Salute 4 Dicembre 2023 12:28

Telemedicina, attiva in metà delle farmacie italiane. A gennaio pronta la piattaforma nazionale

Per il 2025 300mila persone dovranno essere raggiunte dai servizi di telemedicina. Elettrocardiogramma, holter pressorio, spiromentria sono solo alcuni dei servizi che si potranno fare a distanza.

di I.F.
Telemedicina, attiva in metà delle farmacie italiane. A gennaio pronta la piattaforma nazionale

Nel 2025 300mila persone dovranno essere raggiunte dai servizi di telemedicina: è questo l’obiettivo fissato dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). Ed è proprio in virtù di questo traguardo che i tecnici dell’Agenas stanno preparando il collaudo della piattaforma nazionale di telemedicina, che si prevede partirà a gennaio, anche se la piena operatività è stimata per il mese di giugno. La piattaforma nazionale di telemedicina è una  delle più attese riforme della sanità  futura, anche nell’ottica di un’integrazione con il rafforzamento della medicina del territorio.

Il lavoro dell’Agenas

Agenas per il 2024-2025 vuole dettare le regole dell’interoperabilità e facilitare tutti i medici che avranno così a disposizione una postazione per la televisita già a cominciare dal prossimo anno. Partirà, poi, con una gara di circa 200 milioni per i device necessari. I vari centri saranno collegati tra loro con centrali operative territoriali e inizierà un percorso di informazione e conoscenza sui nuovi modelli di cura. Pensata con l’obiettivo di favorire l’implementazione omogenea dei percorsi di telemedicina su tutto il territorio  nazionale facilitando la presa in carico da parte delle cure territoriali, la piattaforma andrà a colmare il divario tra le disparità territoriali e offrire maggiore integrazione tra i servizi sanitari regionali e le  piattaforme nazionali, migliorando la qualità clinica e l’accessibilità  ai servizi sanitari dei pazienti.

Quali esami si possono fare a distanza

Elettrocardiogramma, holter pressorio, spiromentria sono solo alcuni dei servizi che si potranno fare a distanza. La telemedicina, seppure senza grande sprint nel nostro paese rispetto ad altri in Europa, è intanto ormai una realtà nella metà delle farmacie italiane. Un’indagine di Federfarma svela che per quanto riguarda l’ECG, la media italiana delle farmacie che erogano il servizio è  del 52%, con un 32% di farmacie che si dichiara disponibile ad implementarlo all’interno della propria attività. Quasi la metà delle farmacie italiane offre i servizi di holter pressorio (50%) e cardiaco (46%), mentre tra i quattro servizi oggetti  l’indagine, la spirometria risulta il meno diffuso tra le farmacie italiane: solo l’8% di esse lo eroga  attualmente, con il 56% che si dichiara disponibile a introdurlo all’interno della propria attività.

Il progetto Federfarma

Questi test diagnostici consistono in telerefertazioni a distanza, effettuate in tempo reale e certificate da medici specialisti. Federfarma, con il supporto della propria società di servizi informatici Promofarma, ha promosso l’erogazione delle prestazioni di telemedicina in regime di libera prestazione presso la rete delle farmacie associate. Il progetto, che nel 2016 contava poco più di 2mila farmacie aderenti, è arrivato oggi a coinvolgerne oltre 9mila su tutto il territorio nazionale, con un incremento progressivo in atto delle adesioni, favorito anche dalle misure del PNRR dedicate alle farmacie rurali. Spostando il focus esclusivamente sulle rurali, i risultati si ssestano approssimativamente sulla media nazionale: il 47% di esse eroga ECG, e il 37% è  disponibile a farlo, il 44 e il 41% offrono rispettivamente holter pressori e cardiaci, con il 41% e il 42% disponibili a introdurli all’interno dei propri servizi. Appena l’8% consente di effettuare una spirometria, con il 58% che intende implementarla all’interno della propria offerta.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.