Salute 13 luglio 2017

Rapporto operatori sanitari-pazienti. Renzo, Presidente CAO: «Centrale la figura dei giornalisti»

Il Presidente della Commissione Albo Odontoiatri della FNOMCeO ai nostri microfoni: «Solo con una corretta informazione i cittadini possono scegliere dove farsi curare e venire a conoscenza di situazioni da denuncia»

I giornalisti e la stampa in generale hanno un ruolo fondamentale di raccordo tra gli operatori sanitari e i cittadini. Ѐ questo il punto principale emerso durante l’evento “Epidemiologia, media e odontoiatria: dai dati numerici alla prevenzione”, organizzato di recente dalla Commissione Albo Odontoiatri (CAO) della FNOMCeO, in partnership con EACI (European Association on Consumer Information), gruppo di specializzazione della Federazione Nazionale della Stampa Italiana.

Giuseppe Renzo, Presidente CAO, ai microfoni di Sanità Informazione ha dichiarato che la buona comunicazione è fondamentale per orientare le scelte di salute dei cittadini, incoraggiare la prevenzione e diminuire i rischi, specificando come la stampa abbia il compito di diffondere il giusto messaggio denunciando le irregolarità e istruendo i cittadini in modo tale da poter scegliere con consapevolezza e giudizio il professionista a cui rivolgersi.

Presidente Renzo, un’importante giornata di confronto fra medici odontoiatri e giornalisti per parlare di un tema molto importante, quello della comunicazione delle vostre competenze e della prevenzione.

«Sì, è un’importante incontro perché tra l’altro determina e rafforza quello che è lo spirito delle nostre iniziative e ancora una volta si identifica in una collaborazione piena tra il mondo della comunicazione, il mondo dell’informazione ed il mondo delle professioni. L’obiettivo è quello di fornire strumenti anche di conoscenza per i cittadini, attraverso la comunicazione e l’informazione, per una libera scelta determinata sulla base di convincimenti e non di messaggi che possono essere diversificati, delle volte anche in forma differente rispetto a quella che è la corretta comunicazione e informazione. Vengono sottoposti i cittadini stessi ad una serie di inviti per poter accedere alle cure laddove invece di inviti non se ne dovrebbero fare e bisognerebbe guardare in primo luogo al diritto alla salute del cittadino stesso».

Uno dei temi emersi durante il confronto è proprio questo, delle catene che offrono servizi odontoiatrici anche in Italia o di quelle strutture all’estero che fanno in qualche modo marketing in Italia per acquisire clienti; abbiamo visto proprio da un’analisi fatta dai colleghi giornalisti come questo tipo di approccio sia molto accattivante dal punto di vista pubblicitario ma dal punto di vista medico lasci a desiderare…

«Assolutamente sì, ma qui è opportuno fare una differenza che ritengo etica nei confronti dei professionisti: se il paziente viene curato bene e viene curato magari ricercando quelle che sono non le tariffe – perché non esiste la tariffa nelle intestazioni odontoiatriche ma le parcelle – se le parcelle sono qualificanti e qualificate rispetto alla parcella stessa non c’è nessun problema. Molto spesso questo non esiste e ci troviamo a dover raccogliere delle lamentale e addirittura a volte denunce laddove alcune catene all’improvviso chiudono e lasciano i pazienti senza le cure ma con in eredità l’obbligo del pagamento e della finanziaria sottoscritta; ci ritroviamo dei pazienti che non sanno a quale professionista potersi poi consegnare in termini di recupero dei danni che sono stati prodotti anche all’estero perché delle prestazioni che vengono effettuate senza il rispetto di alcuni protocolli, senza il rispetto di linee guida, poi possono tradursi in danni anche biologici. La nostra preoccupazione come Federazione dei Medici e degli Odontoiatri, quindi organo ausiliario dell’amministrazione pubblica (Ministero della Salute) è quella di tutelare il cittadino paziente ed ecco perché la comunicazione è importante. Non siamo rappresentanti della corporazione dei dentisti, siamo organo ausiliario e chiediamo alla stampa – che è l’unica che può trasferire il messaggio corretto, non esistendo altre forme di comunicazione che verrebbero tradotte esclusivamente in modo funzionale all’interesse della categoria – di rappresentare l’organismo che può divulgare il giusto messaggio continuando a fare quello che sta già facendo non solo in termini di denuncia – ed è già successo, un caso in particolare, Striscia la Notizia, quante volte le denunce sugli esercenti abusivi della professione o prestanome –  ma  anche in termini di comunicazione per informare, acculturare e consentire ai cittadini di poter scegliere in scienza e coscienza il professionista».

Articoli correlati
Distrofia muscolare di Duchenne e Becker. CRISPR/Cas9 è la “stella” della XVII Conferenza Internazionale
Il fondatore di Parent Project onlus: «L’obiettivo del prossimo anno è dedicare nuove sperimentazioni anche a giovani e adolescenti: chi è già in carrozzina ha più urgenza di trovare una soluzione, rispetto a coloro che hanno appena ricevuto la diagnosi».
di Isabella Faggiano
Epatologia, AISF: «Attività fisica e corretta alimentazione fondamentali per buona salute del fegato. Ecco perché». Il convegno alla Sapienza
Le nuove sfide per l’epatologo, sempre più attento alla medicina preventiva, al centro del meeting precongressuale “Lifestyle and the Liver” organizzato dall’Associazione Italiana per lo Studio del Fegato AISF ed in corso presso l’Aula Magna dell’Università La Sapienza di Roma. EPATOLOGI: VECCHIE E NUOVE SFIDE Il panorama delle malattie del fegato è in continua evoluzione […]
Taranto, il 25 febbraio fiaccolata per le vittime dell’inquinamento industriale
L’Associazione Genitori tarantini sta organizzando un coordinamento di tutte le Associazioni territoriali dei siti più inquinati d’Italia per chiedere, insieme alla Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA), l’istituzione della Giornata Nazionale Vittime dell’Inquinamento Ambientale nella data del 25 Febbraio. «L’Italia intera soffre di malattie ambiente-correlate e i siti altamente inquinati sono a decine sul territorio […]
Medicina transnazionale delle malattie endocrine: il convegno a Udine il 22 febbraio
Di medicina transnazionale delle malattie endocrine si parlerà al convegno che si svolgerà a Udine dal 22 al 23 febbraio, dove saranno a confronto esperti italiani e colleghi dell’Alpe Adria. «Il convegno – spiega Franco Grimaldi, Direttore della Struttura operativa complessa Endocrinologia e Malattie del metabolismo dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Udine e organizzatore dell’incontro – vede […]
Alessio D’Amato (Regione Lazio): «Grazie Manuel per belle parole su personale San Camillo»
«Da oggi per Manuel inizia una nuova sfida e saremo al suo fianco per aiutarlo. Può contare su una famiglia stupenda e una comunità che gli si è stretta attorno e sono certo non farà mancare il suo affetto e il suo appoggio». Lo dichiara in una nota l’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...