Salute 10 agosto 2017

Migranti e salute, le indicazioni del SIMM. Marceca: «Puntare su formazione personale e corretta comunicazione»

Il Presidente della Società Italiana di Medicina delle Migrazioni spiega ai nostri microfoni quali sono i benefici di un corretto approccio al processo migratorio: «Gli operatori sanitari devono essere addestrati adeguatamente ad affrontare qualsiasi situazione». E aggiunge: «La capacità di curare gruppi di popolazione più vulnerabili fa crescere anche la qualità dei servizi forniti agli “autoctoni”»

«Formazione del personale sanitario e corretta comunicazione». Sono queste, secondo Maurizio Marceca, Presidente della Società Italiana di Medicina delle Migrazioni, due tra le armi più importanti a disposizione del Servizio sanitario nazionale per combattere, per quanto possibile, la tragedia dei fenomeni migratori e di tutte le sue implicazioni sociali e sanitarie, almeno sul territorio Italiano. Il Presidente Marceca spiega ai nostri microfoni che entrambi questi aspetti sono «decisivi perché tutte le trasformazioni sociali richiedono una riflessione, un approfondimento: noi abbiamo a che fare con migranti da oltre 30 anni, ma è evidente che per molte persone l’attuale fenomeno migratorio ha delle caratteristiche peculiari che preoccupano. Per questo – continua Marceca – dobbiamo riuscire a contestualizzare il fenomeno nel modo più corretto».

Ed è qui che entra in gioco la corretta comunicazione nei confronti dei cittadini, utile per «trasmettere a tutti quali sono le valutazioni in ambito sanitario che siamo in grado di fare a livello scientifico sui migranti, cercando di evitare – spiega – la ripetizione di dinamiche di manzoniana memoria come il “dalli all’untore”, che purtroppo sono abbastanza automatiche in questi casi». È necessario dunque comunicare correttamente qual è lo stato di salute e le condizioni sanitarie di chi arriva da altri Paesi per scappare da una guerra o dalla povertà assoluta. Ma è «ancor più rilevante – spiega Marceca – la formazione dei professionisti sanitari: i migranti vengono a contatto con una pluralità di operatori interessati a diverso titolo dal fenomeno, ed è importante che ognuno di loro sia stato addestrato adeguatamente su quelle che sono le caratteristiche del fenomeno migratorio e sulle specificità in termini di esposizione a malattie. Devo dire – confida Marceca – che, per quanto riguarda la nostra esperienza, tutto questo produce entusiasmo nei professionisti con cui veniamo in contatto, non reazioni negative. E per questo io, che sono un docente universitario, credo veramente che la formazione sia una strategia fondamentale per migliorare la salute delle persone». Non solo dei migranti, ma anche di chiunque viva in Italia: «La capacità di offrire a gruppi di popolazione più vulnerabili adeguate risposte, fa aumentare anche la qualità dei servizi forniti agli “autoctoni”, al resto della popolazione italiana. Si tratta dunque di un investimento che tocca tutti, e che dunque non può essere considerato un privilegio per pochi. È caratteristica del nostro sistema – conclude Marceca – quella di essere sempre attenti alla salute di qualunque persona sia presente sul nostro territorio, indipendentemente dalle sue caratteristiche o dal suo status giuridico, in perfetta coerenza con quanto sancito dalla nostra Costituzione»

Articoli correlati
Medici, 9 e 23 novembre sarà sciopero di 24 ore. Tra le motivazioni il mancato rinnovo del contratto e i pochi fondi per le assunzioni
La prima giornata coinvolgerà tutti i dirigenti sanitari, la seconda toccherà gli anestesisti. Mercoledì 17 ottobre sit-in a Montecitorio. Grillo: «Il contratto sottoscritto non aveva le coperture. Siamo al lavoro per trovarle»
Milano, tariffe agevolate e tempi di attesa ridotti. Ecco l’innovativo servizio di prenotazione “Salute4you”
È attivo in quindici farmacie milanesi marchio LloydsFarmacia, Gruppo Admenta Italia, oltre alla parafarmacia LloydsSalute di CityLife, il servizio di prenotazione esclusivo Salute4You, che consente all’utente-paziente di accedere ad una vasta gamma di visite ed altri accertamenti sanitari presso le principali strutture sanitarie della città di Milano. Il tutto usufruendo di tariffe agevolate e tempi di […]
Fertilità maschile, numero spermatozoi in caduta libera: meno 59,3% in 40 anni. Visite gratuite a Roma
Da 99 milioni di spermatozoi per millilitro nel 1973 a 47 milioni nel 2011. Questo, è il crollo verticale della capacità riproduttiva maschile fotografata dalla meta-analisi apparsa su Human Reproduction Update. Eppure la prevenzione e la protezione della fertilità maschile sono le grandi assenti dai programmi di screening e in molti casi i problemi vengono […]
Malattie Croniche Intestinali, parte campagna sensibilizzazione. Pisanti (Ministero Salute): «Serve integrazione tra specialisti»
In Italia circa 200mila persone colpite da Morbo di Chron e Colite ulcerosa. Gruppo di studio Ig-IBD calcola un miliardo l’anno il costo per il SSN. La Coordinatrice del Piano delle Cronicità: «Importante anche per operatori supporto psicologico»
Albano laziale: sabato al via l’iniziativa “Io aderisco”
Sensibilizzare la popolazione ad aderire alle buone pratiche e agli stili di vita sani, nel rispetto dell’ambiente che ci circonda: questi gli obiettivi al centro dell’iniziativa “Io Aderisco” che si svolgerà ad Albano Laziale (corso Garibaldi 12) sabato 13 ottobre a partire dalle 10,30. Alla giornata di dibattiti, “camminate” e sport nel verde parteciperanno Daniele […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila