Salute 5 Marzo 2021 12:23

Milano, all’ospedale militare di Baggio 1330 vaccini al giorno per farmacisti, psicologi e over 80

Al COM nuovo padiglione gestito da ASST Santi Paolo e Carlo. AstraZeneca per il personale sanitario e Pfizer per gli anziani. Da lunedì prima chiamata per gli insegnanti

di Federica Bosco

Il centro vaccinale presso l’ospedale militare di Baggio, a Milano, raddoppia. Da ieri mattina infatti è attivo un nuovo padiglione gestito dall’ASST Santi Paolo e Carlo. A dirigere i lavori il colonnello Fabio Zullino che sottolinea ai nostri microfoni la virtuosa collaborazione tra l’esercito e le istituzioni locali.

«Unendo le nostre forze riusciamo a vaccinare 1300 persone al giorno, 650 la mattina e altrettante il pomeriggio in due categorie separate. La mattina ci occupiamo del personale sanitario del settore pubblico, quindi farmacisti, psicologi, operatori sanitari e infermieri privati, e invece nel pomeriggio somministriamo le dosi agli ultraottantenni».

Dosi per tutti e organizzazione militare

La macchina funziona bene. All’ASST Santi Paolo e Carlo dal 4 gennaio scorso sono state effettuate 5548 vaccinazioni tra personale dipendente, ditte fornitrici, Croci, medici di medicina generale e pediatri di libera scelta nei presidi ospedalieri, mentre dall’11 gennaio sono state fatte 3355 vaccinazioni nelle RSA metropolitane in collaborazione con il COM. Una sinergia che ha permesso nella prima e seconda fase della campagna vaccinale di somministrare oltre 10 mila dosi a over 80 (Pfizer) e personale sanitario (AstraZeneca) e che proseguirà nei prossimi giorni con insegnanti e anziani a domicilio.

Le dosi non mancano e gli effetti collaterali sono insignificanti: un successo confermato dal direttore generale dell’ASST Santi Paolo e Carlo, Matteo Stocco. «La nota positiva è che la copertura vaccinale funziona e quindi i casi di personale e collaboratori in quarantena per Covid sono scesi a poche unità».

Pronti anche all’emergenza

La nuova area prevede 6 box vaccinali con relative sale d’attesa, un locale per l’emergenza e servizi di supporto. Ad occuparsi della somministrazione delle dosi uno staff composto da 6 medici, 9 infermieri, 5 operatori e 2 assistenti sanitarie. «Abbiamo la postazione ben organizzata con un anestesista disponibile nel settore emergenza e medici con esperienza nell’urgenza. Inoltre, abbiamo i farmaci in ogni box come l’adrenalina pronta da iniettare in caso di bisogno – spiega Paolo Setti Carraro, medico dell’ASST Santi Paolo e Carlo -. Da questo punto di vista il sistema funziona».

Per i nonni in difficoltà si sperimenta il drive through

Gli over 80 arrivano accompagnati da un parente o chi non può camminare entra in macchina e si dirige verso la postazione drive-through. Ad accoglierli il personale militare che verifica i dati dalla tessera sanitaria e fa l’anamnesi. Pochi minuti e poi si procede con la vaccinazione. Tra un vaccino e l’altro i nonni milanesi non risparmiano complimenti e battute. C’è chi come Carlo sottolinea la gentilezza del personale e chi si sente protagonista per un giorno come ai vecchi tempi. Paolo e Anna sono marito e moglie, per loro il Covid è stato una grande occasione per accrescere la famiglia, ci raccontano: a 85 e 89 anni sono diventata bis nonni cinque volte. Nonostante un pizzico di paura, hanno fretta di fare il vaccino per stare più vicini ai pronipoti. Tornare ad una vita normale è il desiderio di tutti.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Eventi avversi vaccini anti-Covid, il terzo rapporto Aifa: «Il 92,7% non gravi»
Sono 46.237 le segnalazioni registrate su un totale di 9 milioni di dosi somministrate, con un tasso di 36 eventi gravi ogni 100 mila somministrazioni. La distribuzione per sesso ed età
Vaccini, Ippolito (Cts): «Rischi Covid maggiori di ipotetici eventi avversi. Tanto basta per decisioni razionali»
Dalle rare reazioni avverse di AstraZeneca e Johnson&Johnson ai dubbi sulla seconda dose, le risposte del direttore scientifico dello Spallanzani e membro del Cts Giuseppe Ippolito
di Peter D'Angelo
Covid, MSF: «Vaccinare persone ad alto rischio nei Paesi in via di sviluppo prima di quelle a basso rischio nei Paesi ricchi»
La presidente di Medici Senza Frontiere Claudia Lodesani: «Il 75% dei vaccini somministrato in 10 Paesi del mondo. Ci sono Stati che non hanno ricevuto ancora una singola dose. I brevetti vanno sospesi per tutta la durata della pandemia»
di Federica Bosco
La saga di AstraZeneca: come una comunicazione sbagliata può ostacolare un ottimo vaccino
Il vaccino Vaxzevria, meglio noto come AstraZeneca, presenta un ottimo profilo di efficacia e sicurezza nonostante una percezione negativa che gran parte del pubblico ha sviluppato, principalmente causata da errori di comunicazione e di comportamento da parte del produttore
di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi
Draghi: «Assurdo vaccinare uno psicologo di 35 anni». La risposta degli psicologi: «È stato il Governo a sancire l’obbligo per tutti i sanitari»
Lazzari (CNOP): «Siamo increduli. Quando il vaccino era volontario circa la metà degli psicologi vi aveva rinunciato, mostrando un grande senso di responsabilità. Si tratta di professionisti che onestamente avevano ritenuto che le proprie condizioni di lavoro (a distanza) non potessero mettere a rischio lo stato di salute dei propri pazienti»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 aprile, sono 142.112.632 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.030.299 i decessi. Ad oggi, oltre 904,92 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...
Politica

Cosa prevede il nuovo decreto legge, tra scudo penale e obbligo vaccinale per i sanitari

Licenziato il nuovo decreto legge a firma del Consiglio dei Ministri. Tutta Italia rossa e arancione fino al 30 aprile, ma scuole aperte fino al primo anno di secondaria. Arrivano obbligo vaccini per ...