Salute 5 Marzo 2021 12:23

Milano, all’ospedale militare di Baggio 1330 vaccini al giorno per farmacisti, psicologi e over 80

Al COM nuovo padiglione gestito da ASST Santi Paolo e Carlo. AstraZeneca per il personale sanitario e Pfizer per gli anziani. Da lunedì prima chiamata per gli insegnanti

di Federica Bosco

Il centro vaccinale presso l’ospedale militare di Baggio, a Milano, raddoppia. Da ieri mattina infatti è attivo un nuovo padiglione gestito dall’ASST Santi Paolo e Carlo. A dirigere i lavori il colonnello Fabio Zullino che sottolinea ai nostri microfoni la virtuosa collaborazione tra l’esercito e le istituzioni locali.

«Unendo le nostre forze riusciamo a vaccinare 1300 persone al giorno, 650 la mattina e altrettante il pomeriggio in due categorie separate. La mattina ci occupiamo del personale sanitario del settore pubblico, quindi farmacisti, psicologi, operatori sanitari e infermieri privati, e invece nel pomeriggio somministriamo le dosi agli ultraottantenni».

Dosi per tutti e organizzazione militare

La macchina funziona bene. All’ASST Santi Paolo e Carlo dal 4 gennaio scorso sono state effettuate 5548 vaccinazioni tra personale dipendente, ditte fornitrici, Croci, medici di medicina generale e pediatri di libera scelta nei presidi ospedalieri, mentre dall’11 gennaio sono state fatte 3355 vaccinazioni nelle RSA metropolitane in collaborazione con il COM. Una sinergia che ha permesso nella prima e seconda fase della campagna vaccinale di somministrare oltre 10 mila dosi a over 80 (Pfizer) e personale sanitario (AstraZeneca) e che proseguirà nei prossimi giorni con insegnanti e anziani a domicilio.

Le dosi non mancano e gli effetti collaterali sono insignificanti: un successo confermato dal direttore generale dell’ASST Santi Paolo e Carlo, Matteo Stocco. «La nota positiva è che la copertura vaccinale funziona e quindi i casi di personale e collaboratori in quarantena per Covid sono scesi a poche unità».

Pronti anche all’emergenza

La nuova area prevede 6 box vaccinali con relative sale d’attesa, un locale per l’emergenza e servizi di supporto. Ad occuparsi della somministrazione delle dosi uno staff composto da 6 medici, 9 infermieri, 5 operatori e 2 assistenti sanitarie. «Abbiamo la postazione ben organizzata con un anestesista disponibile nel settore emergenza e medici con esperienza nell’urgenza. Inoltre, abbiamo i farmaci in ogni box come l’adrenalina pronta da iniettare in caso di bisogno – spiega Paolo Setti Carraro, medico dell’ASST Santi Paolo e Carlo -. Da questo punto di vista il sistema funziona».

Per i nonni in difficoltà si sperimenta il drive through

Gli over 80 arrivano accompagnati da un parente o chi non può camminare entra in macchina e si dirige verso la postazione drive-through. Ad accoglierli il personale militare che verifica i dati dalla tessera sanitaria e fa l’anamnesi. Pochi minuti e poi si procede con la vaccinazione. Tra un vaccino e l’altro i nonni milanesi non risparmiano complimenti e battute. C’è chi come Carlo sottolinea la gentilezza del personale e chi si sente protagonista per un giorno come ai vecchi tempi. Paolo e Anna sono marito e moglie, per loro il Covid è stato una grande occasione per accrescere la famiglia, ci raccontano: a 85 e 89 anni sono diventata bis nonni cinque volte. Nonostante un pizzico di paura, hanno fretta di fare il vaccino per stare più vicini ai pronipoti. Tornare ad una vita normale è il desiderio di tutti.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Vaccini anti-Covid ai bambini, Rasi: «Per Natale regaliamo ai nostri figli uno “scudo” contro il virus»
Nel corso di formazione professionale Ecm di Consulcesi Club "Come nasce un vaccino. Progettazione, sviluppo, sperimentazione e commercializzazione", Rasi spiega agli operatori sanitari il perché bisogna fidarsi della scienza
Vaccinare i bambini essenziale per immunità di gregge. Mannucci (Aifa): «Insensati timori su effetti a lungo termine»
«I bambini rispondono meglio degli adulti ai vaccini, l’approvazione della FDA negli Usa è un segnale preciso»
di Federica Bosco
AAA cercansi pediatri a Milano: «20 mila bambini rischiano di restare scoperti»
L'appello di un pediatra di Gratosoglio ad ATS e Regione Lombardia: «Per coprire le zone più carenti necessari bandi straordinari»
di Federica Bosco
Ministero: «I sanitari non vaccinati non possono esercitare in alcun modo la professione»
La circolare del Ministero della Salute alle Federazioni degli Ordini: «La sospensione é tout court, e non limitata alle attività a contatto con le persone. Eventuali ricorsi alla Commissione Centrale per gli Esercenti le Professioni Sanitarie non hanno effetti impeditivi»
Eventi avversi vaccini anti-Covid, non grave l’86%. Il rapporto Aifa
Pervenute 91 mila segnalazioni su un totale di 76,5 milioni di dosi somministrate (tasso di segnalazione di 119 ogni 100.000 dosi)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 gennaio, sono 328.127.717 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.539.717 i decessi. Ad oggi, oltre 9,62 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre