Ora se ci sarà un cambio al dicastero dovremmo ricominciare da capo»
«Ho cercato di mettere le cose a posto nella sanità pubblica», l’addio del ministro Grillo dopo le dimissioni del Governo
«Mi auguro che il mio progetto dell’ostetrica di comunità venga realizzato comunque da chi verrà come anche il ddl anti violenza a difesa degli operatori sanitari»
Salute, Ministro Grillo dimissionario: svolgerà solo l’ordinaria amministrazione
Con le dimissioni presentate al Quirinale dal Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, anche il resto del Governo è dimissionario. Tra loro anche il titolare del dicastero Salute, Giulia Grillo. Il Governo e tutti i ministri rimangono comunque in carica fino all’insediamento di un nuovo Governo. Questo accadrà anche in caso di elezioni. L’attività del governo […]
Crisi di governo: la diretta di Sanità Informazione
Giuseppe Conte in Senato annuncia le dimissioni: «Alla fine di questo dibattito mi recherò dal Presidente della Repubblica per dimettermi». Attesa del mondo della sanità per l'esito della crisi: ecco i provvedimenti che rischiano di saltare. Dimissionario anche il Ministro della Salute Giulia Grillo. I commenti dei Senatori della Commissione Sanità e della Commissione Affari Sociali: Binetti, Boldrini, Tiramani...
di Cesare Buquicchio, Giovanni Cedrone, Diana Romersi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone